Home Pensioni Pensioni 2022: nuovi aumenti fino a 300 euro annui dal 1° gennaio

Pensioni 2022: nuovi aumenti fino a 300 euro annui dal 1° gennaio

Ecco il decreto ministeriale che stabilisce i nuovi importi adeguati all'inflazione e alcuni esempi di aumento 2022

Chiara Arroi
aumenti pensioni 2022 esempi importi

Gli adeguamenti all’inflazione porteranno aumenti fino a 300 euro all’anno per pensioni e assegni di reversibilità. Questo l’effetto della rivalutazione dovuta all’inflazione in salita nel 2021 rispetto al 2020.

Scherzetto dell’economia che porterà la spesa previdenziale a crescere di circa 4 miliardi di euro, ma che per i pensionati si tradurrà in un aumento di circa 25 euro al mese sul proprio assegno pensione.

A mettere tutto nero su bianco è stato il Decreto Mef datato 17 novembre 2021 e finito nella Gazzetta ufficale del 26 novembre. Vediamo in questo articolo cosa cambia dal prossimo anno e i nuovi aumenti per pensioni e reversibilità.

Ricordiamo che, oltre all’aumento pensionistico, in gioco il prossimo anno c’è la riforma pensioni 2022, che vede al tavolo delle trattative ancora il governo con i sindacati, e che per ora porterà ancora alcune singole modifiche:

Pensioni e reversibilità: i nuovi aumenti nel decreto Mef

“La percentuale di variazione per il calcolo della perequazione delle pensioni per l’anno 2021 è determinata in misura pari a +1,7 dal 1° gennaio 2022, salvo conguaglio da effettuarsi in sede di perequazione per l’anno successivo”.


Questa l’informazione riportata nell’articolo 2 del Decreto Mef 17 novembre 2021. Firmato Daniele Franco (Ministro dell’economia) e Andrea Orlando (Ministro del lavoro).

Tradotto significa che l’inflazione dei prezzi del 2021 rispetto al 2020 aumenterà all’1,7%. Anche il calcolo delle pensioni subirà un aumento proporzionato. Una spesa aggiuntiva per le casse dello Stato di circa 4 miliardi a beneficio di circa 23 milioni di pensionate e pensionati italiani >>>> Qui lo Speciale Pensioni <<<<

Pensioni 2022: torna la perequazione degli importi

Da gennaio 2022 si torna quindi alla perequazione degli importi pensionistici, relativi al valore ISTAT, che si applica in maniera progressiva:

  • è pari al 100 % (di 1,7%) per gli assegni piu bassi, fino a 4 volte il minimo (cioe fino a 2062 euro lordi, importo in cui rientra la maggioranza degli assegni) ,
  • del 90% per gli assegni tra 4 e 5 volte il minimo (fino a 2577,90 euro)
  • del 75% oltre questa soglia ( assegni lordi oltre 2.577,90 euro)

Ti potrebbe interessare anche:

> Riforma Irpef 2022: calcolo del risparmio netto per ogni fascia di reddito <

Pensioni e reversibilità: gli aumenti dal 1° gennaio 2022

Per effetto di tutto ciò quindi, dal 1° gennaio 2022 l’assegno previdenziale dei e delle titolari di pensioni sarà un po’ più ricco.

Cifre che saranno comunque provvisorie perchè parametrate ai primi 9 mesi dell’anno. Dopodichè, una volta calcolato il valore definitivo Istat relativo a tutto il 2021, Inps provvederà ad effettuare i relativi conguagli a inizio 2023.

In questa tabella di FiscoeTasse.com alcuni esempi di importi pensioni con tanto di aumenti dovuti all’adeguamento all’inflazione, così come stabilito dal decreto:

Importo pensione 2021 Rivalutazione Importo pensione 2022
700 euro 11,90 711,90 euro
1000 euro 17,00 1.017 euro
1300 euro 22,10 1322,10 euro
1500 euro 25,50 1525,50 euro
2000 euro 34,00 2034,00 euro
2500 41,76 2041,76 euro
2800 45,78 2845,78 euro
3000 48,33 3048,33 euro
4000 61,08 4061,08 euro
5000 73,83 5073,83

(Fonte: fiscoetasse.com)

Come si vede dalla tabella, un titolare di pensione media di 1.000 euro al mese finirà per prendere un aumento di 221 euro circa nell’arco di un anno. Invece un assegno pensione un po più alto, di 1.300 euro mensili, vedrà un aumento annuo di 287 euro circa. 

>> Scarica il Decreto rivalutazione pensioni 2022

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome