E’ delle ultime ore la notizia che, tramite la Repubblica, alcune personalità della cultura italiana stanno rivolgendo un appello in particolare a Beppe Grillo per ricredersi sul mancato appoggio al governo e dare dunque il via a una fase di collaborazione tra Pd e MoVimento 5 Stelle per “un governo di alto profilo“.

Tra i firmatari della petizione, troviamo addirittura Roberto Benigni, Roberto Saviano, don Luigi Ciotti, Oscar Farinetti, don andrea Gallo, Carlo Petrini, Barbara Spinelli e Michele Serra.

Insomma, un parterre di tutto rispetto a sostegno della “pazza idea” di dare vita a un esecutivo a seguito del cambiamento più radicale mai avvenuto in Parlamento nei decenni di storia repubblicana.

Ma Beppe Grillo ha ribadito nuovamente di non voler dare ascolto alle sirene che, da settimane, si rincorrono per convincerlo ad appoggiare un governo magari guidato da Pier Luigi Bersani.

A modo suo, il blogger comico genovese ha rispedito ancora una volta al mittente le invocazioni, pubblicando sulla propria pagina il testo della canzone “Gli intellettuali” di Giorgio Gaber, specificando che “L’intellettuale italiano è in prevalenza di sinistra, dotato di buoni sentimenti e con una lungimiranza politica postdatata”.

Commenti al vetriolo, insomma, per il comico che dimostra di non gradire il monito dell’intellighenzia del Paese, per la formazione di un esecutivo a seguito delle prossime consultazioni al Quirinale.

Addirittura, Grillo cita la definizione del termine “intellettuale” tratta dal dizionario Devoto-Oli: “Persona fornita di una buona cultura o cultore di studi per lo più riconducibili a un moderno valore umanistico”, spiega il noto vocabolario. Una spiegazione a cui Grillo aggiunge la propria personalissima perifrasi: “Se si schiera lo fa per motivi etici, morali, umanistici su indicazione del partito. Quando il pdmenoelle chiama, l’intellettuale risponde. Sempre! In fila per sei con il resto di due.”

Riportiamo di seguito il video della canzone di Giorgio Gaber postata da Beppe Grillo sul proprio blog, come replica all’appello lanciato dagli intellettuali su Repubblica.


1 COOMENTO

  1. BUONA GIORNATA, MI CHIEDO MA CHI SONO QUESTI CHE SI PERMETTONO DI DISPENSARE INVITI, CONSIGLI, DALLE PAGINE DI UN GIORNALE CHE NON NE HA MAI AZZECCATA UNA IN QUESTIONI ELETTORALI. PERCHE’ SI ARROGANO IL DIRITTO DI EDUCARE LE PERSONE A VOTARE BENE SOLO PERCHE’ NON COINCIDONO CON I LORO PENSIERI ” SINISTRI ” PLURALE.
    CHE LA SMETTESSERO DI FARE I MAESTRI ED ANDASSERO A LAVORARE.
    BUONE COSE A TUTTI
    FERNANDO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here