Speciale Tari e Tasi

Edilizia 16 ottobre 2013, 10:09

Legge di stabilità 2014, edilizia: proroga di un anno agli ecobonus

Edilizia, ok del governo: per tutto il 2014, il bonus energia resta al 55% e quello ristrutturazioni al 65%


Con un intervento dell’ultim’ora nella legge di stabilità 2014, il governo ha prorogato  per altri 12 mesi i bonus per ristrutturazioni e riqualificazioni nell’edilizia. Come annunciato dal ministro delle Infrastrutture Lupi, il risultato degli incentivi è stato così positivo da spingere l’esecutivo a confermare ulteriori dodici mesi di detrazioni sugli interventi domestici.

Il settore immobiliare e dell’edilizia ha, dunque, tratto grande giovamento dalle agevolazioni istituite negli ultimi mesi, con il primo slittamento dei bonus inizialmente previsto fino al dicembre prossimo, che ora invece passa a fine 2014, con la speranza che uno dei settori più martoriati dalla crisi – quello edile, appunto – possa continuare a risollevarsi grazie a questi pagamenti ridotti dei loro interventi.

Nello specifico, tutto resta com’è, dunque, ma la validità già in vigore per i condomini del 2014 viene estesa anche ai proprietari di case, che dunque avranno ancora un anno intero per usufruire degli sconti in aliquota. Al solito, le detrazioni restano del 65% per interventi volti a migliorare il risparmio energetico dell’edificio e del 50% per le normali ristrutturazioni, con possibilità, in connessione, di appoggiarsi anche al bonus mobili ed elettrodomestici, altro successo della politica abitativa-industriale di questi mesi.

Così, la progressiva riduzione delle aliquote, prevista a partire dal prossimo gennaio, comincerà con l’arrivo del 2015: il bonus energia passerà al 50%, quello ristrutturazioni al 40%. Infine, nel 2016, entrambi i bonus torneranno al 36% usuale di detrazione.

In un primo momento, si era parlato di una proroga “soft” degli incentivi, con riduzione immediata al 55% per gli sconti energetici, in modo da consentire un rientro morbido nei soliti parametri di agevolazione. Invece, il governo, dopo incontri fiume e un’approvazione notturna della legge di stabilità 2014, ha pensato di continuare a spingere l’acceleratore delle detrazioni, lasciandole immutate per ulteriori 12 mesi e facendo, in questo modo, la felicità del settore immobiliare.

Vai al testo della legge di stabilità 2014

Vai allo speciale legge di stabilità 2014

 


Pubblicato da il 16 ottobre 2013 alle 10:10 in Edilizia
Tags: , , , , , , ,


4 Commenti per Legge di stabilità 2014, edilizia: proroga di un anno agli ecobonus

  1. Pingback: Con un intervento dell’ultim’ora nella legge di stabilità 2014, il governo ha prorogato per altri 12 mesi i bonus per ristrutturazioni e riqualificazioni nell’edilizia. Come annunciato dal ministro delle Infrastrutture Lupi, il risultato degli ince

  2. Pingback: Legge di stabilità 2014: quali novità ? | il Quotidiano di Salerno

  3. TonyPd

    Tonypd – 24 ottobre 2013

    1. Ci pensano i dirigenti sanitari a rimpinguare le casse, anche di quelle rgioni – come il Veneto – che dalle dichiarazioni alla TV il Governatore dichiara di avere la disponibilità di saldare i fornitori creditori. Nonostante questo, hanno imposto ai medici di base a non rilasciare ricette bianche per evitare che il paziente si rivolga a strutture private, risparmiando. Un Specialista oculista preferisce 45,00 euro dal paziente, per una visita completa, rifiutando la ricetta della sanità pubblica. A me è capitato, nel sottopormi ad esami ematici di dover pagare un a prezzo intero adedebitandomi inoltre euro 10,00 di Super Ticket. A nulla sono valse le mie rimostranze.
    2. La legge di stabilità, non ho capito a chi stabilisce, probabilmente stabilizza quella massa enorme di politici…. che pretendo anche l’ppellativo di “Onorevole” …. ai pensionati, invece per il quarto anno stabilisco il non adeguamento delle pensioni a quelli che superano 1.500,00 euro, in questo modo appiattiranno tutte le pensioni e nessuno più riceverà adeguamenti ISTAT.
    Grazie per lo spazio.

  4. bruno

    la legge di stabilità non risolve nessun problema dell’italia ma va nella continuità della tradizione mafiosa. Degli 850 miliardi che spendiamo ogni anno per la pubblica amministrazione tenendo conto dei servizi offerti e della mancanza di welfare si potrebbe risparmiarne almeno 500 se vivessimo in uno stato civile e moderno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Amministrativo 22 luglio 2014, 16:32

Commissioni Affari Costituzionali: a breve notizie sulla sorte dei TAR

A breve conosceremo il destino degli otto TAR menzionati nel DL n.90

Civile 22 luglio 2014, 14:27

Condomini molesti, lo sfratto ora è più difficile per chi disturba

L’ultima pronuncia della Cassazione: niente sanzioni senza norma

Salute 22 luglio 2014, 12:07

Così sarà la nuova sigaretta elettronica. Cadono tutti i divieti

Sì nei luoghi pubblici e anche alla pubblicità: all’interno una vera sigaretta

Amministrativo 22 luglio 2014, 10:51

Il labirinto della Iuc: dal caos Tasi all’avvento della Tari

Intervista all’esperto Fogagnolo: le vie per il recupero e la Tari

Welfare 22 luglio 2014, 07:52

Quota 96, il destino in una settimana: il decreto è in arrivo

Quali tappe potranno consentire la pensione entro settembre


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su