Home Economia Proroga Irap, Assegno temporaneo, Superbonus: le novità del CdM del 29 settembre

Proroga Irap, Assegno temporaneo, Superbonus: le novità del CdM del 29 settembre

proroga-irap-assegno-temporaneo-superbonus

Si è concluso nella mattinata di oggi, 29 settembre, il Consiglio dei Ministri che ha approvato diverse importanti proroghe, con il Decreto-legge recante “Disposizioni urgenti in materia di giustizia e disposizioni di proroga in tema di referendum, assegno temporaneo e IRAP“. Viene quindi disposta la proroga sia dei termini per l’Irap nel caso di superamento degli aiuti di Stato che del termine per fare domanda per l’assegno unico temporaneo ottenendo contestualmente gli arretrati.

Inoltre, il Consiglio dei Ministri ha approvato la NaDef, la Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza del 2021, introducendo anche importanti novità per il Superbonus, che resterà anche per il 2023. Tra le altre misure che saranno prolungate ci sarà anche Transizione 4.0, mentre verrà potenziato il Fondo Centrale di Garanzia per le PMI.

Vediamo quindi nei prossimi paragrafi tutte le novità introdotte con il CdM del 29 settembre.

Assegno temporaneo figli 2021: domanda fino al 31 ottobre per le mensilità arretrate

Proroga Irap al 30 novembre

Una delle prime misure previste dal nuovo Decreto-legge “Giustizia e proroghe” è il prolungamento dei termini per la regolarizzazione del versamento relativo al saldo Irap 2019 ed al primo acconto Irap 2020.

La precedente scadenza del 30 settembre viene spostata al 30 novembre 2021. La proroga si è resa necessaria perché la Commissione Europea deve ancora pronunciarsi sull’estensione delle nuove soglie del Quadro Temporaneo agli aiuti già autorizzati. Occorrerà attendere il parere della Commissione per capire se le imprese che hanno fruito dell’esonero previsto dal Decreto Rilancio lo hanno fatto debitamente o dovranno versare, in tutto o parzialmente, l’Irap non versata nel 2020.

Proroga Assegno temporaneo

Il 30 settembre rappresenta una data importante per quanto riguarda l’assegno temporaneo per i figli, la misura-ponte introdotta fino al 31 dicembre 2021 e che verrà sostituita dall’Assegno unico. Il Decreto che ha istituito questa misura prevede che le domande inoltrate fino al 30 settembre danno la facoltà di fruire degli assegni con effetto retroattivo a partire dal 1° luglio. Il termine del 30 settembre 2021 viene prorogato al 31 ottobre.

In sostanza, chi farà domanda per l’assegno temporaneo entro il 31 ottobre 2021 riceverà anche le mensilità di luglio, agosto e settembre.

Assegno temporaneo figli 2021, domande dal 1° luglio: istruzioni Inps

Proroga richieste di referendum

Un’ulteriore proroga arriva in materia di referendum. Il Decreto-legge approvato in Cdm proroga infatti di un mese la possibilità di depositare le sottoscrizioni e i certificati elettorali per le richieste di referendum annunciate dopo il 15 giugno 2021. La nuova scadenza anche in questo caso sarà il 31 ottobre.

Superbonus fino al 2023

Viene approvata in Consiglio dei Ministri anche la Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza del 2021, la cd. NaDef, un documento che contiene alcune variazioni rispetto al Def presentato ad aprile. Già nelle premesse della nota viene evidenziato come le previsioni di crescita per quest’anno siano state ampiamente superate, con una stima di crescita del Pil del 6% contro la previsione del 4,5%.

Anche la stima per il rapporto debito/PIL viene rivista al ribasso: dal 159,8% previsto nel DEF si prevede una riduzione al 153,5% già nel 2021.

Si legge nella Nota di aggiornamento:

Con la prossima Legge di Bilancio 2022-2024 sarà rafforzato il sistema sanitario nazionale, al fine di migliorare l’accesso alle cure e incoraggiare la prevenzione. Risorse aggiuntive saranno destinate ai rinnovi dei contratti pubblici e al rifinanziamento delle politiche invariate non coperte dalla legislazione vigente, tra cui missioni di pace, taluni fondi di investimento e il rinnovo di alcune politiche in scadenza. Sarà previsto il prolungamento di diverse misure di rilievo economico e sociale, fra cui il Fondo di Garanzia per le PMI e gli incentivi all’efficientamento energetico degli edifici e agli investimenti innovativi.

In arrivo quindi una proroga di diverse misure in scadenza, mentre viene sottolineato nella NaDef che gli investimenti legati al Superbonus stanno cominciando a dare i loro frutti. Per questo motivo il Superbonus sarà tra quelle misure che verranno prorogate, almeno fino al 2023.

Il Comunicato stampa alla conclusione del Cdm del 29 settembre

(Fonte e Foto www.governo.it)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome