Avvocati, armatevi di pazienza: per l’applicazione completa della riforma forense, la strada è ancora (parecchio) lunga. Se si attende la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del testo approvato, in realtà le tappe per l’entrata in vigore del documento fondativo sulle professioni del foro sono ancora tante e ben dilazionate nel tempo.

Nell’arco da sei mesi a due anni, infatti, si estende la road map completa per la traduzione operativa di tante disposizioni contenute nella riforma licenziata dal Senato il 21 dicembre, ma che richiedono deleghe o altri provvedimenti per la piena effettività.

E’ il caso delle società tra professionisti: prima che le norme incluse nella riforma forense su questo capitolo molto atteso dai diretti interessati entrino definitivamente in vigore, infatti, passeranno non meno di 180 giorni.


Tale, infatti, è il limite entro cui il governo – dunque, si parla già del prossimo decretato dalle elezioni – potrà svolgere la delega in materia conferitagli dall’impianto della riforma.

Ben più lunghi, poi, saranno i tempi di attesa per il Testo unico delle disposizioni in vigore in materia di professione forense, che sarà, con ogni probabilità il tassello finale della riforma, sul quale dovrà scriversi la parola fine entro due anni.

In generale, però, sono molteplici le branche della nuova legge che richiedono un intervento ulteriore in sede di attuazione delle norme, e, molte delle quali, di primaria importanza.

Tra le discipline che non entreranno in corso di operatività fin da subito, troviamo, ad esempio, i parametri per il conteggio dei crediti formativi, i criteri per guadagnare le specializzazioni, oltre alla parte sui compensi, specificatamente riguardo i saldi definiti dal giudice o, ancora, i margini entro cui dovranno inserirsi le polizze assicurative.

Sul fronte dei praticanti, a figurare subito come valida, sarà la riduzione del periodo a 18 mesidi cui i primi sei obbligatoriamente non pagati – mentre si dovrà aspettare per quanto concerne i corsi di formazione, così come per il periodo di praticantato da svolgersi all’interno di uffici giudiziari.

Anche dal lato esami, le novità diverranno operative con gradualità, in seguito, cioè, alla definizione dei provvedimenti in materia di Esame di Stato, o, ancora, alla diffusione capillare delle modalità per l’accesso alla prova di abilitazione.

Non manca, poi, il fronte delle associazioni di rappresentanza, le cui elezioni e suddivisioni delle cariche dovranno essere riviste in larghissima parte negli appositi documenti, a partire dai consigli circondariali, per passare ai criteri per la redazione degli albi professionali, e giungere alle regole stesse per l’emanazione dei provvedimenti disciplinari.

Protagonisti assoluti di queste importantissime modifiche allo svolgimento e all’organizzazione della professione forense, saranno sia il Ministero della Giustizia che il Cnf, chiamati, dunque, a coordinarsi al meglio per non impantanare il corso di attuazione della riforma.

Nel frattempo, per le materie oggetto dei futuri interventi, continuerà a essere applicata la vecchia normativa, con la possibilità tutt’altro che esclusa di generare incomprensioni e problemi, come nel caso delle parcelle. Chiedere di velocizzare le procedure per definire una volta per tute la situazione sarebbe scontato, ma altrettanto fuori discussione è la volontà di una politica ormai totalmente immersa nella campagna elettorale, che ha di fatto congelato l’iter di entrata in vigore delle nuove leggi, inclusa, neanche a dirlo, la riforma forense.

Vai al testo finale della riforma forense 2012

Vai alla guida per la riforma forense 2012


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola 2012: domani in Gazzetta le date degli scritti
Articolo successivoUtilizzo di internet da parte dei detenuti: è giusto?

3 COMMENTI

  1. Faccio presente a tutti i colleghi Avvocati iscritti agli Albi professionali, ma non alla Cassa Previdenza Avvocati, che la Nuova Riforma Forense, che entrerà in vigore il 02.02.2013, prevede, come condizione essenziale per la permanenza all’Albo, la contestuale iscrizione alla Cassa Forense (alle condizioni esose imposte dall’Alto), nonché l’assicurazione obbligatoria rischi professionali da aggiungere a tutte le altre spese, già alte, necessarie per potere esercitare la nostra professione.
    L’anzidetta previsione normativa impone un carico di spesa pesantissimo ( più di E.5000,00 annui) per ogni iscritto che verrà a gravare soprattutto sui più giovani e sulle madri-avvocatesse, pena la cancellazione dall’Albo degli Avvocati.
    Di conseguenza, due saranno le alternative che inevitabilmente ogni Avvocato dovrà, suo malgrado scegliere: o cancellarsi dall’Albo, rinunciando ad ogni possibilità di guadagno (dopo tutti i sacrifici fatti per arrivare ad esercitare dignitosamente una professione), oppure iscriversi alla Cassa previdenza avvocati (ai costi imposti e cioè circa E.3700,00 annui) tenendo conto , però, che non saranno comunque calcolati ai fini pensionistici quegli anni in cui il reddito prodotto non superi i E.10.000,00.
    Si invitano, pertanto, tutti i colleghi a prendere atto della Nuova Riforma forense che mi sembra gravemente lesiva delle fasce più deboli e dei diritti fondamentali della persona, tra cui il diritto al lavoro costituzionalmente garantito.
    Stando così le cose, infatti, potranno esercitare la professione di Avvocato soltanto coloro che già hanno le tasche piene. Poco importa se tutti gli altri abilitati , pari a circa 60.000,00 iscritti all’albo ma non alla CPA, ne verranno immediatamente esclusi.
    E’ evidentissimo che lo scopo della Riforma è quello di fare una selezione spietata e preservare, come sempre, la Casta.Giuditta

  2. Al di là delle ben note e inconfutabili disposizioni incostituzionali contenute nella regolamentazione in commento,se la Corte Costituzionale non abroga questa riforma (qualora promulgata) ci penserà la nuova maggioranza parlamentare a ridisegnare l’intero assetto normativo, delineando principi e norme in chiaro orientamento liberale ed europeista. Penso che questa riforma, così come è stata approvata dal Senato, scritta in nome e per conto della casta e della corporazione, non abbia vita lunga.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here