Home Fisco Cartelle esattoriali: nuovo rinvio scadenze e Rottamazione quater. Le novità

Cartelle esattoriali: nuovo rinvio scadenze e Rottamazione quater. Le novità

cartelle-esattoriali-rinvio-rottamazione-quater

Novità in arrivo per quanto riguarda il tema riscossione. Il 9 settembre infatti, durante la discussione per l’approvazione della legge di conversione del Decreto Green Pass, la Camera ha approvato a larga maggioranza un Ordine del giorno di Fratelli d’Italia che impegna il Governo a prorogare ulteriormente le scadenze delle cartelle esattoriali riferite al periodo dell’emergenza Covid-19, quindi da marzo 2020.

Le novità non riguardano solo le nuove scadenze: un altro punto dell’ordine del giorno impegna il Governo a valutare una nuova disciplina della riscossione dei debiti iscritti a ruolo, ovvero una “Rottamazione quater“.

In questo momento la riscossione delle cartelle è ripresa, l’ultima proroga al differimento è infatti scaduta il 31 agosto. Un nuovo rinvio dovrebbe essere disposto quindi entro il 30 settembre 2021, data di scadenza per il pagamento o per la richiesta di rateizzazione delle cartelle sospese da marzo 2020 ad agosto 2021.

Speciale Fisco: tutte le novità e gli aggiornamenti

Cartelle esattoriali: il testo dell’Odg

L’ordine del giorno approvato alla Camera impegna il Governo:

nel quadro complessivo delle esigenze in corso di approfondimento ai fini della predisposizione della prossima manovra di bilancio e nel rispetto, comunque, degli equilibri di finanza pubblica, tenendo anche conto, ove possibile, delle differenti posizioni dei singoli contribuenti interessati:

  1. a valutare l’opportunità di prevedere sia un piano straordinario per prorogare ulteriormente i termini delle notifiche delle cartelle esattoriali riferite al periodo emergenziale pandemico, sia una nuova disciplina della riscossione dei debiti iscritti a ruolo (cosiddetta «rottamazione quater»), anche attraverso meccanismi deflattivi del contenzioso tributario e di definizione delle liti pendenti e prorogando il termine di validità degli interventi temporanei introdotti alla fine dello scorso anno;
  2. a valutare di sospendere gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati dall’agente della riscossione o dagli altri soggetti affidatari della riscossione previsti dalla legge.”

Oltre alla proroga della sospensione delle cartelle esattoriali, e a una nuova pace fiscale, è previsto anche un nuovo stop ai pignoramenti, ripresi anch’essi dal 1° settembre.

Cartelle esattoriali: scadenze

Come già anticipato, il 31 agosto è scaduta l’ultima sospensione delle cartelle esattoriali prevista dalla conversione in legge del Decreto Sostegni Bis. Attualmente, quindi, il pagamento delle cartelle sospese o in alternativa la richiesta di rateizzazione, dovrà avvenire entro il 30 settembre 2021.

Il 6 settembre è invece scaduto il termine per pagare la rata di maggio 2020 della Rottamazione ter. Le rate del 2021 dovranno invece essere pagate entro il 30 novembre.

Cartelle esattoriali: tempistiche per nuovo rinvio e rottamazione

I tempi per un nuovo rinvio dovranno essere brevi, poiché si scontrano con le scadenze attuali. Le novità dovrebbero arrivare quindi entro il 30 settembre.

Diversi i tempi per la “Rottamazione quater“. L’ordine del giorno non ha previsto date, e una nuova disciplina dei debiti iscritti a ruolo potrebbe arrivare nella prossima Legge di Bilancio. Un’anticipazione potrebbe arrivare nella Nota di aggiornamento al DEF, si attendono quindi aggiornamenti entro la fine del mese di settembre.

Cartelle esattoriali: stralcio fino a 5mila euro

Nel frattempo è partito lo stralcio delle cartelle fino a 5 mila euro previsto dal Decreto Sostegni. La misura prevede la cancellazione automatica dei debiti fino a 5mila euro risalenti al periodo 2000-2010 per chi nel 2019 ha conseguito un reddito inferiore a 30mila euro. Anche lo stralcio delle cartelle potrebbe influire sulla nuova rottamazione quater, sono tanti gli aspetti che dovranno essere presi in considerazione per l’avvio della nuova disciplina.

Essendo una misura automatica, non sarà necessario effettuare alcuna richiesta per ottenere la cancellazione dei debiti. È tuttavia disponibile un servizio online dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione che permette di verificare se nel proprio piano di pagamento della “Rottamazione-ter” e del “Saldo e stralcio” sono presenti dei debiti che potrebbero rientrare nello stralcio.

Stralcio cartelle 2021: come verificare online se si ha diritto al condono



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome