Home Welfare Disabili Legge 104: esiste la priorità per i vaccini Covid?

Legge 104: esiste la priorità per i vaccini Covid?

Daniele Bonaddio
Legge-104-vaccini

Continua, anche se a rilento e con qualche difficoltà, la campagna di vaccinazione anti Covid-19. Le somministrazioni, come da programma, saranno inizialmente riservate alle persone più bisognose, a partire dai medici e dagli anziani. Intanto, avanzano alcuni interrogativi in merito alla vaccinazione dei soggetti portatori di handicap e titolari di 104: hanno questi ultimi diritto alla corsia preferenziale per la vaccinazione? Ebbene sì, sono state recentemente aggiornate le “Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19“. L’aggiornamento, in pratica, specifica che saranno vaccinate subito, in parallelo agli over80, le persone con disabilità (fisica, sensoriale, intellettiva, psichica) definite disabili gravi ai sensi della legge 104/1992 art.3 comma 3 e familiari conviventi e caregiver che forniscono assistenza continuativa in forma gratuita o a contratto (es. badanti).

Mentre per i minori che rientrano nella definizione di “estremamente vulnerabili” – cioè con una delle patologie elencate nella tabella 1, cha va ad individuare le patologie associate a un rischio particolarmente elevato di sviluppare forme gravi o letali di COVID-19 – e che non possono essere vaccinati perché al momento non esistono vaccini indicati sotto i 16 anni d’età, si vaccineranno con priorità i relativi genitori/tutori/affidatari.

Si allarga, quindi, il bacino di cittadini che hanno diritto a essere vaccinati per primi, in quanto considerati appunto soggetti fragili e meritevoli di tutela.

Vaccini persone fragili e con disabilità: calendario e piano vaccinale

Legge 104 e vaccini covid-19: le nuove Raccomandazioni

In data 10 marzo, il Ministero della Salute in collaborazione con la struttura del Commissario Straordinario per l’emergenza COVID, AIFA, ISS e AGENAS ha elaborato la proposta di aggiornamento delle Raccomandazioni sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19.

Con il nuovo documento sono state individuate nuove categorie di soggetti per le quali la vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 seguirà un nuovo ordine di priorità. In particolare, secondo quanto indicato, la vaccinazione sarà somministrata in via prioritaria, in ordine, alle persone con elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili più persone con disabilità grave certificata ai sensi della Legge 104 articolo 3, comma 3, alle persone di età compresa tra 70 e 79 anni, a quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni, a quelle con comorbilità di età inferiore ai 60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili e, per finire, al resto della popolazione di età inferiore a 60 anni.

Legge 104 e vaccini covid-19: le fasce di priorità

La campagna di vaccinazione si suddivide essenziale in 5 categorie e fasce di priorità. In particolare, alla luce dell’aggiornamento citato, le nuove fasce di priorità sono così articolare:

  • Categoria 1. Elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili; disabilità grave);
  • Categoria 2: Persone di età compresa tra 70 e 79 anni;
  • Categoria 3: Persone di età compresa tra i 60 e i 69 anni;
  • Categoria 4: Persone con comorbidità di età <60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili;
  • Categoria 5: Resto della popolazione di età <60 anni.

Attualmente a livello regionale è in completamento la fase 1, definita ora come quella delle categorie a “elevata fragilità: persone estremamente vulnerabili; disabilità grave”. Al momento è iniziata la vaccinazione di alcune categorie prioritarie originariamente previste in fase 3.

Legge 104 e vaccini covid-19: ulteriori categorie prioritarie

Nelle Raccomandazioni si precisa che “sono inoltre considerate prioritarie le seguenti categorie, a prescindere dall’ età e dalle condizioni patologiche, quali personale docente e non docente, scolastico e universitario, Forze armate, di Polizia e del soccorso pubblico, servizi penitenziari e altre comunità residenziali”.

Tra l’altro, qualora le dosi di vaccino disponibili lo permettano, sarà possibile vaccinare all’interno dei posti di lavoro, a prescindere dall’età, fatto salvo che la vaccinazione venga realizzata in sede, da parte di sanitari ivi disponibili, al fine di realizzare un notevole guadagno in termini di tempestività, efficacia e livello di adesione”.

Leggi anche “Vaccinazione dipendenti: situazione attuale, chiarimenti Inail, obblighi”

Legge 104 e vaccini covid-19: come procede la campagna vaccinazione d’ora in poi

Tenendo conto delle priorità definite, delle indicazioni relative all’ utilizzo dei vaccini disponibili e delle esigenze logistico-organizzative, d’ora in poi la vaccinazione prosegue nel seguente modo:

  • vaccinazione dei soggetti over 80 e dei soggetti con elevata fragilità e ove previsto dalle specifiche indicazioni in tabella 1 e 2, dei familiari conviventi, caregiver, genitori/tutori/affidatari;
  • completamento della vaccinazione delle categorie ricomprese nella fase 1, promuovendo la vaccinazione nei soggetti che non hanno ancora aderito alla campagna e avendo cura di includere, nel personale sanitario e sociosanitario, tutti i soggetti che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie, utilizzando anche vaccini a vettore virale per chi non ha ancora iniziato il ciclo di vaccinazione;
  • completamento della vaccinazione del personale docente e non docente, scolastico e universitario, delle Forze armate, di Polizia e del soccorso pubblico, dei servizi penitenziari e altre comunità residenziali;
  • vaccinazione dei soggetti di età dai 70 ai 79 e, a seguire, quella dei soggetti di età dai 60 ai 69 anni.

> Vaccini Covid: il calendario delle vaccinazioni, Regione per Regione <



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

3 COMMENTI

  1. ESSENDO NATO NEL 1953 ED AVENDO UNA INVALIDITA’ RICONOSCIUTA AL 70% ED UNA ESENZIONE C03 CAUSA INTERVENTI MULTIPLI AD ANEURISMA SIA DISCENDENTE CHE INTERVENTO ENDOVASCOLARE (IMPIANTO DI ENDOPROTESI
    TORACICA) CHIEDO SE SONO IN UNA CATEGORIA DI FASCIA PRIORITARIA, SE E’ SI DOVE MI DEVO INFORMARE. GRAZIE

    • Gentile Roberto, tra le persone con accesso prioritario ai vaccini anti COVID-19 rientrano i disabili gravi ai sensi della Legge n. 104/1992 e coloro che sono affetti da particolari patologie elencate nelle Raccomandazioni sui gruppi target. Cordiali saluti.

      • Mio figlio, 17 anni, con disabilità art. 3 comma 3 L. 104/92, rientra tra i vaccinabili in via prioritaria? L’operatore del call center (num. verde per le prenotazioni 800.00.99.66), sostiene che non essendo maggiorenne non può farlo.
        Grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome