Home Economia Nuovo Dpcm Marzo 2021: tutte le regole, divieti, novità e testo

Nuovo Dpcm Marzo 2021: tutte le regole, divieti, novità e testo

Cosa cambia per ristoranti, parrucchieri, seconde case, scuola, sport, cinema e teatri

Elena Bucci
nuovo-dpcm-marzo-2021-regole

Nella giornata del 2 marzo 2021 il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato il nuovo Dpcm, in sostituzione delle norme precedentemente attuate dal governo Conte. I Ministri per gli Affari regionali e della Salute, Mariastella Gelmini e Roberto Speranza, hanno delineato durante una conferenza stampa presso Palazzo Chigi, le nuove misure per fronteggiare il diffondersi della pandemia di Covid, che dovrebbero rimanere in vigore per un mese, dal 6 marzo fino al 6 aprile 2021, coprendo dunque le giornate di Pasqua e Pasquetta.

Covid: la nuova mappa dei colori delle Regioni dal 1° marzo 2021

Vediamo ora nel dettaglio le nuove regole e restrizioni che saranno applicate su tutto il territorio nazionale a partire da sabato 6 marzo con l’entrata in vigore del primo Dpcm firmato dal nuovo Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e il video della conferenza dei Ministri.

Dpcm Marzo 2021: divisione in zone

Nessun drastico cambiamento a partire dall’era Draghi. Le restrizioni contenute nel nuovo Dpcm firmato dal Presidente del Consiglio continueranno ad essere significative, per evitare la temuta impennata nella curva dei contagi a causa del rapido diffondersi delle varianti di Covid.

Dunque l’Italia, fino al 6 aprile, continuerà ad essere suddivisa in quattro fasce di rischio (zona bianca, zona gialla, zona arancione e zona rossa) a seconda dell’incidenza dei contagi, con l’aggiunta della zona arancione rafforzata, già applicata in diverse province e comuni della Lombardia e dell’Emilia-Romagna, con regole più stringenti rispetto alle normali zone arancioni, ma al contempo più leggere rispetto a quelle rosse.

Covid, zona arancione rafforzata: la mappa, le regole e i divieti

Con il nuovo Dpcm di Marzo vengono decretate anche le condizioni di inserimento delle regioni nella zona bianca e le varie misure mette in atto, la fascia di rischio minore e con il massimo allentamento delle misure di sicurezza concesso:

  • possono entrare in fascia bianca le regioni che per tre settimane presentino un’incidenza dei nuovi contagiati inferiore a 50 persone per 100mila abitanti;
  • i ristoranti possono restare aperti fino alle 23;
  • per bar, pub, caffetterie e simili la chiusura è prevista per le 21.
  • il coprifuoco è spostato alle 23:30;
  • rimane in vigore l’obbligo di indossare la mascherina e quello di mantenere le distanze interpersonali.

Covid, Zona bianca: cosa prevede, regioni, regole, divieti

Dpcm Marzo 2021: spostamenti

Il primo Dpcm dell’era di Draghi conferma innanzitutto l’adozione del coprifuoco in vigore dalle ore 22 fino alle 5 del mattino, così come rimane in atto il divieto di spostamento tra le regioni  fino al 27 marzo 2021.

Continua ad essere consentita, una sola volta al giorno e nell’arco temporale escluso dal coprifuoco, la visita ad amici e parenti in zona bianca, gialla e arancione. Vietata invece nelle zone rosse o arancione rafforzato.

Per quanto riguarda le seconde case, il decreto stabilisce la possibilità di recarvisi esclusivamente se si trovano in fascia bianca, gialla e arancione. Il divieto di spostamento verso la seconda casa sussiste nel momento in cui questa si trovi in una zona in fascia arancione scuro o in fascia rossa.

A tutti i divieti applicati in riferimento agli spostamenti fanno eccezione, come sempre, le seguenti casistiche: il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione e la circolazione motivata da esigenze lavorative, ragioni di salute o situazioni di necessità.

