Pensioni, quota 41 per tutti: la proposta di Cesare Damiano

Redazione 16/03/18
Scarica PDF Stampa
Quota 41 per tutti senza vincolo anagrafico, proroga dell’Opzione Donna, stabilizzazione dell’Ape e soluzione definitiva per gli esodati: questa la ricetta per le Pensioni dell’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano per i vincitori delle Elezioni 2018 che si appresteranno a formare un nuovo Governo tra poche settimane.

Durante la campagna elettorale Damiano si era schierato contro l’abolizione della Legge Fornero, proposta dalla Lega, a favore di un lavoro di correzione della riforma sulle Pensioni iniziato con l’introduzione delle 8 salvaguardie, dell’Opzione Donna e dell’APE social durante la precedente legislatura.

Leggi anche Pensioni, cosa cambia dopo le Elezioni?

Secondo l’ex ministro il nuovo Governo dovrebbe continuare quest’opera di modifica della Legge Fornero, rimettendo in discussione la soglia di uscita dal mercato del lavoro e completando il lavoro già iniziato.
Ecco la lista degli interventi da mettere in atto secondo Cesare Damiano:

  • rendere strutturale l’anticipo pensionistico a 63 anni (scade a fine 2018),
  • ampliare il numero delle categorie dei lavori usuranti che beneficiano della normativa sui lavori gravosi (attualmente 15);
  • introdurre la nona salvaguardia per risolvere definitivamente il problema degli esodati;
  • proseguire la sperimentazione di Opzione Donna;
  • rendere possibile l’accesso alla pensione con 41 anni di contributi e indipendentemente dall’età, cancellando i paletti attualmente previsti dall’Ape.

Secondo Damiano con queste misure si potrebbe agevolare la pensione per circa 250mila lavoratori e recuperare circa 20 miliardi di euro.

Leggi chi votò a favore della riforma Fornero.

La lista proposta coincide solo in parte con i programmi elettorali delle forze vincitrici di queste ultime Elezioni 2018. Non resta che aspettare la formazione del nuovo Parlamento per capire quale sarà il destino della Riforma Fornero.

Prima di tutto si dovrà capire se si riuscirà a formare un esecutivo di lunga durata che potrà quindi mettere in atto un programma di misure a lungo termine, oppure un governo di breve durata che servirà per riformare la legge elettorale e alcune misure prioritarie per poi tornare al voto.

Resta aggiornato con il nostro Speciale Riforma Pensioni

 

Redazione
Tag