La Prima Commissione del Consiglio Superiore della Magistratura, quella competente sui trasferimenti d’ufficio dei magistrati, ha aperto un fascicolo sul procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, per l’intervento che quest’ultimo ha tenuto  al Congresso del Pdci lo scorso 30 ottobre. In quell’occasione, il PM aveva detto di non sentirsi «del tutto imparziale, anzi partigiano della Costituzione».

Le parole di Ingroia avevano già provocato una polemica politica, con il Pdl che aveva accusato il magistrato di violare la Costituzione. Ma anche l’Associazione nazionale magistrati aveva preso le distanze: proprio i magistrati più esposti con inchieste delicate «dovrebbero avere particolare prudenza nell’esprimere valutazioni di carattere generale sulla politica del Paese»,aveva avvertito il segretario Giuseppe Cascini.

La mia è stata intenzionalmente un’affermazione forte, provocatoria. Viste le reazioni la provocazione ha avuto effetto. Evidentemente definirsi ‘partigiano della Costituzione‘ è diventata una bestemmia.  L’arretramento del dibattito su temi come questo è dovuto anche all’imbarbarimento del sistema politico“, si era difeso il pm antimafia, allievo di Paolo Borsellino.


Una spiegazione che evidentemente non ha convinto la Commissione presieduta dal laico del Pdl Nicolò Zanon, che ha perciò deciso di intervenire.

«Ero e continuo a essere sereno nella convinzione e nella certezza di avere esercitato semplicemente un mio diritto nell’intervenire al congresso del Pdci. Non credo di avere commesso violazioni di nessun genere», ha detto Ingroia commentando la decisione della prima commissione del Csm di aprire un fascicolo sul suo conto dopo l’intervento.

«Così come ho già detto in più occasioni pubbliche sono convinto che in certi momenti in cui l’effettivo rispetto di alcuni principi costituzionali è messo in pericolo anche da progetti di riforma in materia di giustizia, sia non solo un diritto, ma un preciso dovere di ogni magistrato denunciare pubblicamente quei rischi», ha dichiarato invece il presidente della Giunta dell’Anm di Palermo, Nino Di Matteo, apprendendo la decisione del Csm – «Condivido in pieno quello che il collega Ingroia – aggiunge – ha detto pubblicamente».

L’intervento del pm antimafia aveva suscitato un vespaio di polemiche:

Il Tg5 del 31/10: polemiche dopo l’intervento del pm antimafia Ingroia che al congresso del pdci si è definito partigiano;

Il Giornale, 1 novembre: “Questo pm confessa: sono partigiano. Ingroia si dichiara comunista“. Gli attribuiscono questa frase: “un magistrato deve essere imparziale, ma sa da che parte stare.Io confermo di non sentirmi del tutto imparziale, anzi, mi sento partigiano. Parole terribili – scrive Il Giornale – andrebbe allontanato subito dalla magistratura

Libero: “l’Ingroia partigiano non può fare il giudice“.

Ma cosa ha detto davvero Ingroia?

Un magistrato deve essere imparziale quando esercita le sue funzioni […] ma io non sono imparziale, mi sento un partigiano, un partigiano della Costituzione, e in questo non sono imparziale. Tra chi difende la Costituzione e chi la offende quotidianamente, so da che parte stare. Tra chi difende il principio di uguaglianza e chi cerca di introdurre quotidianamente nuovi privilegi e impunità, so da che parte stare. Tra chi difende l’autonomia e l’indipendenza della magistratura, e chi invece sta distruggendo il senso di giustizia dei cittadini con leggi come quella sulla prescrizione/processo breve, so da che parte stare”.

E cosa dice la Costituzione?

Art. 3: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali“.

Un magistrato deve essere  partigiano della Costituzione per trattare i cittadini in modo uguale davanti alla legge.

Un magistrato deve essere partigiano della Costituzione per essere davvero imparziale e indipendente.

E questo, l’organo di autogoverno della magistratura, non dovrebbe poi metterci molto a capirlo.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIci e patrimoniale, allarme crollo prezzi del 10% sugli immobili
Articolo successivoPA, arriva il Codice firmato Brunetta

8 COMMENTI

  1. Ma come si può avere fiducia di questo Organo di autogoverno della Magistratura? Quando un magistrato politico di destra dochiara di voler cambiare la Costituzione, non commette niente, se invece un magistrato di cultura di sinistra dichiara di essere partigiano della Costituzione,si apre un fascicolo,ma per fare che cosa? Non fanno più brutta figura quando sono costretti a chiudere con nulla di fatto? E’ la fine del momdo !

  2. […] la delibera che “bacchetta” il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia per il suo intervento alcuni mesi fa al congresso del Pdci, anche se richiede l’archiviazione del fascicolo. Hanno votato a favore della “tirata […]

  3. Ma tu guarda che c’e’ di nuovo? Che proprio Sallusti,e indovina chi altri? L’Incommensurabile Belpietro..!Gia’!!! Proprio loro,altri esimii guerrieri della Legione D’Onore di Berlusconi che,ti sollevano un vespaio intorno a INGROIA.E chi se non loro,potevano farlo.Il loro Padrone,(lo conosciamo tutti no?) ordina,e loro eseguono.Non riusciamo ad immaginare diverso.Perche’ Berlusconi,combatte continuamente la sua Guerra contro i PM.Loro,puntualmente,devono per forza di cose,muovere la macchina del fango.Pero’ l’Italia,e’fatta anche da persone intelligenti,e autonome,che non si lasciano ingannare dalle ammaliature di Berlusconi,con tutta la sua Legione D’Onore. Ma che andate a infangare,Bel Pietro e Sallusti?Un sig.Magistrato,che di questi tempi,soprattutto con al governo questi Politici,risulta essere uno tra i pochi corrotti,(gli italiani hanno ancora presente il caso Mils)e schietti personaggi dello scenario generale?Solo perché ha dichiarato:”Sono UN PARTIGIANO” della Costituzione?O per aver detto “DIFENDO,E NON OFFENDO” la costituzione?OPPURE,semplicemente,perche’ non e’ ritenuto,almeno in certi ceti,in certi ambienti,PARI DIGNITA’ di qualche altro?sappiamo di chi…!!!Non fa nessunissimo onore,ne come persone,ne come avversari.Anzi..!!!Aiuta gli altri a non stimarvi.

  4. …….i magistrati come Ingroia hanno bisogno di persone come voi………meno male che ci siete……..

  5. Il Consiglio superiore della magistratura farebbe bene ad aprire un fascicolo su se stesso perche è un covo di spie e corrotti.

  6. Vogliono indebolire Ingroia, isolarlo, come fecero con Falcone prima e con Borsellino poi? Si vergognino, chiunque si sia preso questa “responsabilità”.
    E Forza Ingroia! Dio solo sa quanto l’Italia abbia bisogno di grandi persone.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here