Predica pazienza, Elsa Fornero, ormai accerchiata su tutti i fronti per la questione esodati, della quale oggi il Ministro del Lavoro riferirà in Senato dove vedrà i capigruppo della maggioranza mentre domani sarà alla Camera. Nei suoi confronti, è già stata presentata una mozione di sfiducia da parte di Idv e Lega Nord, ma la Fornero va avanti, convinta che il problema in questione non possa intralciare la riforma del lavoro, senza la quale, come hanno fatto capire spesso e volentieri anche Monti e Bondi, “il Governo andrebbe a casa”.

Devo arrivare al Consiglio Ue con la legge sulla riforma del lavoro approvata dalle Camere, altrimenti l’Italia perde punti. E non è la Germania che è arcigna, è la comunità internazionale che e’ così” aveva dichiarato sabato scorso il premier Mario Monti a Bologna nel corso di una intervista condotta da Ezio Mauro ed Eugenio Scalfari. Il presidente del Consiglio aveva colto l’occasione per precisare di essere convinto di poter contare sulla “collaborazione” della maggioranza politica che sostiene il governo. Proprio in questo senso, questa spinosa questione degli esodati rischia di far saltare il banco, perché è evidente che la discrepanza di 325.000 unità di lavoratori a rischio pensione (e lavoro) tra i 65.000 salvati e i 390.000 totali emersi dagli ultimi dati Inps ha sollevato polemiche e invettive clamorose.

“Per tutti loro – ha sottolineato la Fornero – il problema non è  immediato, ma richiede una ricognizione e una individuazione dei criteri e su questo stiamo lavorando. Chiedo di avere pazienza, perché non riusciamo a tutto fare in tempi brevi”. Rispondendo poi alla domanda di un ‘esodato’, il Ministro ha sottolineato di non avere “mai usato il termine ‘esodati’, anche se la stampa me lo attribuisce. Io parlo di salvaguardia di persone rispetto alle quali si concede una deroga alle norme più severe della nuova legge”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteI lavori sulla Salerno – Reggio Calabria ultimati entro il 2013!?
Articolo successivoI servizi offerti dai motori di ricerca rientrano nel caching

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here