Home Welfare Pagamenti Inps novembre 2021: date e modalità

Pagamenti Inps novembre 2021: date e modalità

Daniele Bonaddio
pagamenti-inps-novembre-2021

Il mese di novembre rappresenta un mese ricco di pagamenti da parte dell’INPS: dall’erogazione del Reddito di emergenza alla liquidazione della NASpI, passando per il Reddito di Cittadinanza e la Pensione di Cittadinanza. In questo senso, nei prossimi paragrafi saranno anche offerti ulteriori approfondimenti in merito alle caratteristiche e alle peculiarità di ciascun sostegno e beneficio economico al fine di comprendere quali siano le categorie di cittadini che potranno accedere a tale bonus.

Dunque, per non perdere neanche una delle prestazioni spettanti è opportuno fare un attento riepilogo. Vediamo in dettaglio tutte le prestazioni erogate dall’INPS nel mese di novembre 2021.

Scadenze fiscali novembre 2021: il calendario con le date da ricordare

Pagamenti Inps novembre 2021: NASpI

Tra i primi pagamenti del mese di ottobre 2021, è particolarmente atteso l’erogazione della NASPI. Il sussidio è, in genere, erogato a partire dalla metà del mese, con riferimento al mese precedente. Dunque, a partire dal 10 novembre fino al 18 novembre sarà erogata a tutti gli aventi diritto per il mese di agosto.

A chi spetta? A tutti coloro che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro dipendente, ossia indipendentemente dalla volontà del lavoratore stesso (contratto a termine ad esempio).

Anche qui, per conoscere la data esattamente di pagamento, si consiglia di visualizzare il proprio fascicolo previdenziale online.

Pagamenti Inps novembre 2021: Reddito e Pensione di Cittadinanza

L’INPS, inoltre, a decorrere dal 15 novembre 2021, erogherà la cd. Pensione di Cittadinanza e il Reddito di Cittadinanza. Questa data riguarda i neobeneficiari che ricevono l’invito di INPS a ritirare presso Poste italiane la carta RdC con accreditata la somma spettante

Dal 27 novembre 2021, invece, l’Istituto erogherà il Reddito di Cittadinanza e la Pensione di Cittadinanza a coloro che ne hanno già usufruito in passato.

Le date, tuttavia, sono orientative. Infatti, il pagamento del Reddito di Cittadinanza, infatti, può avvenire un giorno prima o dopo quanto segnalato.

Reddito di Cittadinanza 2022, cosa cambia: le novità della Legge di bilancio

Pagamenti Inps novembre 2021: bonus bebè

Per quanto riguarda gli aiuti alle famiglie, anche per il mese di febbraio sarà erogato il cd. bonus bebè. L’importo, che varia da un minimo di 80 euro a un massimo di 160 euro, verrà erogato dall’INPS a partire dal 10-18 novembre 2021.

L’importo è riconosciuto per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo e ha durata di un anno dall’avvenimento in questione.

Per poter accedere al bonus è necessario rispettare alcune condizioni reddituali, ossia determinati limiti ISEE. Anche in questo caso, si consiglia ai genitori interessati di consultare il proprio fascicolo previdenziale INPS per conoscere la data esatta dell’accredito.

Resta valido – anche per questa agevolazione, al pari della NASPI – il suggerimento di consultare il Fascicolo Previdenziale sul sito dell’INPS per conoscere il giorno esatto dell’accredito, in quanto si tratta di date orientative che possono variare in base alla singola persona.

Pagamenti Inps novembre 2021: bonus IRPEF di 100 euro

Sempre nel mese di novembre 2021, l’INPS erogherà anche il cd. bonus IRPEF di 100 euro in favore di chi ha un reddito inferiore a 28.000 euro. Si tratta del nuovo bonus che sostituisce il bonus Renzi dal 1° luglio 2020. Il bonus.

Esso spetta per:

  • i lavoratori dipendenti e assimilati;
  • i disoccupati titolari di NASpI;
  • coloro che già ricevono altre prestazioni economiche a sostegno del reddito, come l’indennità di maternità, l’indennità di tirocini e la cassa integrazione.

L’importo sarà versato direttamente dai datori di lavoro nella busta paga dei propri dipendenti, mentre i titolari di NASpI lo riceveranno dall’INPS sul proprio conto corrente.

Bonus Irpef 100 euro, come evitare brutte sorprese a Dicembre

Pagamenti Inps novembre 2021: Reddito di emergenza

C’è molta attesa intorno alle date dei pagamenti del Reddito di Emergenza (REM), uno dei Bonus introdotti come sostegno ai nuclei familiari in difficoltà economica a causa dell’emergenza Covid19. Nonostante novembre sia ormai arrivato, non sono state ancora rese note le giornate in cui i beneficiari potranno aspettarsi questo importante indennizzo.

Ricordiamo nel frattempo che l’importo previsto può andare dai 400 agli 840 euro e che questa in arrivo sarebbe la quarta mensilità per chi aveva presentato la domanda entro la scadenza del 30 luglio 2021.

Pagamenti Inps novembre 2021: assegno unico per i figli

Sono scaduti il 31 ottobre 2021 i termini per farsi riconoscere il pagamento retroattivo dei mesi di luglio, agosto e settembre relativi all’Assegno unico temporaneo per i figli, la misura a sostegno delle famiglie con figli minori di 18 anni – anche adottati e in affido preadottivo. A chi fa richiesta entro la data prefissata del 31 dicembre 2021, invece, l’Assegno sarà erogato a decorrere dal mese di presentazione della domanda. Assegno erogato in base al numero dei figli e in misura decrescente all’aumentare del livello di ISEE (per un ISEE massimo di 50.000 euro).

I beneficiari che hanno già fatto domanda riceveranno l’importo a partire dal 26-27 novembre 2021; oltre alla mensilità saranno corrisposti anche gli arretrati dei mesi di luglio, agosto e settembre.

Pagamenti Inps novembre 2021: ricarica Carta Acquisti

Tornano le ricariche bimestrali della Carta Acquisti Inps (l’ultima prevista per l’anno in corso). In genere – salvo ritardi – l’INPS dispone i pagamenti del bimestre nei primi giorni del mese dispari. Nel caso in cui alla fine del mese non si riesca ancora a vedere la ricarica della Carta, è possibile contattare il numero verde INPS 803 164 e un operatore verificherà che i pagamenti della domanda non siano bloccati o sospesi.

Possono ricevere la Carta Acquisti i bambini fino a 3 anni o adulti con più di 65 anni, con ISEE in corso di validità (rinnovabile entro il 31 dicembre 2021) inferiore a 7.001,37 euro.

L’importo di ogni ricarica è di 80 euro, ossia 40 euro al mese.

Naspi e Dis-Coll: nuovi requisiti, riduzione importi, come cambiano nel 2022



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome