Home Economia Decreto Riaperture bis: coprifuoco, spostamenti, pass, ristoranti. Cosa cambia

Decreto Riaperture bis: coprifuoco, spostamenti, pass, ristoranti. Cosa cambia

Elena Bucci
riaperture a maggio

Pubblicato in Gazzetta il nuovo Decreto riaperture bis. Nella giornata di lunedì 17 maggio, il Governo Draghi ha deciso di anticipare alcune date fissate con l’ultimo decreto di fine aprile per le riaperture, anticipando il via libera per alcune attività ed allentando altre misure e restrizioni anti-contagio come il coprifuoco, che sarà spostato da subito alle 23 per poi procedere gradualmente verso la sua abolizione.

Le altre principali novità riguardano la riapertura: al chiuso dei ristoranti anche la sera a partire dal 1° giugno, dei centri commerciali anche nei weekend dal 22 maggio, via libera alle palestre il 24 maggio ed alle piscine e centri benessere al chiuso il 1 giugno.

Riaperture, Coprifuoco: slitta subito alle 23 e viene abolito dal 21 giugno

Vediamo ora nel dettaglio le misure che entreranno in vigore con il Nuovo Decreto Riaperture riguardo le prossime riaperture di bar, ristoranti, palestre, piscine, cinema, teatri e musei.

Nuovo Decreto riaperture: entrata in vigore

Il nuovo provvedimento licenziato dal governo dovrebbe entrare in vigore questo mercoledì, introducendo una serie di importanti novità circa le riaperture tanto attese dai cittadini italiani.

La prima novità importante riguarda il coprifuoco, oggetto di molti aspri dibattiti, che sarà spostato in maniera graduale, permettendo un simultaneo monitoraggio dell’andamento dei contagi e della campagna vaccinale ogni due settimane:

  • dal 19 maggio spostato alle 23;
  • dal 7 giugno spostato alle 24;
  • dal 21 giugno abolito.

Inoltre, secondo quanto emerso dalla cabina di regia di ieri, finalmente alcune regioni potranno scivolare nella zona bianca, dove valgono solamente le regole di mascherina e distanziamenti:

  • Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna diventeranno zona bianca martedì 1 giugno;
  • Abruzzo, Veneto e Liguria passeranno in zona bianca la settimana successiva, da lunedì 7 giugno.

Potranno accedere alla zona bianca solo le regioni nei cui territori l’incidenza settimanale dei contagi è inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive.

Covid, Zona bianca: cosa prevede, regioni, regole, divieti

Decreto riaperture: tutte le date

Ecco il calendario completo delle riaperture decretato dal Governo Draghi ed in vigore a partire da oggi, mercoledì 19 maggio:

  • dal 19 maggio il coprifuoco sarà valido dalle 23.00 alle 5.00. A partire dal 7 giugno 2021, sarà valido dalle ore 24.00 alle 5.00. Dal 21 giugno 2021 sarà completamente abolito;
  • dal 1° giugno sarà possibile consumare cibi e bevande all’interno dei locali anche oltre le 18.00, fino all’orario di chiusura previsto dalle norme sugli spostamenti;
  • dal 22 maggio, tutti gli esercizi presenti nei mercati, centri commerciali, gallerie e parchi commerciali potranno restare aperti anche nei giorni festivi e prefestivi;
  • anticipata al 24 maggio, rispetto al 1° giugno, la riapertura delle palestre;
  • dal 1° luglio potranno riaprire le piscine al chiuso, i centri natatori e i centri benessere, nel rispetto delle linee guide e dei protocolli;
  • dal 1° giugno all’aperto e dal 1° luglio al chiuso, sarà consentita la presenza di pubblico, nei limiti già previsti (25 per cento della capienza massima, con il limite di 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso), per tutte le competizioni o eventi sportivi (non solo a quelli di interesse nazionale);
  • dal 22 maggio sarà possibile riaprire gli impianti di risalita in montagna, nel rispetto delle linee guida di settore;
  • dal 1° luglio sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò potranno riaprire al pubblico;
  • parchi tematici e di divertimento potranno riaprire al pubblico dal 15 giugno, anziché dal 1° luglio;
  • tutte le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi saranno di nuovo possibili dal 1° luglio;
  • dal 15 giugno saranno possibili, anche al chiuso, le feste e i ricevimenti successivi a cerimonie civili o religiose, tramite uso della “certificazione verde”. Restano sospese le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso;
  • dal 1° luglio sarà nuovamente possibile tenere corsi di formazione pubblici e privati in presenza.

