La scorsa settimana il Parlamento ha proceduto alla nomina dei membri dell’Agcom e del Garante Privacy, ponendo in essere una procedura al limite del ridicolo.

In presenza di una normativa “volutamente” vaga e generica, il Parlamento ha ritenuto di gettare alle ortiche ogni trasparenza ed ogni valutazione comparativa nella scelta dei nuovi commissari. Si è assistito così ad una sfrontata spartizione delle poltrone tra i partiti politici, ignorando le richieste di trasparenza provenienti dalla società civile, e non degnando  neanche di uno sguardo le centinaia di curricula giunti. Neanche l’ultimo co.co.pro. del più piccolo ente pubblico del più sperduto ente locale viene nominato con una simile farsa. La parola passa adesso ai giudici amministrativi, che si pronunceranno sull’illegittimità del procedimento di nomina.


Qui il focus di LeggiOggi Vogliamotrasparenza.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteLavoro pubblico e art.18: Pantalone paga gli indennizzi o gli stipendi?
Articolo successivoRiforma dell’assetto costituzionale dello Stato: si parte?

1 COOMENTO

  1. L’analisi dell’avv. Giurdanella è (purtroppo) impietosa e lucidissima. Se il Parlamento non riesce a garantire per un’Autorità Garante nemmeno le procedure di integrità e di trasparenza per nomine così delicate, davvero l’unica speranza rimane affidata alla giustizia amministrativa.
    Gianni Penzo Doria

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here