Home Concorsi pubblici Concorso Ministero dell’Interno, 53 ispettori informatici Vigili del Fuoco: requisiti e prove

Concorso Ministero dell’Interno, 53 ispettori informatici Vigili del Fuoco: requisiti e prove

Elena Bucci
concorso ministero dell'interno

La Gazzetta Ufficiale numero 33 del 27 aprile 2021 segnala l’apertura del Concorso Ministero dell’Interno, per esami, per la copertura di 53 posti di ispettori informatici del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Del totale dei posti messi a disposizione dal bando ufficiale sono riservati:

  • un sesto dei posti al personale appartenente al ruolo degli operatori e degli assistenti;
  • il dieci per cento dei posti al personale volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
  • il due per cento dei posti agli ufficiali delle forze armate che abbiano terminato senza
    demerito, la ferma biennale.

Concorsi pubblici 2021: le ultime novità

Vediamo ora nel dettaglio chi può partecipare a questo concorso, quali sono le modalità e le scadenze per inoltrare la domanda e le prove d’esame.

Concorso Ministero dell’Interno: requisiti

Tutti gli aspiranti candidati al Concorso Ministero dell’Interno per i 52 posti di ispettore informatico dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti alla data di scadenza del bando, pena l’esclusione:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti politici;
  •  età non superiore agli anni 45;
  • idoneità fisica, psichica e attitudinale al servizio;
  • diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da istituti tecnici, negli
    indirizzi “Elettronica ed Elettrotecnica” e “Informatica e Telecomunicazioni”;
  • possesso delle qualità morali e di condotta di cui agli articoli 26 della legge 1° febbraio
    1989, n. 53 e 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • non essere stati espulsi dalle forze armate e dai corpi militarmente organizzati;
  • non aver riportato sentenza irrevocabile di condanna per delitto non colposi od essere stati sottoposti a misura di prevenzione;
  • non essere stati destituiti da pubblici uffici o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero siano stati dichiarati decaduti da un impiego statale.

Concorso Ministero dell’Interno: invio domande

La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata per via telematica
esclusivamente attraverso l’applicazione disponibile a questo indirizzo seguendo le istruzioni ivi specificate.
Per accedere all’applicazione i candidati devono essere in possesso di un’identità
nell’ambito del Sistema pubblico d’identità digitale (SPID).

Le domande dovranno essere inoltrate dai candidati entro e non oltre le ore 24 del 27 maggio 2021.

Concorso Ministero dell’Interno: prove d’esame

Qualora il numero delle domande presentate superi di dieci volte il numero dei posti messi a concorso, l’ammissione alle prove di esame può essere subordinata al superamento di una prova preselettiva, che consisterà nella risoluzione di quesiti a risposta multipla
vertenti sulle materie oggetto delle prove di esame.

Le prove d’esame saranno due e saranno considerate superate con un punteggio di almeno 21 punti su 30:

  • prova scritta: consiste nella stesura di un elaborato oppure nella risposta sintetica a quesiti o nella soluzione di quesiti a risposta multipla;
  • prova orale: consiste in un colloquio orale sulle materie della prova scritta, e sarà accertata la conoscenza della lingua straniera, scelta dal candidato all’atto della presentazione della domanda tra inglese, francese, spagnolo e tedesco.

Concorso Ministero dell’Interno: programma d’esame

La prova scritta del Concorso Ministero dell’Interno verterà sulle seguenti materie d’esame:

  • architettura e sviluppo di applicativi software;
  • architettura e sviluppo di reti di telecomunicazione;
  • gestione dei moderni sistemi di elaborazione dati;
  • paradigmi di sviluppo, verifica e rilascio di software;
  • utilizzo dei database management systems;
  • elementi su sistemi ed apparati di telecomunicazioni;
  • sicurezza informatica.

La prova orale avrà invece come oggetto le seguenti materie, oltre a quelle della prova scritta:

  • elementi di diritto costituzionale e amministrativo;
  • informatizzazione della pubblica amministrazione, con particolare riferimento al codice
    dell’amministrazione digitale;
  • ordinamento del Ministero dell’interno, con particolare riferimento al Dipartimento dei
    vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, e ordinamento del personale
    del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Per ulteriori informazioni scarica il bando ufficiale.

(Fonte: Gazzetta Ufficiale)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome