Home Concorsi pubblici Concorso Ministero della Giustizia Ministero Giustizia, 5410 assunzioni: ecco come partecipare al concorso

Ministero Giustizia, 5410 assunzioni: ecco come partecipare al concorso

Elena Bucci

Il 1 aprile sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, serie concorsi, i due bandi tanto attesi per il reclutamento di 5410 unità di personale laureato e diplomato presso il Ministero Giustizia. I posti messi a concorso sono così suddivisi:

  • 1660 unità di personale non dirigenziale dell’area funzionale terza, fascia economica F1;
  • 750 unità di personale non dirigenziale dell’area funzionale seconda, fascia economica F2;
  • 3000 unità di personale non dirigenziale dell’area funzionale seconda, fascia economica F1.

Il reclutamento delle predette figure professionali avverrà mediante una procedura concorsuale composta dalla valutazione dei titoli e da un’unica prova scritta, che consisterà nella risoluzione di quesiti a risposta multipla.

Concorso Ministero Giustizia 2022, 5410 diplomati e laureati: bando in Gazzetta

Per tutti gli aspiranti candidati in procinto di iscriversi al Concorso indetto dal Ministero della Giustizia, abbiamo raccolto tutte le istruzioni utili per compilare correttamente la domanda.

Ministero Giustizia, 5410 assunzioni: profili professionali

Le figure ricercate per quanto riguarda i profili professionali dei laureati (in triennale, magistrale o diploma di laurea vecchio ordinamento) sono complessivamente 1660, così suddivisi:

  • 180 unità di tecnico IT senior, con laurea in informatica, ingegneria, fisica, matematica, ovvero altra laurea con specializzazione in informatica o equipollenti;
  • 200 unità di tecnico di contabilità senior, con laurea in economia e commercio, scienze politiche o equipollenti;
  • 150 unità di tecnico di edilizia senior, con laurea in ingegneria, architettura o equipollenti;
  • 40 unità di tecnico statistico, con laurea in scienze statistiche, scienze statistiche ed attuariali o equipollenti;
  • 1060 unità di tecnico di amministrazione, con laurea in giurisprudenza, economia e commercio, scienze politiche o equipollenti;
  • 30 unità di analista di organizzazione, con laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio, sociologia, scienze statistiche e demografiche, psicologia indirizzo psicologia del lavoro e delle organizzazioni del lavoro, ingegneria gestionale ed equipollenti.

Invece, i posti riservati ai candidati in possesso del diploma di maturità sono in totale 3750, così distribuiti per profilo:

  • 3000 operatori data entry, con contratto a 36 mesi;
  • 280 unità di tecnico IT junior, con diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da Istituto tecnico – settore tecnologico – indirizzo elettronica ed elettrotecnica/informatica e telecomunicazioni o titoli di studio equipollenti;
  • 400 unità di tecnico di contabilità junior, con diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da Istituto tecnico – settore economico o titoli di studio equipollenti;
  • 70 unità di tecnico di edilizia junior, con diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da Istituto tecnico – settore tecnologico – indirizzo costruzioni, ambiente e territorio o titoli di studio equipollenti.

Ministero Giustizia, 5410 assunzioni: come iscriversi


Per partecipare alla procedura concorsuale indetta dal Ministero della Giustizia, occorre che i candidati presentino la domanda di iscrizione compilando il modulo elettronico sul sistema « Step-one 2019», raggiungibile dalla rete internet all’indirizzo https://ripam.cloud.

La procedura per iscriversi ai concorsi rimarrà attiva fino alle ore 14 del giorno 28 aprile 2022. Inoltre, il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato.

In particolare, i candidati dovranno essere in possesso di SPID (Sistema pubblico d’identità digitale), oppure di CIE (Carta d’Identità Elettronica) per potersi registrare all’interno della piattaforma dedicata alla presentazione delle domande di partecipazione.

Una volta collegati alla piattaforma Portale Step One 2019, i candidati dovranno accedervi, tramite il bottone “Accedi” visibile in alto a destra, come in foto:

Successivamente, si chiederà al candidato di accedere al portale tramite le credenziali SPID o CIE:

Una volta effettuato l’accesso, il candidato dovrà indicare i propri dati anagrafici (tra cui anche il codice fiscale e la residenza attuale) e confermare il possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione al concorso, tra cui:

  • il possesso del titolo di studio richiesto dal bando; nel caso dei profili dei laureati, andrà indicata l’università presso la quale è stato conseguito, la data di conseguimento e il voto riportato;
  • il profilo e il codice di concorso per cui si intende partecipare;
  • il possesso di eventuali titoli preferenziali o di precedenza alla nomina;
  • l’indicazione dell’eventuale titolarità delle riserve previste dai bandi.

In particolare, i candidati con disabilità dovranno specificare, nel corso della compilazione dei vari form, la richiesta di ausili e/o tempi aggiuntivi in funzione della propria necessità, che andrà opportunamente documentata ed esplicitata con apposita dichiarazione resa dalla commissione medico-legale dell’ASL di riferimento o da equivalente struttura pubblica.

Si ricorda, infine, che per la partecipazione al concorso deve essere effettuato, a pena di esclusione, il versamento della quota di partecipazione di 10 euro sulla base delle indicazioni riportate nel sistema «Step-One 2019».

Ministero Giustizia, 5410 assunzioni: come prepararsi

Per la preparazione della prova scritta del concorso per 3000 Operatori Data Entry, consigliamo il seguente volume:

Concorso 5410 posti Ministero della Giustizia 3000 Operatori Data Entry – Prova scritta

Luigi Tramontano, Luciano Manelli, Maggioli Editore

Il manuale presenta in maniera chiara e approfondita tutte le materie richieste per la preparazione alla prova scritta:
– Elementi di Diritto pubblico;
– Elementi di Informatica;
– Lingua inglese (quiz).

 

Per il profilo di Tecnico di Amministrazione, invece, consigliamo lo studio di questo manuale dedicato:

Concorso 5410 posti Ministero della Giustizia 1060 Tecnici di amministrazione – Prova scritta

Luigi Tramontano, Maggioli Editore

Il manuale presenta in maniera chiara e approfondita tutte le materie richieste per la preparazione alla prova scritta:
– Diritto amministrativo,
– Servizi di cancelleria,
– Lingua inglese (quiz).




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome