Home Economia Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori dal 15 ottobre: ecco le...

Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori dal 15 ottobre: ecco le nuove misure

"Super Green Pass", tamponi a prezzi calmierati, certificazione da subito la prima dose, sanzioni, tutte le novità.

green-pass-obbligatorio-per-tutti-lavoratori

Arriva la nuova estensione per il Green Pass. Durante la riunione del Consiglio dei Ministri numero 36 del 16 settembre è stato infatti approvato il nuovo Decreto-legge recante “Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening”. Il nuovo decreto rende il Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori del pubblico e del privato dal 15 ottobre.

In arrivo anche nuove sanzioni. Il nuovo Dl infatti inasprirà le sanzioni già previste per chi non è in possesso della Certificazione verde, che andranno da 600 a 1.500 euro. L’obbligo sarà esteso anche a chi opera nelle associazioni di volontariato.

Novità anche per i tamponi a prezzi calmierati, con l’introduzione dell’obbligo per tutte le farmacie, mentre l’accordi attualmente in vigore tra farmacie e struttura commissariale era su base volontaria. Nel frattempo è stata anche approvata la legge di conversione del Decreto Green Pass, precedentemente approvato anche alla Camera, che ha introdotto alcune modifiche al Certificato verde, estendendone a 12 mesi la validità per i vaccinati.

Decreto Green Pass, ok definitivo dal Senato: le novità della conversione in legge

Green Pass obbligatorio: le categorie interessate

Come già anticipato, l’obbligo interesserà le seguenti categorie, per un totale di oltre 23 milioni di lavoratori:

  • lavoratori pubblici;
  • lavoratori del settore privato;
  • lavoratori autonomi;
  • magistrati, compresi quelli onorari, gli avvocati e i procuratori dello Stato e i componenti delle commissioni tributarie che devono accedere agli uffici giudiziari;
  • collaboratori familiari (colf, badanti, baby-sitter);
  • soggetti titolari di cariche elettive o di cariche istituzionali di vertice;
  • operatori di associazioni di volontariato.

Il Governo ha inoltre chiesto di estendere l’obbligo anche al Parlamento, la Consulta e al Quirinale, ma la norma non si può applicare direttamente agli organi costituzionali. Questi dovranno pronunciarsi a riguardo entro il 15 ottobre. Le disposizioni non varranno per “avvocati e altri difensori, consulenti, periti e altri ausiliari del magistrato estranei alle amministrazioni della giustizia, testimoni e parti del processo“.

Green Pass obbligatorio: regole, nuove estensioni, la guida completa

Tamponi a prezzi calmierati

La convenzione per i tamponi a prezzi calmierati viene di fatto imposta a tutte le farmacie che possono effettuare i tamponi, con sanzioni e chiusure per chi non si adegua. I tamponi saranno gratuiti per chi non può fare il vaccino, mentre costeranno:

  • 15 euro per gli adulti;
  • 8 euro per i minorenni.

Green Pass obbligatorio: da quando

La nuova estensione dell’obbligo entrerà in vigore dal 15 ottobre. L’entrata in vigore a ottobre permetterà alle categorie interessate di sottoporsi alla somministrazione del vaccino, analogamente a quanto è stato disposto per i lavoratori delle Rsa, per i quali l’obbligo scatterà invece dal 10 ottobre.

Green Pass obbligatorio: sanzioni

La linea del Governo prevede dure sanzioni per chi non sarà in possesso del Green Pass. Si guarda al modello scuola: prevista la sospensione sia della prestazione lavorativa che dello stipendio dopo cinque giorni di ingresso senza certificazione. In ogni caso il posto di lavoro sarà salvo: non si potrà licenziare chi non è in possesso della Certificazione verde, e le sanzioni legate al Green Pass saranno slegate da altre sanzioni disciplinari. Le sanzioni per chi viola le disposizioni vanno da 600 a 1.500 euro.

Saranno i datori di lavoro a verificare il rispetto delle prescrizioni, e secondo la bozza del Dl questi dovranno definire “entro il 15 ottobre 2021, le modalità operative per l’organizzazione delle verifiche, anche a campione, prevedendo prioritariamente, ove possibile, che tali controlli siano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro e individuano con atto formale i soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle violazioni degli obblighi“.

Si attende quindi la pubblicazione del Decreto-legge in Gazzetta Ufficiale per conoscere con esattezza tutte le novità in arrivo.

Green Pass scuola: come funziona la piattaforma per la verifica del certificato



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome