Home Fisco Scadenze fiscali giugno 2022: le date da ricordare

Scadenze fiscali giugno 2022: le date da ricordare

scadenze-fiscali-giugno-2022

Il calendario delle scadenze fiscali di giugno 2022 si presenta ricco di adempimenti: spunta tra tutti il versamento dell’acconto IMU il 16 giugno, data che include anche gli adempimenti periodici di Iva, Irpef e contributi Inps.

Si passa poi al 27 giugno, data che vede la scadenza per la presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE.

Il 30 giugno sarà infine un’altra data ricca di adempimenti, a partire dal versamento del saldo 2021 e dell’acconto 2022 dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni dei redditi, per proseguire con il versamento della cedolare secca, Iva Ires e Irap e imposte sostitutive.

Sempre entro questa data le persone fisiche non obbligate all’invio telematico della dichiarazione dei redditi dovranno presentare la dichiarazione dei redditi modello “REDDITI Persone Fisiche 2022” in formato cartaceo presso gli uffici postali.

Vediamo nei prossimi paragrafi l’elenco degli adempimenti fiscali di giugno in base allo scadenzario fiscale fornito dall’Agenzia delle Entrate.

Acconto IMU 2022 entro il 16 giugno: chi paga, categorie catastali, esoneri

Scadenze fiscali giugno 2022: 15 giugno


Il 15 giugno è la scadenza entro la quale l società Acquirente Unico S.p.A. dovrà comunicare all’Agenzia delle Entrate di dati di dettaglio relativi al canone TV addebitabile e accreditabile nelle fatture emesse dalle imprese elettriche riferiti al mese precedente.

Sempre in questa data è prevista la registrazione da parte di soggetti Iva, esercenti commercio al minuto e ASD, Pro Loco e altre associazioni, rispettivamente di fatture, operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale e l’ammontare dei corrispettivi, riferiti al mese precedente.

Scadenze fiscali giugno 2022: 16 giugno

Come anticipato, il 16 giugno è la prima scadenza che riguarda il versamento dell’acconto Imu. Si ricorda che sono esonerati dal pagamento dell’imposta i possessori di un immobile adibito ad abitazione principale accatastato nelle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7. Sono esonerati dal pagamento inoltre:

  • il nudo proprietario (quando sull’immobile è presente un usufrutto);
  • l’inquilino dell’immobile (l’imposta viene versata dal titolare dei diritti reali);
  • la società di leasing concedente (in quanto paga l’utilizzatore);
  • il comodatario (paga il comodante titolare dell’immobile),
  • l’affittuario dell’azienda se l’azienda comprende un immobile (il versamento compete al proprietario dell’azienda concessa in affitto);
  • il coniuge non assegnatario in caso di separazione o divorzio.

Per il 16 giugno sono previsti inoltre un totale di 59 diversi versamenti: dalla Tobin tax all’imposta sugli intrattenimenti, passando per le ritenute alla fonte da parte dei sostituti d’imposta. Tra gli altri versamenti anche l’Iva per alcune categorie di soggetti, e l’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali sulle somme erogate ai dipendenti, nel mese precedente, in relazione a incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione.

Per l’elenco esaustivo di tutti gli adempimenti si rimanda allo scadenzario fiscale dell’Agenzia delle Entrate, disponibile a questo indirizzo.

Scadenze fiscali giugno 2022: 20 giugno

Entro il 20 giugno le imprese elettriche dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate di dati di dettaglio relativi al canone TV addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente.

Scadenze fiscali giugno 2022: 27 giugno

Il 27 giugno, come anticipato, è la data entro la quale gli operatori intracomunitari con obbligo mensile dovranno presentare gli elenchi riepilogativi Intrastat delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE.

La presentazione potrà avvenire esclusivamente in modalità telematica mediante il Servizio Telematico Doganale E.D.I. (Electronic Data Interchange) all’Agenzia delle Dogane, oppure all’Agenzia delle Entrate sempre mediante invio telematico.

Leggi anche “Servizi online Agenzia entrate: come delegare parenti o persone di fiducia”

Scadenze fiscali giugno 2022: 30 giugno

Il 30 giugno rappresenta la data più importante per gli adempimenti fiscali del mese. È infatti previsto per questa data il versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2021 e di primo acconto per l’anno 2022.

Sempre in questa data si dovrà versare l’acconto dell’Irpef sui redditi sottoposti a tassazione separata, nonché gli acconti di cedolare secca, Iva Ires e Irap e imposte sostitutive. Tra i 63 versamenti previsti per questa data anche quello della terza rata bimestrale dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale.

Infine, entro il 30 giugno i contribuenti che non possiedono un apparecchio tv potranno inviare la “Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato” per non pagare il canone tv relativo al secondo semestre 2022. La comunicazione deve essere inviata in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati, utilizzando i canali telematici Fisconline o Entratel. Nei casi in cui non sia possibile la trasmissione telematica, il modello “Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato” debitamente compilato e sottoscritto, unitamente ad una copia di un valido documento di riconoscimento, deve essere inviato all’Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamento TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino, a mezzo del servizio postale in plico raccomandato senza busta.

Scadenze fiscali giugno 2022: dichiarazione dei redditi

A partire dal 23 maggio è stata resa disponibile dall’Agenzia delle Entrate la dichiarazione dei redditi precompilata, che è possibile modificare e inviare dal 31 dello scorso mese. Nel mese di giugno ci sono alcune date e adempimenti da ricordare che riguardano la dichiarazione, in particolare:

  • 6 giugno 2022, data a partire dalla quale si può inviare il modello Redditi correttivo per integrare e sostituire il 730 o il modello Redditi già inviato o annullare il 730 già inviato e presentare una nuova dichiarazione tramite l’applicazione web;
  • 20 giugno 2022, l’ultimo giorno in cui è possibile annullare il 730 già inviato.

Dichiarazione 730 precompilata: istruzioni e scadenze




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome