Speciale Tari e Tasi

Politica 10 marzo 2012, 08:43

I partiti politici non vanno riformati ma… rifondati!

Il caso delle primarie a Palermo cartina al tornasole di una sistema malato


In attesa di verificare la consistenza delle turbolenze annunciate dal calendario Maya per l’anno 2012, quello che preoccupa seriamente il nostro sistema Paese è l’anno che verrà 2013. Buona parte degli osservatori cominciano infatti a temere, con progressiva ansia, il dopo Monti, soprattutto all’indomani della dichiarazione del medesimo Professore di voler ritornare tra i libri accademici, esaurito il mandato governativo affidatogli dal Presidente della Repubblica e dal Parlamento.

L’ubi consistam del nuovo incubo italiano è rappresentato dall’inadeguatezza dell’attuale sistema politico ad affrontare con la stessa determinazione, responsabilità ed autorevolezza, che dimostra di avere il Governo Monti, l’emergenza economica e finanziaria in cui si trova il Paese.

Riaffidare alle forze politiche le sorti del governo del Paese nel contesto di una crisi, di cui non si vede ancora all’orizzonte la fine, significa operare premeditatamente una manovra “alla Schettino”. Infatti, all’aumentare dell’indice di gradimento del Governo Monti si riduce quello dei partiti politici, scesi alla drammatica soglia dell’8%.

Ecco perché il caso delle primarie a Palermo, più che una balcanizzazione del centro-sinistra configura la cartina al tornasole di una sistema malato la cui terapia intensiva non può portare ad una semplice riforma dei partiti ma ad una vera rifondazione dei medesimi.

E poiché, come ha recentemente affermato il Presidente emerito della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelskyi partiti politici sono l’unico strumento che conosciamo per unificare la società e tenerla insieme” è da queste forme organizzative che dobbiamo ripartire a ragionare per animare una costruttiva discussione pubblica. I partiti, infatti, concorrono alla formazione e manifestazione della volontà popolare e sono strumento fondamentale per la partecipazione politica e democratica. Le funzioni attribuite ai medesimi nel procedimento elettorale – deposito contrassegni delle candidature individuali e di lista, raccolta firme, selezione delle candidature, presentazione delle liste, campagna elettorale, applicazione della par condicio – costituiscono l’unico modo costituzionalmente possibile e legittimo perché nelle odierne democrazie rappresentative il popolo possa esercitare la propria sovranità, cioè per “raccordare”, come dice la Corte Costituzionale, democrazia e rappresentanza politica. Il ruolo fondamentale svolto dai partiti nel procedimento elettorale assume quindi natura non solo pubblica ma anche costituzionale perché costituisce la principale modalità di esercizio del ruolo attribuito ai partiti dall’art. 49 Cost..

Dello stesso avviso sono le disposizioni normative europee secondo le quali i partiti politici, compresi quelli europei, rappresentano un elemento fondamentale nella costruzione dello spazio politico europeo, utile alla democrazia a livello europeo. Il Trattato di Lisbona, approvato il 13/12/2007, che modifica il Trattato sull’Unione Europea e il Trattato che istituisce la ComunitàEuropea, nel contesto della disciplina delle “Disposizioni relative ai principi democratici”, individua i partiti politici quali elementi fondamentali che “contribuiscono a formare una coscienza politica europea e ad esprimere la volontà dei cittadini dell’Unione”.

Il problema è che come in tante altre questioni, prese tardivamente di mira solo dall’azione governativa del Prof. Monti, anche il sistema dei partiti politici va rivisto con urgenza. Troppo comodo è stato per la classe politica (recte: casta?) sia della prima che della seconda repubblica mantenere a livello programmatico la previsione costituzionale contenuta nell’art. 49 della Costituzione. Nessuna forza politica, ad eccezione dei radicali, ha mai voluto affrontare la questione attraverso una legge ordinaria, per non parlare della ferita ancora aperta, ed a rischio infezione, per i recentissimi fatti verificatisi in casa PD.

In un momento difficile come questo in cui all’italiano medio viene richiesto un sacrificio straordinario ed ai limiti della sopportazione, com’è possibile continuare ad accettare che all’interno di un partito politico, di destra o di sinistra che sia, vengono utilizzati milioni di euro del finanziamento pubblico senza alcuna forma di controllo? Com’è possibile che a qualunque dipendente della pubblica amministrazione viene richiesto di rendicontare, e di rendere tracciabile secondo i principi dell’evidenza pubblica, anche l’acquisto di una matita e, di contro, accettare supinamente che i partiti politici, la cui funzione pubblica è addirittura solennemente prevista sia dalla Costituzione che dai Trattati europei, possano usare le risorse pubbliche secondo il metodo Lussi? Com’è possibile che un partito politico che dovrebbe “concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale” possa permettersi il lusso di scegliere coloro che dovranno rappresentarci in Parlamento attraverso il meccanismo della cooptazione fiduciaria contenuto nell’attuale sistema elettorale (Porcellum)? Perché in Francia, in Germania, e anche in Spagna, si sono dotati di adeguata legislazione in materia e solo in Italia si è deciso di rendere “intoccabili” i partiti politici protetti dalla discutibilissima campana dell’associazione di diritto privato?

Sono queste le domande a cui si deve rispondere per comprendere perché anche il legittimo tentativo di allargare la partecipazione democratica interna ai partiti attraverso le primarie rischia miseramente di fallire. Peraltro, il partito politico non può rimanere un comitato elettorale confinato nella sola sfida dei consensi ma deve ritornare ad essere il luogo dove si fa politica 24 ore su 24. E’ questa la funzione che la Costituzione, per quanto snobbata dalla classe politica dominante, ha loro assegnato. Ed è all’uso corretto del suo esercizio che la società civile deve fare appello, anche nel solco dei nuovi strumenti di rendicontazione sociale introdotti nel nostro ordinamento a proposito di azioni correttive (class action) nei confronti delle Istituzioni che esercitano funzioni pubbliche.

Del resto, perché un dipendente pubblico che gestisce allegramente le risorse pubbliche viene condannato dalla Corte dei Conti per danno erariale e un dirigente di partito no?

Perché il dipendente pubblico, riconosciuto pubblico ufficiale, rischia la condanna per abuso d’ufficio nel caso di violazioni dei doveri del suo ufficio e questo non accade per la maladministration accertata del dirigente di partito?

E ancora, perché nella nuova filosofia introdotta nell’ordinamento statale attraverso le leggi Brunetta, la trasparenza, insieme al principio meritocratico (e ai corollari di quest’ultimo, quali la previsione di sistemi premianti), rappresentano le principali leve del miglioramento prestazionale richiesto alle pubbliche amministrazioni, atteso che la meritocrazia dovrebbe spingere verso l’alto le motivazioni dei dipendenti pubblici e la trasparenza dovrebbe consentire il controllo diffuso dei cc.dd. “stakeholders”, ossia dei cittadini, delle imprese e degli utenti destinatari finali dell’otput delle funzioni e dei servizi offerti dalle amministrazioni, e questo modello di esercizio della funzione pubblica customer oriented basato sul controllo diffuso della cittadinanza e dell’utenza sulle reali performance della pubblica amministrazione non deve valere anche per i partiti politici?

Sic stantibus res, urge dunque una vera discussione sull’argomento, anche per scongiurare la causa che secondo lo storico Otto Seeck (1850-1921) determinò la caduta dell’impero romano: “la selezione naturale alla rovescia”, cioè la progressiva cooptazione dei peggiori e la complementare eliminazione dei migliori.

Ancorare il finanziamento pubblico alla dimostrazione di reali processi democratici interni ai partiti politici e al rispetto dell’art. 51 della Costituzione è cosa buona e giusta ma riflettere sulla opportunità/necessità di pubblicizzare la natura giuridica degli stessi potrebbe essere la terapia più idonea non solo per tentare di riconquistare la fiducia perduta, ma per rendere appetibile la partecipazione attiva di quei “tecnici” che si occupano di politica solo “a progetto”.


Pubblicato da il 10 marzo 2012 alle 08:03 in Politica
Tags:


3 Commenti per I partiti politici non vanno riformati ma… rifondati!

  1. Bartolo da Sassoferrato

    Ecco su questo punto esiste un errore enorme nell’identificare i partiti solo con l’art 49 della costituzione.L’art 98 comma 3 recita: si possono con legge stabilire limitazioni al diritto d’iscriversi ai partiti politici per i magistrati, i militari di carriera in servizio attivo, i funzionari ed agenti di polizia, i rappresentanti diplomatici e consolari all’estero.Se è vero che tutti hanno diritto di scegliersi i propri rappresentanti (art 48) e che siamo tutti uguali (art 3) il sistema maggioritario non è ammissibile in Italia. Mi spiego: se ho il proporzionale posso scegliere il rappresentante dentro la cabina, ma se dentro la cabina non posso perchè devo sceglierlo alle primarie PREVIA ISCRIZIONE è chiaro che alcune categorie non possono scegliere i propri politici né prima né dopo… prima perchè non possono iscriversi e dopo perchè nell’urna la lista è fissa. A meno che non si consenta di votare alla primarie anche chi non è iscritto… ma se alcuni dicono che il magistrato deve apparire imparziale e poi va a votare alle primarie di un partito apriti cielo…………

  2. Pingback: I soldi allegri dei partiti

  3. Pingback: Le primarie non bastano per curare i partiti politici @ Liberamente

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Massimo Greco

funzionario regionale, politico, saggista

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Consumatori 12 luglio 2014, 14:57

Un balzello che somiglia tanto ad un truffa

La società Sostare convenzionata con il Comune di Catania chiede 25,20 euro per la trasgressione al Codice della Strada. Ma i privati non iscrivono a ruolo

Amministrativo 6 luglio 2014, 11:08

Il declassamento dell’ente intermedio siciliano non sarà indolore

La provincia regionale quale ente territoriale di governo, la legittimazione ad agire in giudizio, il ruolo della Corte dei Conti e le attività di promozione

Amministrativo Costituzionale 29 giugno 2014, 17:37

Servizio 118. Confermata in Cassazione la condanna per danno erariale a 17 Deputati dell’ARS

Se un tempo l’impegno in politica era notoriamente più gratificante e ben remunerato, da qualche anno la scelta di entrare in campo nell’arena delle istituzioni pubbliche, ancorchè attraverso un’investitura popolare, […]

Amministrativo Servizi pubblici 12 maggio 2014, 16:44

Il caos degli ATO rifiuti in Sicilia e la responsabilità dei Sindaci

Le responsabilità del fallimento del sistema di gestione integrata dei rifiuti in Sicilia sono diffuse e non tutte riconducibili in capo alla mala politica

Amministrativo Fisco 4 maggio 2014, 09:25

I nuovi consorzi di comuni siciliani dovranno pagare anche l’IRES

I nuovi consorzi di comuni siciliani dovranno pagare anche l’IRES


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su