Speciale riforma PA

Penale 17 febbraio 2012, 11:04

E’ imputabile per associazione mafiosa l’infermiere che cura il boss

Per la Cassazione, a nulla vale il richiamo al bene supremo del diritto alla salute. Con il suo comportamento, l’infermiere favoriva l’intera organizzazione mafiosa e non un singolo individuo


E’ imputabile per associazione mafiosa l’infermiere che si è preso cura del capo storico della mafia Bernardo Provenzano, provvedendo alla somministrazione di un farmaco antitumorale di cui il boss aveva bisogno. In particolare, la condotta è astrattamente riconducibile al favoreggiamento personale.

Lo sancisce la sentenza n. 5909/2012 della Corte di cassazione.

Ma non solo. La Suprema Corte condanna l’infermiere non solo per le attività che poneva in essere ai fini della somministrazione del farmaco antitumorale e dei connessi prelievi, ma anche perché lo stesso costituiva uno degli “anelli” della catena epistolare (i celebri “pizzini”) con cui Provenzano comunicava all’esterno.

Il collegio difensivo dell’infermiere aveva basato la difesa sul mero ruolo di assistenza sanitaria svolto, sottolineando che l’imputato si preoccupava solamente di procurare e di somministrare al boss il farmaco antitumorale, provvedendo poi a ciclici prelievi per monitorare le condizioni di salute del capo dei capi. Tutte attività, a parere della difesa, che pur astrattamente riconducibili al reato di favoreggiamento personale, non sarebbero punibili perché incidenti sul diritto costituzionalmente garantito della tutela della salute.

Di ben altra opinione la Corte di Cassazione, che, confermando la sentenza della Corte d’appello di Palermo, evidenzia il tipo di “servizio” svolto dall’imputato, non in favore di un mafioso qualunque ma nei confronti del capo della cupola mafiosa. Un aiuto che, anche se volto a prestare cure mediche, non poteva trovare spazio in quell’assistenza sanitaria “doverosa e impellente”, che spetta in ogni caso a un medico e non a un semplice infermiere professionale.

I giudice Ermellini escludono quindi per il ricorrente la non punibilità invocando la tutela del bene supremo della salute, e pertanto, negano anche il semplice favoreggiamento personale. Con il suo comportamento l’imputato aveva, infatti, favorito non un singolo individuo, benché “pezzo da novanta”, ma l’intera organizzazione mafiosa. L’infermiere “attraverso un interessamento attivo e propulsivo e utilizzando contatti e canali propri dell’organizzazione aveva garantito al Provenzano il mantenimento della sua capacità gestionale nella difficile situazione della latitanza, con correlativo vantaggio di tutto il sodalizio”. Il ricorrente era il “canale per il mantenimento dei collegamenti epistolari” di Provenzano. Un partecipazione all’attività e alla vita del padrino che si è tradotta nella condanna per partecipazione mafiosa. Da qui la configurabilità della condotta nella fattispecie di cui all’articolo 416 Cp, anziché in quella di cui all’articolo 378 Cp, aggravato ex art. 7 D.L. 152191.

Circa i rapporti intercorrenti tra le fattispecie criminose di partecipazione ad associazione mafiosa e di favoreggiamento personale, aggravato ai sensi dell’articolo 378 Cp e ai sensi della Legge 203/91, articolo 7, afferma la Suprema Corte che “è noto che la prima è fattispecie caratterizzata dalla stabile e consapevole appartenenza del soggetto all’organizzazione criminosa, con un effetto di concreta utilità della sua condotta per l’intera associazione, mentre la condotta agevolativa del favoreggiamento personale aggravato è compiuto da soggetti estranei all’associazione criminosa e si esplica solo a favore di qualche suo componente”.

Qui il testo integrale della sentenza n. 5909/2012 della VI sez. pen. della Corte di Cassazione

 


Pubblicato da il 17 febbraio 2012 alle 11:02 in Penale
Tags: , , , ,


1 Commento per E’ imputabile per associazione mafiosa l’infermiere che cura il boss

  1. Pingback: Tam Quam: l’infermiere e il boss

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Novità Codice Strada 23 ottobre 2014, 07:58

Carte di circolazione, dal 3 novembre obbligo di aggiornamento

In arrivo l’obbligo di passaggio a chi lo detiene da più di 30 giorni

Salute 22 ottobre 2014, 16:30

Sigarette elettroniche, dal primo gennaio 2015 cambia l’accisa

Approvato il decreto che stabilisce le nuove regole fiscali. Il testo

Fisco 22 ottobre 2014, 15:36

Tfr in busta paga: a chi conviene e il rischio dei contributi Inps

Via libera all’anticipo del Tfr. Ma conviene davvero? In quali limiti?

Flash 22 ottobre 2014, 14:54

Papa Francesco, testo completo dell’udienza: 22 ottobre 2014

La catechesi del Santo Padre papa Francesco in piazza San Pietro. Testo completo del discorso di Bergoglio all’udienza papale di mercoledì 22 ottobre

Fisco 22 ottobre 2014, 12:43

Legge di stabilità 2015: coperture da polizze vita e fondi pensione

Aumento delle tasse su fondi, polizze vita e Casse professionisti


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su