Modello 730/2022 integrativo: entro il 25 ottobre. Istruzioni

Chiara Arroi 07/10/22
Scarica PDF Stampa
Archiviata la scadenza del 30 settembre per l’invio delle dichiarazioni dei redditi ne arriva un’altra: quella di martedì 25 ottobre 2022, data entro cui presentare il Modello 730/2022 integrativo. Non è un obbligo per tutti, ma solo una possibilità che hanno i contribuenti per integrare qualche dato mancante o rettificare qualche informazione errata sulla dichiarazione precedentemente inviata. In sostanza, se il contribuente si accorge di non aver inserito o fornito tutti gli elementi richiesti nella dichiarazione (ha omesso ad esempio di indicare qualche dato sull’identificazione del sostituto o sugli oneri), può inviare entro ottobre una dichiarazione integrativa rispetto all’originaria: quello che si chiamata 730 integrativo. Può farlo in diverse modalità a seconda che le modifiche comportino o meno una situazione di maggior credito o maggior debito. La scadenza per presentare il 730/2022 integrativo è fissata al 25 ottobre 2022. Vediamo ora come farla e in quali casi.
Indice
Modello 730/2022 integrativo: cos’è Lo dice la parola stessa. Si chiama integrativo perché è un modello 730 ulteriore rispetto a quello originario inviato entro la scadenza ultima per la dichiarazione redditi 2022. Si presenta nel momento in cui ci si accorge di non aver fornito tutti i dati da compilare in dichiarazione 730 o di averne inseriti di errati e che vanno a proprio sfavore.

Dall’errore o omissione commessi in pratica scaturisce una situazione svantaggiosa per il contribuente: dovrà ad esempio restituire un maggior debito o dovrà rimborsare un minor credito. Ecco quindi che integrando quanto precedentemente dichiarato può procedere alla correzione di questa situazione di svantaggio. Si saneranno in questo modo l’omissione o l’errore.