Si ricorda che ogni spostamento oltre i limiti imposti dalle regole di ciascuna fascia di rischio dovrà essere motivato, al momento di un eventuale controllo da parte delle Forze dell’Ordine, attraverso la compilazione del modulo di autocertificazione.

Autocertificazione covid 2021: consulta, compila e stampa il modulo 

Dpcm Marzo 2021: scuole

Riguardo la possibile riapertura delle scuole, con il provvedimento Draghi si prevede nelle zone rosse la sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell’infanzia ed elementari. Resta invece garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

In tutti gli altri casi, la scuola potrà rimanere in presenza per gli alunni dell’infanzia, delle elementari e delle medie mentre per quelli delle superiori la didattica è in presenza almeno al 50 per cento e fino ad un massimo del 75 per cento.

Inoltre il nuovo Dpcm sottolinea che, a partire dal 6 marzo, saranno Presidenti delle regioni a disporre la sospensione dell’attività scolastica:

  • nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti;
  • nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni;
  • nel caso di una eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.

Maturità 2021: come sarà il nuovo esame. Ordinanza del ministro Bianchi

Dpcm Marzo 2021: bar, ristoranti e negozi

Le disposizioni in merito a bar e ristoranti delineate dal nuovo Dcpm del governo Draghi rimangono invariate:

  • le attività sono consentite a partire dalle ore 5 del mattino fino alle ore 18, mentre il consumo al tavolo è permesso solo in zona bianca e gialla ad un massimo di quattro persone, ameno che siano tutte conviventi;
  • nessuna restrizione per quanto riguarda la ristorazione con consegna a domicilio;
  • l’asporto è consentito fino alle ore 22 (non è permesso, invece, consumare sul posto o nelle adiacenze del locale), ma dopo le 18 scatta il divieto di consumazione di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico;
  • in zona arancione, arancione rafforzata e rossa è permesso solo l’asporto;
  • rimangono aperti i servizi di somministrazione di cibi e bevande nelle aree di servizio lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti.

Per quanto concerne i negozi e le attività commerciali:

  • non esistono limitazioni sulle categorie dei beni vendibili;
  • negozi chiusi solo in zona rossa;
  • le attività all’interno dei centri commerciali restano chiuse nei giorni festivi e prefestivi, fatta eccezione per farmacie, negozi alimentari, tabacchi ed edicole.

L’unica novità introdotta riguarda i centri estetici, i barbieri e i parrucchieri, che dovranno restare chiusi in zona rossa, esattamente come i mercati, come si legge nel provvedimento Draghi: “sono chiusi i mercati, salvo le attività di vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici.

Dpcm Marzo 2021: sport, musei, cinema e teatri

Confermata la chiusura delle piscine, delle palestre, degli impianti sciistici e anche il divieto di praticare sport di contatto e di squadra. L’attività motoria consentita rimane limitata a quella individuale svolta all’aperto, come la camminata o la corsa. Agli atleti agonisti è invece consentito allenarsi.

A partire dal 27 marzo invece riaprono i musei, istituti e luoghi di cultura anche il sabato e i giorni festivi, ma la visita deve essere prenotata necessariamente con almeno un giorno di anticipo per regolare l’affluenza dei visitatori in modo tale da permettere il rispetto delle distanze e delle misure di sicurezza.

Sempre dal 27 marzo 2021 saranno concessi gli spettacoli in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi sia all’aperto che al chiuso, con la condizione che siano organizzati con posti a sedere preassegnati e distanziati in modo che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. In particolare, capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala.

In tutte le zone, compresa la fascia bianca, rimangono comunque chiuse le fiere, i congressi e le discoteche. Come recita il nuovo Dpcm: “Sospesi gli eventi che implichino assembramenti in spazi chiusi o all’aperto, comprese le manifestazioni fieristiche e i congressi nonché le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso“.

Scarica e consulta il Dpcm Marzo 2021.

Di seguito il video della conferenza stampa dei Ministri Gelmini e Speranza:

(Fonte: Governo italiano)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome