Modello 730 sbagliato o con errori: come annullarlo e re-inviarlo

Redazione 28/05/19
Scarica PDF Stampa
La vita è fatta di sbagli e soluzioni, in tutti gli ambiti, Fisco incluso: la dichiarazione dei redditi con il modello 730 non fa certo eccezione. Anche durante la sua compilazione può capitare di commettere errori – formali e non – di omettere, di fare calcoli sbagliati, di inserire dati anagrafici storpiati. E se capita, che fare? Mai disperarsi. È possibile procedere ad un annullamento del modello e ad un nuovo invio dello stesso. Con alcuni paletti precisi.

Riepiloghiamo in breve scadenze e modalità di presentazione Dichiarazione dei redditi e spieghiamo come annullare e re-inviare un Modello 730 sbagliato o con errori.

=> Speciale Modello 730 <= 

Dichiarazione redditi: calendario scadenze

Riassumiamo in breve le scadenze imposte per quanto riguarda l’invio al Fisco della propria dichiarazione dei redditi, in base ai diversi modelli utilizzabili dai contribuenti italiani.

=> Modello 730: chi è esonerato dal presentarlo <=

730 ORDINARIO

Il 730 ordinario entra in gioco quando il contribuente non ha intenzione di servirsi del precompilato. Non può essere compilato in autonomia, ma solo rivolgendosi ad un intermediario.

La scadenza per la presentazione è fissata a:

  • 8 luglio 2019 (il 7 luglio quest’anno cade di domenica) in caso di presentazione tramite sostituto d’imposta;
  • 23 luglio 2019 in caso di presentazione diretta (solo per il 730 precompilato) o tramite CAF-intermediario (per il 730 precompilato o ordinario).

730 PRECOMPILATO

La scadenza ultima per il 730 precompilato è fissata al 23 luglio 2019 in caso di presentazione diretta o tramite Caf-intermediario.

MODELLO REDDITI

Il Modello Redditi Persone Fisiche 2019 deve essere presentato entro i termini seguenti:

  • dal 2 maggio 2019 al 1° luglio 2019 se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale;
  • entro il 30 settembre 2019 se la presentazione viene effettuata per via telematica, direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati.

 

=> Dichiarazione redditi 2019: calendario scadenze per 730 e Redditi <=

Dichiarazione redditi: proroga nel Decreto crescita, ultime news

Tenendo presente le date sopra indicate, c’è però da dire che un emendamento presentato al Decreto Crescita, in fase di conversione in legge, chiede una proroga delle scadenze citate, secondo questi termini: l’invio telematico della dichiarazione redditi e di quella Irap slitterebbe dal 30 settembre al 30 novembre.

Modello 730: cosa fare in caso di errori

Mettiamo comunque che si rispettino le scadenze attualmente previste per l’invio del 730. Cosa fare se ci accorgiamo che sono stati commessi errori? Ad esempio non abbiamo inserito alcune spese da portare in detrazione o abbiamo commesso altre tipologie di errori.

Succede che possiamo annullare il modello 730 e re-inviarne uno nuovo. Ma occorre rispettare scadenze precise. Inoltre l’operazione potrà essere compiuta una sola volta.

Modello 730 sbagliato o con errori: entro quando annullarlo

A partire da martedì 28 maggio e fino alla scadenza del 20 giugno sarà possibile annullare il 730/2019 già inviato e procedere con un nuovo invio sostitutivo. Come già detto, si potrà fare una volta sola.

Quindi a partire dal 28 maggio si potrà fare un nuovo invio, annullando la dichiarazione precedentemente trasmessa.

Per annullare il 730 il contribuente dovrà accedere al sito della precompilata e selezionare la voce “Richiedi annullamento 730”. Il nuovo invio della dichiarazione potrà essere effettuato una volta completata la procedura, solitamente entro 24 o 48 ore dalla richiesta.

Modello 730 integrativo: dai caf o Patronati

Se ci si dovesse rendere conto di aver commesso errori solo dopo il 20 giugno, allora non resta che rivolgersi a Caf e Patronati per la correzione tramite il Modello 730 integrativo.

Se il contribuente ha necessità di modificare il proprio modello 730 per l’integrazione che comporta un maggior credito, può presentare un modello 730 integrativo entro la data del 25 ottobre 2019. Si fa barrando la casella nel frontespizio e solo tramite Caf o intermediario telematico.

Se invece il contribuente vuole correggere un modello 730 che comporta un maggior debito, può presentare il modello Redditi entro la data del 30 settembre 2019.

Potrebbe interessarti questo volume:

Guida ai rimborsi da dichiarazione dei redditi

Nel nostro ordinamento tributario, la tensione tra Fisco e contribuente raggiunge livelli particolarmente elevati quando si tratta di procedure di rimborso, soprattutto nel caso di quelle relative al rimborso da dichiarazione dei redditi.Nel volume i complessi e, talvolta, controversi risvolti applicativi della disciplina normativa sono puntualmente analizzati privilegiando tutti quegli aspetti che presentano maggiore criticità. I temi trattati sono supportati anche dai contributi resi dalla dottrina, dalla giurisprudenza e dalla prassi di settore, per offrire un quadro completo dell’argomento, utile a chi desideri approfondire maggiormente la materia. Le tante fasi operative delle procedure di rimborso sono sintetizzate nei vari passaggi temporali di esecuzione, secondo l’iter dettagliatamente descritto anche nel sito web dell’Agenzia delle entrate.ARGOMENTI TRATTATI- Legittimazione del diritto al rimborso – Il rimborso nell’obbligazione tributaria – I rimborsi derivanti dalla dichiarazione dei redditi – Modalità di trattazione dei rimborsi- I rimborsi automatizzati – I rimborsi semi-automatizzati – Casistica pratica- Riferimenti normativi, di prassi e di giurisprudenzaANTONINA GIORDANO Giornalista e tributarista. Direttore tributario presso il MEF ha ricoperto prestigiosi incarichi presso l’Agenzia delle entrate dove, tra l’altro, per anni ha scritto moltissimi articoli, risposto ai quesiti dei contribuenti nella redazione della rivista Fiscooggi e tenuto interviste per programmi RAI. È autrice di oltre 1.500 articoli e di 17 libri in materia economico-tributaria, pubblicati dalle maggiori editrici di settore (ex multis: Centro Ricerca Documentazione economica e finanziaria del MEF, Ente editoriale della Guardia di Finanza, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, MAGGIOLI, IPSOA, Wolter&Kluver, CESI multimedia, ARACNE, LA TRIBUNA, Tombolini, RATIO , GIURETA).

Antonina Giordano | 2019 Maggioli Editore

19.00 €  18.05 €

Redazione

Tag