Si può utilizzare l’integrativo anche per mettere mano alla correzione di semplici dati anagrafici o del sostituto d’imposta.
730/2022 integrativo: le tre tipologie di Modello A seconda del caso in cui il contribuente viene a trovarsi può scegliere tre diverse modalità di invio della dichiarazione 730 integrativa:
  • Integrativo con CODICE 01, utilizzato per correggere redditi dichiarati in eccesso o inserire oneri detraibili o deducibili dimenticati. In questo caso basterà indicare il codice 01 nella relativa casella “730 integrativo” presente nel frontespizio;
  • Integrativo con CODICE 02, si usa per correggere solo ed esclusivamente i dati relativi al sostituto d’imposta. Se ci si accorge di non aver fornito tutti i dati identificativi del sostituto che effettuerà il conguaglio o di averli forniti in modo inesatto può presentare entro il 25 ottobre un nuovo modello 730 per integrare e/o correggere tali dati. In questo caso dovrà indicare il codice 2 nella relativa casella “730 integrativo” presente nel frontespizio; questo è anche chiamato il modello 730 integrativo neutro;
  • Integrativo con CODICE 03, viene utilizzato per la combo di tutti gli elementi mancanti. In pratica si può scegliere questa tipologia di integrazione per correggere o integrare sia errori/mancanze relative ai dati identificativi del sostituto d’imposta, sia per quelli relativi ai dati sugli oneri detraibili e deducibili (da cui scaturiscono un maggior importo a credito, un minor debito oppure un’imposta invariata).
  • Cosa succede al 730/2022 originale Di fronte all’eventualità di dover integrare la propria dichiarazione, già inviata entro la naturale scadenza del 30 settembre, può sorgere il dubbio di che fine faccia il 730/2022 originario e i risultati dei rimborsi da esso scaturiti. E’ bene ricordare in questo caso che la presentazione di una dichiarazione integrativa non sospende le procedure avviate con la consegna del modello 730. Di conseguenza non fa venir meno l’obbligo da parte del datore di lavoro o dell’ente pensionistico di effettuare i rimborsi o trattenere le somme dovute in base al modello 730. Modello 730/2022 integrativo: come inviarlo Se ci si accorge di aver commesso errori dichiarativi e di dover presentare al fisco un 730 di integrazione occorre:
  • rivolgersi in ogni caso a un Caf o professionista abilitato. Anche se per il 730, anche in caso di assistenza precedentemente prestata dal sostituto,
  • esibire e consegnare al Caf o professionista scelto tutta la documentazione, affinché questo faccia un controllo di conformità degli elementi integrativi inseriti.
  • Modello 730/2022 integrativo: la scadenza per il 2022 Come anticipato a inizio articolo la data ultima prevista per presentare una dichiarazione 730 integrativa è fissata a martedì 25 ottobre 2022. Entro questo giorno si dovranno concludere tutte le procedure descritte sopra. Modello Redditi 2022 al posto del 730 integrativo Esistono due casi specifici in cui si può/si deve utilizzare invece il Modello Redditi per correggere gli errori commessi. E lo si può fare entro il 30 novembre 2022:
  • SI DEVE presentare il Modello Redditi se ci si rende conto di aver dichiarato spese deducibili o detraibili in misura maggiore a quelle effettivamente reali, o di aver dimenticato di dichiarare dei redditi. In sostanza quando l’errore o la dimenticanza causano una situazione di maggior favore al contribuente. In questo caso si deve optare per un Modello redditi e pagare direttamente le somme dovute, compresa la differenza rispetto all’importo del credito risultante dal modello 730, che verrà comunque rimborsato dal sostituto d’imposta;
  • SI PUO’ (in questo caso farlo è una scelta alternativa al 730 integrativo) optare per il Modello Redditi entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta successivo, nel caso in cui gli errori o dimenticanze comportino le situazioni svantaggiose per il contribuente (descritte nei precedenti paragrafi).
  • FORMATO CARTACEO
    Criptovalute e dichiarazione dei redditi Le criptovalute sono sempre più oggetto d’interesse e rappresentano uno di quei casi in cui il diritto rincorre l’evoluzione tecnica. In questo scenario il testo, dopo un’analisi del fenomeno criptovalute e blockchain e degli altri elementi che intorno a questo gravitano come i token, le Initial Coin Offering (ICO) e la finanza decentralizzata (DEFI), si focalizza sulla definizione più corretta che al momento esiste di criptovaluta e dei suoi risvolti applicativi all’interno del mondo tributario. Nel libro si analizzano gli aspetti civilistici e fiscali sia in capo alle società, e quindi l’esposizione in bilancio e la rilevanza ai fini IVA, sia in capo alle persone fisiche dando evidenza del calcolo della plusvalenza e del monitoraggio fiscale. Infine vengono forniti esempi pratici di compilazione dei quadri RT ed RW e la raccolta della normativa di riferimento. Questa seconda edizione è stata completata con la prassi di riferimento e con la normativa che introduce un nuovo obbligo di comunicazione per i prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e per i prestatori di servizi di portafoglio digitale; viene dedicato un intero capitolo agli NFT e ai risvolti tributari che questi comportano, essendo ormai diventati molto popolari nella moda, nel gaming, nello sport e nell’arte. Infine un breve cenno viene fornito anche in merito ad un recente disegno di legge, il d.d.l. n. 2572 del 30 marzo 2022, recante “Disposizioni fiscali in materia di valute virtuali e disciplina degli obblighi antiriciclaggio” che si pone l’obiettivo di superare l’attuale situazione di incertezza. Gilberto Chiari Dottore commercialista e revisore contabile in Canossa (RE) riveste incarichi di revisore contabile in società ed enti pubblici, si occupa di consulenza fiscale e societaria, socio fondatore dello Studio Legale Tributario Deottolovecchio & Partners. Dario Deotto Commercialista, pubblicista, svolge la propria attività professionale quale partner fondatore dello Studio Legale Tributario Deottolovecchio & Partners. Francesco Paolo Fabbri Dottore commercialista e revisore contabile in Bologna, si occupa principalmente di tematiche afferenti all’accertamento ed al contenzioso, pubblica contributi in materia fiscale su riviste specializzate. Alberto Ferrari Laureato in Ingegneria Informatica, blockchain Specialist e AWS Certified Solutions Architect, Alberto è cofondatore di Thesis SRL azienda di Parma specializzata in consulenza direzionale e progettazione software. Maurizio Nadalutti Dottore commercialista e revisore contabile in Udine, si occupa principalmente di contenzioso tributario ed è Collaboratore dello Studio Legale Tributario Deottolovecchio & Partners. Gilberto Chiari, Francesco Paolo Fabbri, Alberto Ferrari, Maurizio Nadalutti, con prefazione di Dario Deotto | Maggioli Editore 2022
    19.00 €
    Dichiarazione redditi: le scadenze 2022 Ricordiamo in breve tutte le scadenze che hanno interessato l’anno dichiarativo 2022 (sui redditi dell’anno d’imposta 2021):
  • 31 maggio 2022, inizio periodo di modifica e invio dichiarazione (730 e Redditi) o accettazione senza modifiche del modello 730 precompilato;
  • 20 giugno 2022, data ultima per annullare il 730 già inviato;
  • 30 settembre 2022, data ultima per la presentazione del Modello 730/2022 precompilato;
  • 25 ottobre, data ultima per la presentazione del Modello 730/2022 integrativo;
  • 30 novembre 2022 è l’ultimo giorno utile per la presentazione del modello Redditi precompilato e per inviare il modello Redditi correttivo del 730.
  • Chiara Arroi
    Tag