Congedo straordinario Legge 104: da oggi si può rinunciare online. Ecco come

Chiara Arroi 11/07/23
Scarica PDF Stampa

Chi ha fatto domanda di congedo straordinario Legge 104 può oggi rinunciare al beneficio direttamente online. Può comunicare questa volontà accedendo alla nuova funzionalità rilasciata sul portale Inps. E può farlo in tutto o in parte, a seconda dei casi.

La novità è apparsa sull’ultimo Messaggio Inps del 10 luglio (il numero 2600):” Sportello telematico per la presentazione della domanda online di congedo straordinario per assistere familiari disabili in situazione di gravità. Rilascio della nuova funzionalità denominata “Rinuncia”.

La possibilità di rinuncia al congedo è valida solo per le domande in corso di fruizione nel mese di presentazione della rinuncia. Vediamo in breve cos’è il congedo straordinario Legge 104 e come utilizzare il servizio online “rinuncia al congedo”, messo a punto da Inps.

Indice

Congedo straordinario Legge 104: cos’è

Il congedo straordinario è un periodo di assenza dal lavoro retribuito, che viene concesso ai lavoratori dipendenti che assistono familiari con disabilità grave titolari di Legge 104. Ricordiamo che è disabile grave chi beneficia dell’articolo 3 comma 3 della Legge (non basta l’articolo 3 comma 1).

 La persona per la quale si chiede il congedo straordinario deve essere in situazione di disabilità grave ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 104/92.

>> Leggi Disabili Legge 104 art. 3 comma 1: tutte le agevolazioni e differenze rispetto al comma 3

Chi può chiedere il Congedo straordinario Legge 104

Questa tipologia di congedo viene concessa in base a un ordine di priorità. Spetta ai lavoratori dipendenti secondo questo ordine:

  • coniuge convivente o la parte dell’unione civile convivente o il convivente di fatto della persona disabile in situazione di gravità;
  • padre o madre, anche adottivi o affidatari, della persona disabile in situazione di gravità in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente o della parte dell’unione civile convivente o del convivente di fatto;
  • figlio convivente della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente o la parte dell’unione civile convivente o il convivente di fatto ed entrambi i genitori del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • fratello o sorella convivente della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente o la parte dell’unione civile convivente, o il convivente di fatto, entrambi i genitori e i figli conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • parente o affine entro il terzo grado convivente della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente o la parte dell’unione civile convivente, o il convivente di fatto, entrambi i genitori, i figli conviventi e i fratelli/sorelle conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.

Per approfondire norme e strumenti di tutela delle fasce disabili e deboli della popolazione consigliamo il libro “La tutela dei soggetti disabili”, una guida pratica a supporto dei familiari e professionisti che si occupano dell’assistenza e della tutela di un soggetto disabile.

Chi NON può chiedere il Congedo straordinario Legge 104

Non tutti possono beneficiare di questa agevolazione Legge 104. Sono esclusi alcuni cittadini, in base alla categoria contrattuale:

  • i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari;
  • i lavoratori a domicilio;
  • i lavoratori agricoli giornalieri;
  • i lavoratori autonomi;
  • i lavoratori parasubordinati;
  • i lavoratori con contratto di lavoro part-time verticale, durante le pause di sospensione contrattuale.

Congedo straordinario Legge 104: importo indennità

Ribadiamo che il congedo straordinario per assistenza ai soggetti disabili è retribuito. Per quanto riguarda l’indennizzo erogabile dall’Inps occorre fare riferimento ai valori massimi dell’indennità economica accreditabile.

Per il 2023 sono questi:

  • Importo annuo complessivo: 53.686,65 euro;
  • Importo massimo indennità: annua 40.366 euro; giornaliero 110,59 euro;

L’indennità di congedo straordinario è anticipata dal datore di lavoro con la possibilità di conguaglio con i contributi dovuti all’INPS. Per gli operai agricoli a tempo determinato e a tempo indeterminato, per i lavoratori dello spettacolo saltuari o con contratto a termine l’indennità è pagata direttamente dall’INPS.

Come rinunciare al Congedo straordinario Legge 104

Anzitutto i diritto a usufruire di questa tipologia di congedo (e quindi dell’indennità) si perde nel caso vengano meno i requisiti sanitari e amministrativi previsti dalla legge, per cui si procederà anche al recupero del beneficio fruito.

