Concorso Inps, 38 ingegneri area tecnico edilizia: requisiti e prove

Elena Bucci 31/10/22
Scarica PDF Stampa
Nuovo Concorso Inps al via: è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando di selezione pubblica, per titoli ed esami, per la copertura di 38 posti di professionista di primo livello, per l’area tecnico-edilizia, a tempo indeterminato. La notizia è stata resa nota dal PIAO 2022-2024, pubblicato dall’ente previdenziale nelle scorse settimane, in cui si legge che di tutte le procedure in programma l’unica non ancora avviata era quella finalizzata all’assunzione di 38 ingegneri.

Nello specifico, infatti, i posti messi a bando sono suddivisi come di seguito per profilo professionale:
  • 22 unità di ingegneri elettrici e meccanici;
  • 16 unità di ingegneri civili, edili ed architetti.
  • Concorso Inps, tutti i requisiti Per avere accesso alla procedura concorsuale indetta dall’Inps, è necessario il possesso dei seguenti requisiti entro la data di scadenza del bando:
  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione europea;
  • non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, oppure non essere stato dichiarato decaduto o licenziato da un impiego statale;
  • non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari laddove previsti per legge;
  • godimento dei diritti politici e civili;
  • idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce.
  • Inoltre, sono richiesti i seguenti titoli di studio (specifici a seconda del profilo professionale):
  • ingegneri elettrici e meccanici:
    – diploma di laurea in Ingegneria elettrica o Ingegneria meccanica conseguito secondo l’ordinamento previgente al DM 509/99 o titoli equipollenti o equiparati;
    – essere iscritto alla sezione A dell’Albo professionale dell’ordine degli ingegneri o avere titolo a detta iscrizione.
  • ingegneri civili, edili ed architetti:
    – diploma di laurea in Architettura, Ingegneria civile, Ingegneria edile o Ingegneria edile-Architettura conseguito secondo l’ordinamento previgente al DM 509/99 o titoli equipollenti o equiparati;
    – essere iscritto alla sezione A dell’Albo professionale dell’ordine degli ingegneri o degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori o avere titolo a detta iscrizione.
  • Concorso Inps, invio domande Il candidato deve produrre domanda di partecipazione al concorso esclusivamente in via telematica, mediante l’utilizzo di SPID (Sistema pubblico di identità digitale) oppure CNS (Carta nazionale dei servizi) oppure CIE (carta identità elettronica), compilando l’apposito modulo ed utilizzando la specifica applicazione disponibile all’indirizzo internet www.inps.it

    L’invio on-line della domanda debitamente compilata deve essere effettuato entro il termine perentorio delle ore 16 del 28 novembre 2022.
    Scarica il bando
    Concorso Inps, prove d’esame La procedura di concorso si articola nelle seguenti fasi:
  • una prova scritta: sarà volta ad accertare la preparazione del candidato sia sotto il profilo teorico, sia sotto il profilo applicativo e operativo. Consisterà nella soluzione di una serie di quesiti a risposta multipla e avrà ad oggetto argomenti relativi alla legislazione, norme tecniche, teoria, tecnica e procedure afferenti alle materie indicate nel paragrafo successivo;
  • una fase di valutazione dei titoli,
  • una prova orale: mira ad accertare la preparazione e la professionalità del candidato, nonchè la sua attitudine all’espletamento delle funzioni previste dal profilo professionale da ricoprire. Essa verterà oltre che sulle materie oggetto della prova scritta, anche su nozioni in materia di ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, sui principi normativi in materia di trasparenza, anticorruzione e privacy. Nel corso della prova orale sarà altresì accertata la conoscenza della lingua inglese, con particolare riferimento alle conoscenze linguistiche in ambito tecnico, e dell’uso delle applicazioni informatiche più diffuse nell’esercizio della professione di ingegnere ed architetto.
  • Nell’ambito della prova orale potranno essere discussi anche casi pratici, al fine di accertare oltre le conoscenze teoriche e tecniche, la capacità di cogliere le interrelazioni tra gli argomenti, la capacità di giudizio critico e decisionale, tenuto conto dell’elevata specializzazione tecnica richiesta dal profilo professionale oggetto di reclutamento.
    Concorso Inps, programma d’esame Le materie d’esame che saranno oggetto sia della prova scritta che del colloquio orale sono le seguenti, suddivise per profilo professionale:
  • ingegneri elettrici e meccanici:
    – disciplina dell’attività contrattuale della pubblica amministrazione: programmazione, progettazione, espletamento procedure di affidamento, esecuzione e del collaudo;
    – pratica tecnico-amministrativa e contabilità nella condotta delle opere pubbliche funzioni, compiti e responsabilità dei diversi ruoli;
    – salute e sicurezza sui luoghi di lavoro con particolare riferimento ai cantieri;
    – prevenzione incendi;
    – impianti elettrici e speciali nell’edilizia civile;
    – impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili in edilizia civile;
    – impianti termici e meccanici;
    – impianti idrico-sanitari;
    – impianti ascensori e montacarichi;
    – impianti di rilevazione e spegnimento incendi;
    – fisica tecnica – prestazione ed efficienza energetica nell’edilizia.
  • ingegneri civili, edili ed architetti:
    – disciplina dell’attività contrattuale della pubblica amministrazione: programmazione, progettazione, espletamento procedure di affidamento, esecuzione e del collaudo; pratica tecnico-amministrativa e contabilità nella condotta delle opere pubbliche – funzioni, compiti e responsabilità dei diversi ruoli;
    – salute e sicurezza sui luoghi di lavoro con particolare riferimento ai cantieri;
    – prevenzione incendi;
    – tecnica delle costruzioni – norme tecniche per le costruzioni decreto ministeriale 17 gennaio 2018;
    – legislazione in materia di Vulnerabilità sismica;
    – geotecnica, fondazioni e muri di sostegno;
    – estimo immobiliare;
    – legislazione urbanistico-edilizia e regime dei procedimenti abilitativi/autorizzativi;
    – codice dei beni culturali e del paesaggio;
    – catasto fabbricati e terreni;
    – progettazione architettonica per uffici strutturati e strutture ricettive a destinazione sociale- standard, ergonomia e accessibilità.
  • Seguici su Telegram!
    Per ricevere in anteprima tutte le novità sui concorsi pubblici, unisciti al nostro canale Telegram!Iscriviti qui
    Elena Bucci