Finalmente definito il nuovo decreto che trarrà in salvo altri 10.130 esodati. Lo ha confermato una nota del Ministero del Welfare, secondo cui il titolare de dicastero – ancora per pochi giorni – Elsa Fornero ha posto a termine l’accordo per la stesura del nuovo provvedimento salva esodati.

A svolgere il ruolo di controparte per il ministro che ha dato il nome a una delle riforme pensionistiche degli ultimi anni, il Ministero dell’Economia e delle Finanze. I due dicasteri hanno così definito criteri e modalità di accesso al trattamento pensionistico per nuovi 10.130 soggetti secondo i criteri precedentemente in vigore.

Il plafond era stato inserito nella legge di stabilità per il triennio 2013-2015, e andava ad aggiungersi ai 120mila posti già riservati agli esodati con i due decreti salva Italia e quello inserito invece in spending review.

Naturalmente, anche per i nuovi entranti nel rango di salvaguardati, il regime di reintegro nel welfare e nel sistema previdenziale seguirà l’iter dei due testi precedenti. Così ora il decreto appena introdotto, verrà girato alle commissioni competenti di Camera e Senato, che esamineranno tempi, coperture e requisiti per l’accesso alla pensione di altri diecimila estromessi per effetto dell’ultimo tsunami pensioni varato dal governo Monti.

Leggi tutti gli ultimi aggiornamenti sugli esodati, le lettere e i decreti

 


3 COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here