Ma oltre alla perdita dei benefici, ora l’Inps ha previsto la possibilità per il titolare del congedo straordinario di rinunciare all’agevolazione: in toto o solo parzialmente. Tutto è messo nero su bianco nel messaggio Inps 2600 del 10 luglio 2023.

Come spiegato da Inps, il servizio online per l’acquisizione delle domande di fruizione del congedo straordinario Legge 104, per assistere familiari disabili in situazione di gravità, è stato integrato con una nuova funzionalità per consentire la variazione di alcune condizioni dichiarate in una domanda già presentata.

E’ stata infatti realizzata la nuova funzionalità chiamata “Rinuncia”. Questa consente agli utenti di comunicare all’Istituto la volontà di rinunciare, in tutto o in parte, al periodo richiesto in una domanda già presentata.

Libro consigliato sul tema

FORMATO CARTACEO

Agevolazioni fiscali e adempimenti per i soggetti disabili 2023

Il volume, in continuità con il precedente – dello stesso autore – dedicato esclusivamente alla Legge 104/1992, vuole essere una guida pratica rispetto agli adempimenti di natura amministrativa e fiscale previsti per i soggetti disabili. L’autrice analizza con un approccio operativo i vari aspetti: dall’attestazione dello status di disabile fino ai singoli quadri della dichiarazione dei redditi interessati. Il tutto viene trattato alla luce delle novità più recenti, tra cui l’intervento del Decreto Legislativo n. 105 del 30 giugno 2022 in materia di Referente Unico. Il testo offre anche uno sguardo verso il collocamento mirato, evidenziando come esso possa essere, oltre che la risposta ad un obbligo di Legge, anche un’importante occasione di accoglimento sociale che garantisce autonomia e dignità ai soggetti disabili e consente alle Aziende l’accesso ad agevolazioni fiscali e contributive.

Marta Bregolato, Consulente del Lavoro | Maggioli Editore 2023

Si può rinunciare a un periodo di congedo straordinario Legge 104 in questo modo:

  • andare sul portale dell’Istituto www.inps.it,
  • accedere al servizio “Indennità per congedi straordinari (assistenza familiari disabili)” dal percorso “Lavoro”
  • > “Congedi, permessi e certificati”
  • > “Congedi
  • selezionare la voce di menu “Comunicazione di variazione”, dopo avere effettuato l’autenticazione tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di Identità Elettronica).

Questa funzione consente al lavoratore di rinunciare, in tutto o in parte, al periodo richiesto in una domanda già presentata.

La comunicazione di variazione può essere effettuata solo con riferimento alle domande in corso di fruizione nel mese di presentazione della rinuncia. Ciò vuol dire che il periodo richiesto nella domanda originaria deve ricoprire, in tutto o in parte, il mese in cui si presenta la rinuncia. La data di rinuncia, inoltre, deve ricadere nel mese di presentazione della comunicazione della variazione stessa.

Congedo straordinario Legge 104: esempio di rinuncia online

Per chiarire meglio la modalità di rinuncia al congedo per assistenza disabili Legge 104 ecco un esempio. Luca ha presentato diverse domande con questa tempistica:

  • data inizio 20 gennaio 2023 – data fine 31 dicembre 2023;
  • data inizio 1° gennaio 2024 – data fine 10 febbraio 2024;
  • data inizio 10 marzo 2024 – data fine 1° agosto 2024.

Luca vuole comunicare la rinuncia al congedo per il mese di Luglio 2023.

Per restare aggiornato su tutte le novità in tema di assistenza disabili e Legge 104 puoi iscriverti gratis alla Newsletter di LeggiOggi, compilando il form qui sotto

Iscriviti alla newsletter

Si è verificato un errore durante la tua richiesta.

Scegli quale newsletter vuoi ricevere

Autorizzo l’invio di comunicazioni a scopo commerciale e di marketing nei limiti indicati nell’informativa.

Cliccando su “Iscriviti” dichiari di aver letto e accettato la privacy policy.

Iscriviti

Iscrizione completata

Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Seguici sui social


(Foto di copertina: istock/Piksel)