Matrimoni 2021: cerimonie dal 15 giugno, le regole per la ripartenza

Decreto riaperture: spostamenti e certificazione verde

Dal 26 aprile via libera agli spostamenti tra le regioni in zona gialla. Quelli in entrata e in uscita dai territori delle Regioni e delle Province autonome collocati in zona arancione o rossa, invece, sono consentiti solamente ai soggetti muniti della certificazione o pass verde, oppure di autocertificazione se si tratta di motivi di lavoro, salute e urgenze.

Il pass per i vaccinati ha una valenza di nove mesi alla data di completamento del ciclo vaccinale, anche per chi è guarito dal Covid-19, ed è rilasciato dalla struttura sanitaria. Inoltre la certificazione verde potrà essere rilasciata anche dopo la somministrazione della prima dose di vaccino e ha validità dal quindicesimo giorno successivo ad essa fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale.

Per chi ha effettuato il tampone antigenico o molecolare, che vale 48 ore, il pass è rilasciato dalle strutture sanitarie pubbliche, private autorizzate e dalle farmacie e dovrebbe attestare una delle seguenti condizioni:

  • avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del prescritto ciclo;
  • avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;
  • effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-CoV-2.

Inoltre, dal 1° maggio al 15 giugno 2021, nella zona gialla e, in ambito comunale, nella zona arancione, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, nel rispetto dei limiti orari del coprifuoco e nel limite di quattro persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi, oltre ai minorenni sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.

È inoltre sempre consentito raggiungere seconde case ma può spostarsi soltanto il nucleo familiare e la casa non deve essere abitata da altre persone. Il titolare deve dimostrare di aver affittato o acquistato l’abitazione prima del 14 gennaio 2021.

Pass per spostamenti tra Regioni: come funziona, chi può ottenerlo

Decreto riaperture: scuole e università

Dal 26 aprile e fino alla conclusione dell’anno scolastico 2020/2021, è assicurato in presenza sull’intero territorio nazionale lo svolgimento:

  • dei servizi educativi per l’infanzia;
  • dell’attività scolastica e didattica della scuola dell’infanzia;
  • della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado;
  • delle attività scolastiche e didattiche della scuola secondaria di secondo grado.

Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica affinché:

  • nella zona rossa, sia garantita l’attività didattica in presenza ad almeno il 50 per cento, e, fino a un massimo del 75 per cento, della popolazione studentesca,
  • nelle zone gialla e arancione dev’essere pari ad almeno il 70 per cento e fino al 100 per cento della popolazione studentesca.

Nella zona rossa resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Dal 26 aprile 2021 e fino al 31 luglio 2021, nelle zone gialla e arancione, le attività didattiche e curriculari delle università sono svolte prioritariamente in presenza. Nelle zone rosse si raccomanda di favorire in particolare la presenza degli studenti del primo anno.

Calendario riaperture: la roadmap dal 22 maggio e le novità

Decreto riaperture: bar e ristoranti aperti di sera

Tra i vari allentamenti annunciati dal Decreto riaperture, spicca quella dell’apertura delle attività di ristorazione la sera in zona gialla, a partire dal 26 aprile: potranno riaprire anche di sera (soltanto in zona gialla) i ristoranti e i bar “con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto“.

Sempre in zona gialla, dal 1° giugno le attività di ristorazione saranno concesse anche al chiuso dalle 5 di mattina alle 18.

Si potrà stare soltanto seduti al tavolo, massimo quattro persone, a meno che non si tratti di conviventi. La distanza è fissata a un metro. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali e negli aeroporti, nei porti e negli interporti.

Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.

