E’ di pochi giorni fa la sentenza con la quale la Suprema Corte di Cassazione ha inflitto una pena pecuniaria ad un genitore per non aver provveduto a far assolvere al figlio l’obbligo scolastico: la sentenza n. 9892 della terza Sezione Penale della Cassazione ha, infatti, sanzionato con la pena dell’ammenda – del valore di 20 euro – una madre il cui figlio minore era risultato assente, senza alcun giustificato motivo, per circa il 70% delle lezioni scolastiche.

L’articolo 731 del nostro codice penale punisce, infatti, con la pena dell’ammenda fino a 30 euro la condotta di coloro i quali, pur avendo l’obbligo di vigilare su un minore, omettono di impartirgli o fargli impartire l’istruzione obbligatoria.

La Suprema Corte ha accolto il ricorso del Procuratore avverso la decisione del Giudice di Pace che, avendo condannato una madre all’ammenda di 10 euro, aveva errato nella quantificazione della pena (disciplinata dall’art. 26 c.p.), dovendosi considerare quale minimo edittale – su cui applicare l’eventuale riduzione per le attenuanti generiche – la somma di € 20,00 e non quella di € 15,00.

Con tale pronuncia, la Corte ha espresso il chiaro principio della piena responsabilità dei genitori nel caso di mancato assolvimento dell’obbligo scolastico dei figli.

Sullo sfondo della Costituzione, che all’art. 34 statuisce che “l’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita”, oggi più che mai l’istruzione deve considerarsi condizione necessaria ed indispensabile per poter partecipare attivamente alla vita sociale e dunque per essere cittadini a pieno titolo.

L’obbligo scolastico acquisisce, pertanto, una importanza che va ben oltre l’interesse del singolo studente e della sua famiglia, ed investe l’interesse dell’intera collettività e della democrazia stessa, essendo tutti i cittadini chiamati a parteciparvi attivamente.

Si tenga presente che, per giurisprudenza consolidata della Corte, la condotta dei genitori viene ritenuta non punibile ai sensi dell’art. 731 del codice penale, solo in casi del tutto eccezionali, come ad esempio nel caso di “rifiuto categorico ed assoluto, cosciente e volontario del minore a recarsi a scuola, che permanga dopo che i genitori abbiano usato ogni argomento persuasivo ed ogni altro espediente educativo di cui siano capaci secondo il proprio livello socio- economico e culturale ed abbiano fatto ricorso, se le circostanze ambientali lo consentano, agli organi di assistenza sociale”(cfr. Corte di Cassazione, terza Sezione Penale, sent. n. 32359/2006).

Tuttavia, se tecnicamente le prolungate assenze da scuola potranno avere come conseguenza oltre che la bocciatura dell’alunno anche la condanna dei genitori ad una ammenda, appare evidente come la pena pecuniaria sia del tutto inadeguata, nonché incapace di svolgere la sua funzione deterrente e di tutela di un così prezioso diritto, qual è il diritto all’istruzione.

Il combinato disposto degli artt. 26 e 731 del codice penale lega, infatti, le mani ai giudici imponendo loro di comminare una pena che va dai 20 euro (previsti dall’art. 26 c.p. quale minimo edittale) ai 30 euro (previsti dall’art. 731 c.p. quale importo massimo).

Evidentemente, seppure la Costituzione sancisca il diritto/dovere all’istruzione, il legislatore – avendo previsto una ammenda di soli 30 euro – non ha ritenuto doveroso tutelare tale diritto con una pena che concretamente possa svolgere la sua funzione dissuasiva.

Non potremo, pertanto, sorprenderci se la sentenza oggi in commento non determinerà alcuna modifica nell’atteggiamento di quei genitori distratti o poco interessati all’istruzione dei propri figli.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge elettorale, Pd, Pdl e Udc annunciano l’intesa sulla riforma
Articolo successivoAiuti dello Stato ad Alitalia, per la Ue il prestito è illegittimo
Marina Gennaro
Sono un avvocato civilista, vivo a Catania, città dove sono nata e cresciuta. Amo moltissimo la mia città, nonostante le feroci contraddizioni che la animano e che mi confermano, ogni giorno, la necessità di non abbandonarla e di fare del mio meglio per renderla una città di cui andare fiera. Sono titolare del mio studio legale, e mi occupo prevalentemente di diritto dei minori e della famiglia. Dopo la laurea, ho studiato per il concorso in magistratura e, nel frattempo, ho frequentato il “Corso di perfezionamento in giustizia dei minori e della famiglia” presso la Facoltà di Giurisprudenza di Catania. Questa esperienza ha rappresentato per me una svolta in ambito professionale, e non solo: ho lasciato i libri sulla scrivania, ed ho scoperto un mondo fatto di bambini, donne e famiglie in difficoltà, estremamente bisognose di aiuto, umano prima ancora che legale. In quel periodo, nacque un’intensa collaborazione con il Tribunale per i Minorenni di Catania, per incarico del quale ormai da anni svolgo con passione la funzione di tutore e curatore speciale di numerosi minori che amo chiamare “i miei bimbi”, tanto che, nei corridoi dei tribunali, vengo affettuosamente additata dai colleghi come “l’avvocato dei minori”. L’attenzione per le tematiche sociali, inoltre, mi ha spinto a creare - insieme ad assistenti sociali, psicologi e neuropsichiatri infantili - l’associazione “Famiglia In Rete” (www.fareonlus.it), con cui vorremmo fornire alle famiglie un supporto specialistico finalizzato alla prevenzione e risoluzione dei loro disagi e conflittualità. Oggi, posso dire che l'entusiasmo e le gratificazioni che ricevo lavorando con famiglie e bambini, costituiscono quel quid pluris senza cui, molto probabilmente, non farei questo mestiere con la stessa dedizione e la stessa passione.

SCRIVI UN COMMENTO