Nozze gay: il no del Consiglio di Stato, perchè l’Italia non è un Paese civile

Redazione 28/10/15
Scarica PDF Stampa
Il Consiglio di Stato ha deciso, con la sentenza n. 4899 del 26 ottobre 2015, di annullare le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all’estero riaprendo così l’annoso capitolo delle unioni omosessuali in Italia. Storcendo completamente la decisione presa  dal TAR, i giudici amministrativi di secondo grado hanno invalidato il registro del Comune di Roma per la trascrizione delle nozze gay che sono state contratte all’estero.

In Italia sono numerose le coppie dello stesso sesso che hanno celebrato il matrimonio all’estero, in Paesi dove la nozze sono ammesse per tutti, indipendentemente dal sesso e dal genere. Ci si chiede, dunque, perché il nostro Paese si ostini a rimanere uno dei pochi fanalini di coda tra quelli occidentali che ancora rifiutano di legalizzare tali unioni. Le classi dirigenti, indipendentemente dai colori politici, che si sono succedute in Italia continuano, diversamente dalla società civile, a circoscrivere il tema dei diritti civili ad una semplice rivendicazione elettorale, mancando di elaborare un intervento politico concreto degno di un Paese che si reputa civile.

LEGGI ANCHE: Unioni civili: la stepchild adoption divide le coscienze

La stessa Corte europea dei diritti dell’uomo, lo scorso luglio, ha ammonito l’Italia con una condanna per la mancata previsione di una disciplina ad hoc che regolarizzi le unioni omosessuali. Ora, il Consiglio di Stato era chiamato a decidere se legittimare o meno la circolare dell’anno scorso con cui il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, aveva ordinato ai prefetti di annullare le trascrizioni dei matrimoni gay effettuati all’estero, validate in Italia dai sindaci.

Le stesse trascrizioni, in virtù anche dell’espressa richiesta da parte delle coppie interessate ai fini di riconoscere la certificazione  del matrimonio contratto all’estero, erano state precedentemente dichiarate legittime da una sentenza del Tribunale di Grosseto, alla luce della normativa in vigore. Rovesciando la questione, la sentenza dei giudici amministrativi di secondo grado stabilisce invece che il matrimonio è tale solo se contratto tra persone di sesso diverso, delineandosi altrimenti  un atto puramente “inesistente”, in quanto sprovvisto “di un elemento essenziale della sua stessa giuridica esistenza”.

Si legge nella sentenza che “la diversità di sesso dei nubendi” è la prima “condizione di validità e di efficacia del matrimonio […] in coerenza con la concezione del matrimonio afferente alla millenaria tradizione giuridica e culturale dell’istituto, oltre che all’ordine naturale costantemente inteso e tradotto nel diritto positivo come legittimante la sola unione coniugale tra un uomo e una donna“.

LEGGI ANCHE: Unioni civili: intervista alla senatrice Monica Cirinnà

La pronuncia del Consiglio di Stato ritiene, inoltre, legittima la decisione dell’allora prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, di annullare le trascrizioni delle unioni omosessuali all’estero ordinate dal sindaco Ignazio Marino. Mentre, infatti, il TAR non aveva riconosciuto al prefetto un simile potere, il Consiglio di Stato ha ammesso il “potere di annullamento gerarchico d’ufficio da parte del prefetto degli atti illegittimi adottati dal sindaco, nella qualità di ufficiale di governo, senza il quale, peraltro, il loro scopo evidente, agevolmente identificabile nell’attribuzione al prefetto di tutti i poteri idonei ad assicurare la corretta gestione della funzione in questione, resterebbe vanificato”.

Mentre la destra italiana esulta per la decisione, altri esponenti politici esprimono contrarietà per un oscurantismo giudiziario che mette in bilico la tutela dei diritti civili e delle condizioni di minoranza. Franco Grillini, presidente di Gaynet ed esponente storico della comunità lgbt italiana ha così commentato: “La sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all’estero, è del tutto ingiustificata”.

Trattato della separazione e divorzio

La presente opera, aggiornata con la negoziazione assistita, viene suddivisa in tre tomi e affronta in modo pragmatico le tematiche coinvolte nell’ambito della separazione e del divorzio. Nel primo tomo viene esposta con commento dettagliato la disciplina sostanziale. Nel secondo tomo si espone, con risvolti operativi, la disciplina processuale. Nel terzo tomo si propone un pratico formulario con allegato il Cd-Rom (che contiene le formule compilabili e stampabili). Il trattato vuole supportare il lavoro di magistrati, avvocati e altri professionisti coinvolti a vario titolo nel procedimento di separazione o divorzio.Il PRIMO TOMO è formato da dieci capitoli, ognuno di essi è suddiviso in sezioni e paragrafi.Si trattano temi riguardanti: l’addebito, il risarcimento del danno, gli accordi tra i coniugi, la riconciliazione, la responsabilità genitoriale, la posizione degli avi, gli effetti patrimoniali e contributivi, le spese straordinarie, la pensione di reversibilità, gli aspetti tributari e fiscali e altro ancora.Il SECONDO TOMO suddiviso in dodici capitoli, tratta le tematiche processuali riguardanti la separazione e il divorzio.Si illustrano temi come la giurisdizione in materia di responsabilità genitoriale, la giurisdizione in materia di rapporti patrimoniali tra coniugi e di mantenimento, i soggetti del procedimento, la fase presidenziale, il procedimento avanti al giudice istruttore, la mediazione familiare, la modifica dei provvedimenti provvisori ed urgenti, le impugnazioni, l’esecuzione dei provvedimenti, i procedimenti fondati sull’accordo tra le parti, riconoscimento ed esecuzione dei provvedimenti stranieri.Il TERZO TOMO si propone come strumento pratico per l’operatore del diritto al quale si forniscono tutte le formule direttamente compilabili e stampabili dal Cd-Rom allegato. Il trattato ha una pagina dedicata sul sito www.trattatioperativi.it che, previa registrazione tramite il codice all’interno del cofanetto, permette all’utente di essere aggiornato sulle eventuali novità in materia.Michele Angelo Lupoi Avvocato del Foro di Bologna, si occupa di diritto civile, diritto di famiglia e controversie transnazionali. È professore associato di diritto processuale civile dell’Università di Bologna, insegna Diritto processuale civile e Diritto fallimentare. È coordinatore del Corso di studi magistrale della Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, Campus di Ravenna.

A cura di Michele Angelo Lupoi | 2015 Maggioli Editore

98.00 €  78.40 €

Redazione
Tag