Permessi 104: nuove istruzioni Inps sulla fruizione con contratto part time

Chiara Arroi 23/03/21
Scarica PDF Stampa
Importanti novità sulla fruizione dei permessi 104 con il contratto part time verticale o misto a seguito della pronuncia della Cassazione. L’ultima circolare Inps del 19 marzo fornisce nuove indicazioni (che rivedono le precedenti del 2018) sulla modalità di utilizzo dei famosi permessi retribuiti ai sensi della legge 104.

Le novità illustrate nella circolare Inps numero 45 del 19 marzo, riguardano il riproporzionamento dei permessi in caso di lavoro a tempo parziale di tipo verticale o misto.

Come specifica la stessa Inps in una nota pubblicata sul sito, le nuove istruzioni fanno seguito agli orientamenti della Corte di Cassazione, che con due decisioni (sentenze 29 settembre 2017, n. 22925 e 20 febbraio 2018, n. 4069) ha statuito che la durata dei permessi, qualora la percentuale del tempo parziale di tipo verticale superi il 50 per cento del tempo pieno previsto dal contratto collettivo, non debba subire decurtazioni in ragione del ridotto orario di lavoro.

>> Speciale Legge 104 <<

Permessi 104 in part time: il parere della Cassazione

Per la Suprema Corte occorre distinguere l’ipotesi in cui la prestazione di lavoro part-time sia articolata con un numero di giornate superiore al 50% di quello ordinario, da quello in cui comporti una prestazione per un numero di giornate di lavoro inferiori. Solo nel primo caso, stante la pregnanza degli interessi coinvolti e l’esigenza di effettività di tutela del disabile, occorre riconoscere il diritto alla integrale fruizione dei permessi.

>> Permessi 104: la guida completa all’agevolazione <<

Permessi 104: cosa cambia in part time

Per i lavoratori dipendenti del settore privato assunti a tempo parziale di tipo verticale o misto, con attività lavorativa part-time superiore al 50 per cento, i tre giorni di permesso mensile non andranno riproporzionati e saranno quindi riconosciuti interamente.

Con riferimento ai rapporti di lavoro part-time di tipo orizzontale, verticale e misto fino al 50 per cento restano valide le indicazioni riportate nel messaggio 3114/2018.

In sostanza l’Inps si adegua ai Supremi giudici, secondo cui:

  • con contratto part time superiore al 50% del normale orario ordinario i permessi 104 sono fruibili per intero,
  • con contratto part time inferiore al 50% del normale orario ordinario si continua ad applicare il riproporzionamento ad ore.

>> Legge 104: tutte le agevolazioni e chi può richiederle <<

Permessi 104: come fuziona il frazionamento ad ore

La circolare ricorda, inoltre, la formula di calcolo da applicare per la frazionabilità in ore dei giorni di permesso. In caso di part-time di tipo orizzontale rimangono valide le disposizioni fornite al paragrafo 2 del messaggio n. 3114/2018.

Quindi i tre giorni di permesso non andranno riproporzionati, in questo modo:

orario medio settimanale teoricamente eseguibile
dal lavoratore part-time
——————————————————– x 3 (giorni di permesso teorici)
orario medio settimanale teoricamente eseguibile
a tempo pieno

Il risultato numerico andrà quindi arrotondato all’unità inferiore o a quella superiore a seconda che la frazione sia fino allo 0,50 o superiore.

Si ribadisce che il riproporzionamento andrà effettuato solo in caso di part-time di tipo verticale e di tipo misto con attività lavorativa limitata ad alcuni giorni del mese.

Il riproporzionamento dei tre giorni, infatti, non andrà effettuato per i mesi in cui, nell’ambito del rapporto di lavoro part-time, sia previsto lo svolgimento di attività lavorativa a tempo pieno.

Per quanto riguarda il rapporto di lavoro svolto in regime di part-time con percentuale a partire dal 51%, verranno riconosciuti interamente i tre giorni di permesso mensile.

(Fonte Inps)

>> Scarica la circolare Inps n.45 

Libri utili

Legge 104 e rapporto di lavoro

Il volume si pone come una guida pratica sull’applicazione della Legge n. 104/1992, ovvero la Legge-quadro dedicata interamente alle persone affette da disabilità, che ne disciplina i diritti per l’integrazione sociale, per assicurarne l’assistenza e la tutela e per l’inserimento nel campo della formazione professionale e nell’ambiente di lavoro.L’autrice esamina gli aspetti relativi al rapporto di lavoro e a quelli previdenziali e analizza le agevolazioni fiscali in favore delle suddette categorie di soggetti, alla luce degli ultimi importanti aggiornamenti introdotti dalla normativa e dalla prassi di settore (Circolari INPS e Agenzia delle entrate), supportando la disamina con i riferimenti giurisprudenziali più recenti e collegando i vari adempimenti alla modulistica ministeriale e ai facsimile che li riguardano.L’edizione tiene conto del Decreto in tema di Reddito di cittadinanza e pensioni (D.L. 28 gennaio 2019, n. 4 convertito in Legge 28 marzo 2019, n. 26) che ha prorogato l’istituto della cosiddetta Ape social fino al 31 dicembre 2019.Marta BregolatoConsulente del Lavoro iscritta all’Albo di Padova, Consulente Tecnico d’Ufficio per il Tribunale di Padova – Ramo Civile. Docente, formatore in aula e in fad per diversi enti di Formazione Specializzata in consulenza aziendale, amministrativa, fiscale e gestionale, Mediatrice Civile e Commerciale. Autrice di saggi, guide operative e articoli per riviste specializzate in materia fiscale, amministrativa e di lavoro.

Marta Bregolato | 2019 Maggioli Editore

22.00 €  20.90 €

Chiara Arroi
Tag