“50 sfumature” all’italiana: dal contratto sadomaso alla denuncia per stalking

Redazione 30/08/12
Scarica PDF Stampa
Prima hanno firmato un vero e proprio contratto di prestazioni sadomaso, poi la storia è finita in tribunale perché lei lo ha lasciato, denunciandolo per stalking. C’è molto del best-seller “50 sfumature di grigio” nella vicenda di due amanti di Padova, che nel 2006 erano addirittura convolati a nozze, travolti da una passione che non conosceva limiti nella sfera sessuale. Un fuoco che oggi, però, ha finito di spegnersi nelle aule di giustizia.

E proprio come accade nel libro dell’anno, che porta la firma di E. L. James, era stata la donna, commessa di 32 anni, ad accettare di tramutarsi in “schiava” nell’intimità, per obbedire e soddisfare il padrone – un gestore di locali pubblici 41enne – al meglio delle proprie capacità. Un ruolo che implicava la totale rinuncia  “al suo diritto di godimento, di piacere, comfort e gratificazione eccetto quello concesso dal proprio padrone”. Una stipula di sottomissione completa, insomma, addirittura messa nero su bianco e firmata in calce, che è finita per diventare, ora, una prova schiacciante dei maltrattamenti subiti da parte del marito.

Già, perché dopo i primi anni di appagamento dal patto di subordinazione fisica, è arrivata anche per questa coppia “sui generis” – diventati, nel frattempo anche genitori – la tanto temuta crisi, che ha convinto la donna a chiedere la separazione definitiva dal marito, nonché “padrone per vincolo contrattuale”. E lei, formalizzando la richiesta di divorzio, non ha mancato di mettere in luce quei veri e propri atti persecutori, operati dal compagno nei suoi confronti. Un’accusa di cui l’uomo non si è sentito minimamente responsabile, arrivando a esibire il contratto firmato a suo tempo con la partner, proprio al fine di dimostrare la sua innocenza.

Il fatto è che, per l’ordinamento italiano, a questo genere di accordi non viene riconosciuto alcun valore legale, ragion per cui le clausole del contratto sono diventate prove esplicite di maltrattamento, impugnate dalla donna a suffragio della richiesta di separazione, cui è seguita anche una denuncia per stalking dell’ex dominatore caduto in disgrazia.

Insomma, malgrado le loro relazioni sessuali prevedessero l’uomo nel ruolo del padrone, quest’ultimo non si è dimostrato particolarmente avveduto, mettendo agli atti un documento che, nei suoi intenti, avrebbe dovuto scagionarlo, ma che, invece, lo ha letteralmente incastrato, senza il bisogno delle manette.

Redazione