Si è svolta oggi a Palazzo della Consulta l’udienza dinanzi alla Corte costituzionale sulla questione di legittimità del tentativo obbligatorio di mediazione.

Fabrizio Bruni, presidente dell’associazione avvocati romani e consigliere dell’Ordine degli Avvocati della capitale, fra i primi a scagliarsi contro contro l’obbligatorietà della mediazione prevista dal d.lgs 28/2010, racconta a Cassazione.net la sua soddisfazione: «La discussione non ha fatto altro che confermare la giustificatezza delle nostre tesi. Per come è andato l’esame delle questioni siamo fiduciosi nell’esito e siamo convinti che i giudici costituzionali non vorranno emettere una sentenza politica».

Sul piano meramente processualistico, la Corte ha giudicato inammissibili gli interventi di coloro che non erano parte costituita nel procedimento pendente al Tar Lazio, tra cui Cnf, Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Milano, Unioncamere e altri.


Leggi anche:

Mediazione in Corte costituzionale: ruolo, oggetto e parti costituite

Mediazione Civile obbligatoria: pro e contro di una vexata quaestio

Botta e risposta tra OUA e Apm


CONDIVIDI
Articolo precedenteTerremoto: la sentenza L’Aquila e il baratro tra scienza e giustizia
Articolo successivoPrimarie centrosinistra 2012: la scuola secondo Renzi e Vendola

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here