Speciale Jobs Act

Penale 3 aprile 2012, 11:20

Cassazione, punibili per tentativo anche gli atti preparatori del delitto poi non eseguito

Ai fini della punibilità del tentativo, assumono rilevanza penale anche gli atti preparatori che manifestano in modo univoco l’alta probabilità del compimento dell’azione delittuosa


Sono punibili per tentativo di reato anche tutti gli atti preparatori del delitto, a prescindere da qualunque esecuzione.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione con  sentenza n. 12175 del 2 aprile 2012, con cui viene confermata la condanna per tentata rapina inflitta dai giudici di merito a carico di un imputato sorpreso in possesso di armi, in attesa del momento giusto per fare irruzione in una banca.

Il collegio difensivo dell’imputato eccepiva l’insussistenza degli estremi del tentativo nella condotta dell’agente, in quanto, al momento del fermo, l’azione delittuosa si trovava ancora allo stadio degli atti preliminari non punibili.

La seconda sezione della Suprema Corte non lascia però spazio a dubbi, e, richiamando alcuni precedenti in materia, precisa che la linea di demarcazione fra la semplice intenzione non punibile (secondi il vecchio brocardo cogitationes poenam nemo patitur) e quella punibile si snoda attraverso l’esatta comprensione dei tre concetti costituenti l’elemento oggettivo del reato, e cioè 1)l’idoneità degli atti; 2)l’univocità degli atti; 3)il mancato compimento dell’azione o il mancato verificarsi dell’evento.

Per il Giudice di legittimità, ai fini del perfezionamento del tentativo di reato punibile, assumono rilevanza penale non solo gli atti esecutivi veri propri del delitto pianificato, ma anche quegli atti che, pur essendo classificabili come atti preparatori, tuttavia, per le circostanze concrete (di luogo, di tempo, di mezzi, ecc.) fanno fondatamente ritenere che l’azione – considerata come l’insieme dei suddetti atti – abbia la rilevante probabilità di conseguire l’obiettivo programmato, che l’agente si trovi ormai ad un punto di non ritorno dall’imminente progettato delitto e che il medesimo sarà commesso a meno che non risultino percepibili incognite che pongano in dubbio tale eventualità. A tal fine, si devono escludere solo quegli eventi imprevedibili non dipendenti dalla volontà del soggetto agente atteso che costui ha solo un modo per dimostrare di avere receduto dai proposito criminoso: ossia la desistenza volontaria (art. 56 c.p., comma 3) o il recesso attivo (art. 56 c.p., comma 4).

Pertanto, nel caso di specie, “il possesso di armi, anche se di fatto non utilizzate, unitamente ad altri strumenti diretti al travisamento della persona, costituisce manifestazione univoca del tentativo di rapina aggravata, ove la si valuti alla luce sia della condotta anteriore all’intervento del CC, caratterizzata dal sopralluofo e dall’attesa del momento migliore per irrompere in banca, sia di quella successiva, estrinsecatasi in una fuga tanto precipitosa quanto pericolosa”.

Per la Cassazione non vi è pertanto dubbio che, in questo caso, il comportamento dell’agente abbia varcato la soglia della punibilità penale sotto il profilo del tentativo.

Qui il testo integrale della sentenza n. 12175 del 2 aprile 2012 della Corte di Cassazione


Pubblicato da il 3 aprile 2012 alle 11:04 in Penale
Tags: , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Salute 19 aprile 2014, 09:03

Le allergie primaverili o pollinosi: sintomi, diagnosi e prevenzione

Cos’è il polline? E perché è causa di allergie? Come curarsi? Ecco una guida ai sintomi più diffusi in primavera, in fatto di allergie

Economia 17 aprile 2014, 17:35

Def 2014, storico sì in Parlamento: rinviato il pareggio di bilancio

Sì al Def 2014 del Parlamento: rinviato al 2016 il pareggio di bilancio

Social Network 17 aprile 2014, 13:02

Cassazione: diffamazione su Facebook anche se non si scrive il nome

Condannato un utente di Facebook per offese in un commento

Welfare 17 aprile 2014, 10:11

Decreto esodati 2014, in Gazzetta il testo ufficiale. Posti e requisiti

Via libera a 17mila nuove salvaguardie per gli esodati

Economia 17 aprile 2014, 08:11

Def 2014 oggi alla Camera: a caccia di coperture per i Quota 96

Licenziato il testo del Def 2014 dalla Commissione Bilancio


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su