A momenti in Corte costituzionale inizierà la tanto attesa udienza che deciderà il destino della mediazione obbligatoria.

Hanno infatti i numero di ruolo 3 e 4 i ricorsi oggetto del sindacato di legittimità.

Il primo ricorso ruota intorno all’ordinanza 12 aprile 2011 del TAR del Lazio, promosso dall’OUA ed altri contro il Ministero della giustizia e avente ad oggetto la legittimità costituzionale degli artt. 5, c. 1° primo, secondo e terzo periodo e 16, c. 1°decreto legislativo 04/03/2010 n. 28 (Procedimento civile – Disciplina della mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali – Obbligatorietà del procedimento di mediazione per le controversie nelle materie elencate dall’art. 5 del decreto legislativo n. 28 del 2010, configurazione del preventivo esperimento di esso come condizione di procedibilità della domanda giudiziaria. Procedimento civile – Disciplina della mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali – Prevista abilitazione degli enti pubblici o privati che diano garanzie di serietà ed efficienza a costituire gli organismi deputati a gestire il procedimento di mediazione).


I parametri costituzionali di cui si lamenta la violazione sono gli artt. 24 e 77 Costituzione, in relazione ad art. 60, lett. c) e n) legge 18/06/2009 n. 69.

Di seguito le parti costituite:

Per l’Organismo Unitario dell’Avvocatura -O.U.A. ed altri: Giorgio ORSONI, Mariagrazia ROMEO, Mario SANINO;

per AIAF, Associazione italiana degli avvocati per la famiglia e per i minori: Giuliano SCARSELLI;

per “Associazione degli Avvocati Romani” e “Agire e Informare”: Giampiero AMORELLI, Dorodea CIANO;

per Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Firenze: Nino SCRIPELLITI, Gaetano VICICONTE;

per Unione Nazionale delle Camere Civili: Giuliano SCARSELLI, Antonio DE NOTARISTEFANI DI VASTOGIRARDI, Francesco STORACE;

per Organismo di mediazione ADR Center Spa: Rodolfo CICCHETTI;

Avv. STATO Maurizio DI CARLO

per Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano (Interveniente ad adiuvandum): Paolo GIUGGIOLI, Marilisa D’AMICO, Lotario DITTRICH;

per Società Italiana Conciliazione Mediazione e Arbitrato Srl (SIC&A) (Interveniente ad opponendum) e  per Associazione Nazionale Mediatori e Conciliatori (Interveniente ad opponendum): Maria Cristina STRAVAGANTI;

per Assomediazione – Associazione Italiana Organismi Privati di Mediazione e di Formazione per la Mediazione (Interveniente ad opponendum): Francesco FRANZESE, Teodoro RUSSO;

per Unioncamere – Unione Italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ed altri (Interveniente ad opponendum): Beniamino CARAVITA di TORITTO, Giorgio MEO.

Il secondo ricorso è stato promosso invece dall’ordinanza 18 novembre 2011 del Tribunale di Genova, all’interno della causa S. F., G. F. e V. F. c/ Condominio Villini di Pieve, e ha ad oggetto il sindacato costituzionale dell’art. 2653, c. 1° n. 1 codice civile; art. 5 decreto legislativo 04/03/2010 n. 28; art. 16 decreto ministeriale 10/10/2010 n. 180, come modificato da decreto ministeriale 06/07/2011 n. 145 (Procedimento civile – Disciplina della mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali – Obbligatorietà del procedimento di mediazione per le controversie nelle materie elencate dall’art. 5 del decreto legislativo n. 28 del 2010, configurazione del preventivo esperimento di esso come condizione di procedibilità della domanda giudiziaria; Procedimento di mediazione per le controversie nelle materie elencate dall’art. 5 del decreto legislativo n. 28 del 2010 – Prevista onerosità congiuntamente alla obbligatorietà – Subordinazione dell’accesso alla funzione giurisdizionale al pagamento di una somma non irrisoria di denaro ad un organismo che potrebbe avere natura privata; Indennità spettanti agli organismi di mediazione – Possibilità di non aderire al procedimento di mediazione ed evitare il pagamento delle “spese di mediazione” – Espressa previsione per la parte convenuta e non per la parte attrice; Procedimento di mediazione per le controversie in materia di diritti reali – Possibilità di trascrivere la domanda di mediazione e direttamente il verbale di mediazione, con efficacia “prenotativa” della prima anche rispetto al provvedimento giurisdizionale conclusivo del procedimento giudiziario – Omessa previsione.).

I parametri costituzionali di cui si lamenta la violazione sono gli artt. 3 e 24 Costituzione.

L’Avv. STATO è  Maurizio DI CARLO.

Per Consiglio nazionale forense (Interveniente ad adiuvandum): Massimo LUCIANI

In entrambi i ricorsi, relatore della causa sarà il giudice Alessandro Criscuolo, proveniente dalla Cassazione, dove è stato presidente della prima sezione civile.

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteMastrapasqua: 220.000 gli esodati salvaguardati. Inps: dati definitivi il 21
Articolo successivoSoppressione tribunali, il primo ricorso al Tar. Il testo

2 COMMENTI

  1. […] è svolta oggi a Palazzo della Consulta l’udienza dinanzi alla Corte costituzionale sulla questione di legittimità del tentativo obbligatorio di […]

  2. […] c’è solo la sentenza della Corte costituzionale sulla mediazione a tenere in apprensione il mondo degli avvocati in queste ore. Il Consiglio nazionale forense si è […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here