Prosegue l’iter in Parlamento della Manovra, oggi sarà posta la fiducia a Montecitorio sul provvedimento che verrà votato probabilmente venerdì sera per poi passare a Palazzo Madama. In queste ore non sono mancate le polemiche, soprattutto da parte della Lega Nord e dell’Italia dei Valori, ma anche Pd e Pdl mostrano qualche malcontento sulle ultime modifiche apportate.

I “poveri” pensionati possono forse tirare un sospiro di sollievo visto che un subemendamento dei relatori alla Camera al dl 201/2011 “salva” le pensioni fino a tre volte il minimo ( 1402 euro lordi) dal blocco della rivalutazione automatica dell’Istat anche nel 2013. La copertura di questa misura sarà garantita dai proventi derivati dalla tassa sull’anonimato.

Tra le altre misure previste per il mondo previdenziale segnaliamo:


– le modifiche dell’impatto sulla riforma del sistema pensionistico per chi è nato nel 1952 che entro il 2012 avranno 35 anni di contributi andranno in pensione a 64 anni,

– le agevolazioni per le lavoratrici nel settore privato che nel 2012 maturerà 60 anni di età e 20 anni di contributi che usciranno a 64 anni,

– il prelievo del 15% per gli assegni pensionistici oltre i 200.000 euro.

Ancora in discussione la “penalizzazione” per chi decide di andare in pensione prima di aver compiuto 62 anni di età.

Rivalutazione automatica: l’87% delle pensioni non subirà tagli

Secondo una recente indagine condotta dalla CGIA di Mestre nel 2012 con la rivalutazione automatica dell’Istat per tutte le pensioni fino a 1.405 euro lordi mensili, l’87,3% di tutte le pensioni erogate in Italia non subirà tagli. Questa misura dovrebbe consentire un risparmio della spesa previdenziale pari a 2,31 miliardi di euro.

L’analisi mostra i vantaggi economici soprattutto per gli assegni mensili inferiori a 1000 euro:  16 euro al mese in più per un pensionato con un assegno netto di 700 euro, aumento di 25 euro per un assegno mensile di poco più di 1.000 euro netti.

Con la mancata rivalutazione chi riceve mensilmente un assegno di1.157 euro netti troverà una decurtazione di 23 euro al mese, che salirà a 37 euro con una pensione di 1.576 euro mensili e 44 euro per un pensionato con un assegno mensile netto di 2.182 euro.


CONDIVIDI
Articolo precedenteManovra Monti, ecco il testo coordinato del decreto legge 201/2011
Articolo successivoUna sentenza davvero “esplosiva” in tema di espropri illegittimi

3 COMMENTI

  1. Hanno bloccato l’aumento ISTAT ai pensionati,si sono dimendicati pero’ di bloccare l’aumento. ISTAT su gli affitti

  2. CAMBIANO I “MAESTRI” MA LA MUSICA E’ SEMPRE LA STESSA

    COME TUTTI SAPPIAMO,I SIG/RI TECNICI HANNO DECISO, PER IL BENE DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI, QUANTO SEGUE :NO !!! ALLA PATRIMONIALE, NO !!! DI TASSARE GLI ATLETI CHE GUADAGNANO MILIONI SU MILIONI DI EURO L’ANNO, NO!!! A VOLERE TOCCARE LE TASCHE DELLA CASTA DEGLI INTOCCABILI “ONOREVOLI”
    VIVA L’ITALIA , L’ITALIA SI SALVERA ALLA FACCIA DI QUEI DISGRAZIATI ,CHE
    D’ORA IN POI SARANNO CLASSIFICATI ANCHE LORO DEI POVERI PENSIONATI .

    G.DLS

  3. ne deduco che coloro che attualmente percepiscono 1403 E. rimarranno fermi, mentre coloro che percepiscono 1402 avranno la rivalutazione . 0 capito bene o son grullo, a voi la sentenza.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here