Secondo le regole stabilite dalla bozza formulata dalle Regioni gli esercizi che dispongono di posti a sedere dovrebbero:

  • privilegiare l’accesso tramite prenotazione e mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato per un periodo di 14 giorni;
  • disporre i tavoli in modo da assicurare il mantenimento di almeno 2 metri di separazione tra i clienti di tavoli diversi negli ambienti al chiuso e di almeno 1 metro di separazione negli ambienti all’aperto (giardini, terrazze, plateatici, dehors);
  • dopo le 14, consentire solamente la consumazione al tavolo;
  • per la consumazione al banco assicurare il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 2 metri tra i clienti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggetti al distanziamento interpersonale;
  • è possibile organizzare una modalità a buffet mediante somministrazione da parte di personale incaricato, escludendo la possibilità per i clienti di toccare quanto esposto e prevedendo in ogni caso;
  • la modalità self-service può essere eventualmente consentita per buffet realizzati
    esclusivamente con prodotti confezionati in monodose.

Decreto riaperture: cinema, teatri e musei

A partire dal 26 aprile 2021, in zona gialla gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente:

  • con posti a sedere preassegnati;
  • a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale;
  • la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata;
  • il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 1.000 per gli spettacoli all’aperto e a 500 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala.

Decreto riaperture: discoteche e sale da ballo

Per il momento non è stata decisa nessuna data di apertura per le discoteche, sale da ballo, all’aperto o al chiuso, che restano quindi sospese.

Decreto riaperture: negozi e centri commerciali

Secondo l’articolo 3 del nuovo Decreto Riaperture, a partire dal 22 maggio 2021, esclusivamente in zona gialla, le attività degli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali e altre strutture  ad essi assimilabili possono svolgersi anche nei giorni festivi e prefestivi.

Decreto riaperture: sport, palestre e piscine

Il calendario delle riaperture prevede:

  • dal 26 aprile 2021, in zona gialla, nel rispetto delle linee guida vigenti, è consentito lo svolgimento all’aperto di qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto;
  • dal 15 maggio 2021 in zona gialla sono consentite le attività di piscine all’aperto;
  • dal 24 maggio 2021 in zona gialla sono consentite le attività di palestre;
  • dal 1 luglio via libera alle piscine al chiuso.

In zona gialla, dal 1° giugno 2021 all’aperto e dal 1° luglio 2021 anche al chiuso, è consentita la presenza di pubblico anche agli eventi e alle competizioni sportive a queste condizioni:

  • la capienza consentita non può essere superiore al 25 per cento di quella massima autorizzata;
  • il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 1.000 per impianti all’aperto e a 500 per impianti al chiuso.

Per quanto riguarda le palestre, le indicazioni proposte dalle Regioni si applicano a enti locali e soggetti pubblici e privati titolari di palestre, comprese le attività fisiche con modalità a corsi (senza contatto fisico interpersonale):

  • potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura inferiore a 37,5 °C;
  • organizzare gli spazi negli spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 2 metri;
  • regolamentare i flussi, gli spazi di attesa, l’accesso alle diverse aree, il posizionamento di attrezzi e macchine, anche delimitando le zone, al fine di garantire la distanza di sicurezza:
    o almeno 1 metro per le persone mentre non svolgono attività fisica,
    o almeno 2 metri durante l’attività fisica (con particolare attenzione a quella intensa).

Riguardo le piscine pubbliche e le piscine finalizzate ad uso collettivo inserite in
strutture già adibite in via principale ad altre attività ricettive (es. pubblici esercizi, agrituristiche, camping, etc.) dove sia consentito l’uso natatorio:

  • divieto di accesso del pubblico alle tribune;
  • divieto di manifestazioni, eventi, feste e intrattenimenti;
  • anche in questo caso tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti;
  • la densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona;
  • assicurare l’efficacia della filiera dei trattamenti dell’acqua e il limite del parametro cloro attivo libero in vasca compreso tra 1,0 – 1,5 mg/l; cloro combinato ≤ 0,40 mg/l; pH 6.5 – 7.5;
  • le attrezzature come ad es. lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo famigliare;
  • le piscine finalizzate a gioco acquatico in virtù della necessità di contrastare la diffusione del virus, vengano convertite in vasche per la balneazione.

Nuovo Decreto riaperture, il calendario: coprifuoco, centri commerciali, ristoranti, palestre

(Articolo in aggiornamento)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome