Il plenum del Csm ha approvato a maggioranza la delibera che “bacchetta” il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia per il suo intervento alcuni mesi fa al congresso del Pdci, anche se richiede l’archiviazione del fascicolo. Hanno votato a favore della “tirata d’orecchie” anche il vicepresidente Michele Vietti, e i vertici della Cassazione. I voti a favore sono stati 16, contro i sei andati alla relazione di minoranza.

Nel contestato intervento, Ingroia aveva detto di non poter essere imparziale nei confronti di forze che, cercano “quotidianamente” di introdurre “privilegi e immunità” a vantaggio di pochi, in spregio al principio di uguaglianza, e di sentirsi “partigiano” della Costituzione.

Il testo approvato, redatto dai laici Nicolò Zanon e Guido Calvi, definisce “particolarmente vistosa e inopportuna” la presa di posizione del pm antimafia non solo per gli “accenti di forte polemica” usati nei confronti di programmi e leggi di forze politiche “facilmente riconoscibili”, ma anche perché il tutto è avvenuto al congresso ufficiale di un partito politico. E pur chiedendo l’archiviazione del fascicolo -in quanto trattandosi di un “isolato episodio di esternazione”, non ci sarebbero gli estremi per l’applicazione di una procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità- dispone però la trasmissione degli atti alla Quarta Commissione, quella che si occupa delle valutazioni sulla professionalità dei magistrati.


Il documento non manca di richiamare, tra l’altro, i numerosi appelli del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ai magistrati affinché osservino “misura e riservatezza“, non si sentano “investiti di improprie e esorbitanti missioni“, e non cedano ad “atteggiamenti protagonistici“. La delibera richiama anche il codice etico dell’Anm che chiede ai magistrati, ferma restando la piena libertà di esprimersi, di ispirarsi a criteri di equilibrio.

I contenuti dell’intervento di Ingroia “non possono in alcuno modo aver comportato alcuna lesione ai valori dell’indipendenza e dell’imparzialità solo perché espressi nel corso di un congresso di partito“, sosteneva invece la relazione di minoranza, firmata dal togato Paolo Carfì, che chiedeva invece di chiudere rapidamente il caso. La questione ha diviso un po’ tutti i gruppi presenti all’interno dell’organo di autogoverno della magistratura, a cominciare da quelli di sinistra: il laico del Pd Glauco Giostra ha votato la relazione di minoranza con tutti i togati di sinistra (ma dal gruppo si è dissociato Nello Nappi che ha votato il documento di maggioranza). E si sono astenuti, in difformità dai loro gruppi che hanno votato la delibera approvata dal plenum, i togati Paolo Auriemma (Unicost) e Antonio Racenelli (Magistratura Indipendente).

Prendo atto che la decisione del Csm è stata adottata a maggioranza. Prendo atto con amarezza, che la maggior parte dei consiglieri, compreso il vicepresidente, hanno espresso apprezzamenti negativi perché un magistrato si è reso colpevole di avere dichiarato la propria fedeltà alla Costituzione”, ha dichiarato Antonio Ingroia alla notizia dell’approvazione della delibera.

Per quel che mi riguarda ho la coscienza a posto e rivendico il diritto di esprimere la mia fedeltà alla Costituzione in qualsiasi sede. Auspico d’altra parte – aggiunge Ingroia – che da oggi in poi il Consiglio sia altrettanto solerte nei confronti dei magistrati che non solo non dichiarano la propria fedeltà alla Costituzione, ma neanche la praticano dimostrando ben altre partigianerie”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiscatto della laurea: interamente deducibile solo per i contributi pagati dopo il 2001
Articolo successivoRafforzare la disciplina della class action: se non ora quando ?

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here