Home Tag Assegno di mantenimento

assegno di mantenimento

L’assegno di mantenimento è quella somma in denaro che – in sede di separazione – viene disposto dal giudice a favore del coniuge che risulta affidatario dei figli non autosufficienti (minorenni o maggiorenni).

Il suo scopo è tutelare la parte debole di una coppia in fase di separazione, e far si che venga rispettato il dovere di prendersi cura materialmente e moralmente dei figli.

I doveri economici che rientrano nel matrimonio e nella costituzione di una famiglia, infatti, non decadono se la coppia decide di sciogliere il vincolo.

L’ammontare dell’assegno di mantenimento può essere deciso:

  • dal giudice
  • dai coniugi stessi

E per ottenerlo occorrono determinati requisiti:

  • non essere il coniuge a cui è addebitata la separazione;
  • non avere redditi propri o averli insufficienti a condurre una vita dignitosa;
  • l’altro coniuge deve a sua volta essere in grado di contribuire al mantenimento;
  • non aver intrapreso una convivenza stabile.

Se la separazione si trasforma in divorzio vero e proprio, si smetterà di parlare di assegno di mantenimento e si comincerà a definirlo assegno divorzile.

Segui LeggiOggi per restare aggiornato su tutte le novità in materia di separazione e assegno di mantenimento.

Ti consigliamo inoltre di restare aggiornato sulla nostra sezione “Welfare”

La moglie separata può chiedere all’Agenzia delle Entrate copia della denuncia...

A margine di una recente decisione del TAR Bologna, 7/2011

ULTIMI ARTICOLI