Ancora qualche settimana e 65mila esodati potranno finalmente avere sonni tranquilli, con la certezza di un trattamento pensionistico commisurato al proprio percorso lavorativo. I primi a sorridere saranno tutti quei dipendenti che ricadono nelle categorie del decreto interministeriale Lavoro/Economia del 1° giugno scorso, poi ratificato dalla Corte dei Conti e ora sotto le maglie dell‘Istituto di previdenza. Arginare la marea esodati significherà una fine estate di super lavoro per le sedi dell’Inps in tutta Italia.

I lavoratori salvati, che potranno accedere a una pensione secondo le leggi antecedenti alla riforma Monti-Fornero , si dividono tra 25.590 lavoratori in mobilità che hanno cessato l’attività lavorativa al 4 dicembre; 10.250 autorizzati al versamento volontario dei contributi con decorrenza della pensione entro il 2013; 3.460 lavoratori in mobilità lunga con cessazione dell’attività lavorativa al 4 dicembre 2011; 17.710 titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà al 4 dicembre 2011; 6.890 “esodati” con rapporto risolto al 31 dicembre 2011 che maturino la decorrenza entro il 2013; 950 lavoratori esonerati al 4 dicembre 2011; 150 lavoratori in congedo per assistere figli disabili.

Per riempire tutte le caselle dell’operazione “Monitoraggio 65mila“, alle cifre devono ora corrispondere profili precisi. E’ in questa direzione che ha iniziato a muoversi l’Inps, con i lavori di verifica conclusivi per completare la lista dei primi 65mila esodati. In particolare, l’Istituto di previdenza si appresta a esaminare le posizioni assicurative dei potenziali salvaguardati che abbiano raggiunto i limiti minimi previsti prima dell’entrata in vigore del decreto 201/2011, convertito in legge 214/2011.


Fra pochi giorni, i candidati si vedranno recapitata una lettera proveniente dal centro previdenziale, che sancirà di fatto la presa in esame della posizione del lavoratore per un eventuale inserimento tra gli esodati prossimi al salvataggio. I “nominati” saranno invitati a fare il punto sulla propria situazione previdenziale, dotandosi di tutta la documentazione necessaria da presentare, poi, in un appuntamento ad hoc negli uffici territoriali dell’Inps.

Così, l’Inps ha steso un piano diffuso di servizi informativi per chiudere la faccenda esodati. A rendere tutto più chiaro dovrebbe pensarci il Contact Center, che comunicherà tutte le indicazioni per un corretto svolgimento delle procedure previste e si occuperà delle consulenze per guidare gli esodati tra le pratiche e le disposizioni di legge. Saranno dunque possibili incontri e chiarimenti personalizzati: un mare di richieste che verrà incanalato verso lo Sportello Amico, il “cervellone” che elaborerà tutte le richieste di accesso al trattamento di salvaguardia.

Nomi e cognomi, comunque, arriveranno dalla sede centrale, che darà risposta a tutte le le pratiche inoltrate entro il 30 settembre. L’orario di ricevimento non potrà scendere sotto le 28 ore settimanali per le Agenzie interne e complesse, o 20 per le Agenzie territoriali. Ancora qualche settimana di passione, e i primi 65mila esodati potranno cantare vittoria.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteConsiglio di Stato: dopo l’addio alle tariffe obbligo del preventivo scritto
Articolo successivoSpending review, ore decisive. Tra fiducia, scioperi e 2000 emendamenti. I testi

3 COMMENTI

  1. sono in mobilita’ dal 1 /02/2010,contributi volontari,avrei preso la pensione il 1 /08 2011,poi la legge tremonti con vecchie norme,60 anni un anno dopo,ho 61 ANNI,38 ANNI DI CONTRIBUTI,enel) 2 ANNI ESTERO.DOVREI PRENDERE LA PENSINE IL 1 APRILE COME LE LACRIME DELLA FORNERO.HO FINITO I SOLDI UTTILIZZATI X MANGIARE.NON MIRIMANE CHE METTERMI IN QUALCHE PALAZZO CHE CONTA E DARMI FUOCO. SALUTI

  2. Ma per caso qualcuno di questi 65000 ha ricevuto la lettera che certifichi il diritto alla pensione? cortesemente me lo faccia sapere perchè a me sembra una BUFALA! Di quelli che conosco,me compreso, nessuno a ricevuto la lettera!

  3. Vorrei puntualizzare una cosa : io sono un esodato che ha ricevuta la lettera,
    pero’ contattato dallo sportello amico mi e’ stato riferito che comunque nonostante la lettera non tutti che l’anno ricevuta potranno andare in pensione l’Inps fara una graduatoria apposita, con quale criterio non e’ dato conoscre il tutto si sapra a forse a ottobre.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here