Home Economia Come guadagnare con un giornale online oggi

Come guadagnare con un giornale online oggi

Benedetto Motisi
guadagnare con un giornale online

L’editoria è stata sconvolta fin dalle fondamenta dall’avvento della Rete e non è certo notizia recente. Da poco più di un decennio è iniziato infatti il processo di metamorfosi che ha portato i giornali a diventare fabbriche di contenuti per rispondere a una esigenza, ancor prima di informare nel senso classico del termine.

Non è questa sede di dibattito circa l’impatto socio-culturale di questa trasformazione digitale, quali fake news e affini.

In questo articolo interessa sottolineare quali sono oggi i modi per guadagnare con un giornale online, in modo tale non solo da farlo sopravvivere all’interno di un mercato spaventosamente competitivo e bulimico di nuovi contenuti, ma anche prosperare in virtù di una differenziazione di entrate.

In questo modo si evita il rischio di dover deviare la propria linea editoriale unicamente per rispondere alle esigenze di ritorno dell’investimento di una delle modalità di guadagno.

Ecco i 5 metodi per guadagnare con un giornale online

  1. Google AdSense
  2. Concessionaria di pubblicità
  3. Vendita banner diretta
  4. Vendita link/pubbliredazionali
  5. Affiliazioni

Google AdSense

Opportunità fondante da più di 15 anni, il sistema di inserizioni automatiche di Google ha rappresentato per molte testate online della prima ora il primo – e talvolta unico – metodo di guadagno online.

Tramite una iscrizione veloce e l’inserimento di codici all’interno di spazi predeterminati del sito, è possibile guadagnare in base alle proprie visite; generando fenomeni quali i siti MfA (Made for AdSense) a uso e consumo esclusivo di enormi masse di pubblico.

Rispetto agli albori, la saturazione e l’evoluzione del mercato non permettono più gli introiti di un tempo, ma rimane un primo punto di accesso consigliato a chiunque voglia capire come guadagnare online con un portale editoriale.

Concessionaria di pubblicità

Affidare a una concessionaria esterna la vendita di spazi pubblicitari sul proprio sito, facendogli gestire la parte di monitoring e gestione codici può essere la soluzione migliore per tutti quei giornali online già avviati con una buona mole di traffico.

Piccola chicca, nel momento in cui scrivo, una media è sul milione di visualizzazioni uniche per avere un ritorno dell’investimento degno.

Questo di fatto rischia di tagliare fuori gran parte dei portali editoriali che si rivolgono a nicchia ben precise e giocoforza hanno un “cap” utenti troppo basso per raggiungere certi numeri a meno che non rientrino in una grande tematica dove far massa insieme ad altri network affini, dividendo però l’introito.

Vendita banner diretta

La soluzione per i portali di nicchia citati di cui sopra, i quali possono avere difficoltà a guadagnare online con i sistemi di massa.

Gestire internamente la vendita di spazi pubblicitari all’interno del proprio giornale digitale, alle aziende del proprio segmento di mercato, permette di togliersi parecchie soddisfazioni economiche e di essere “il pesce grosso nello stagno” evitando di nuotare alla giornate in mari pieni di balene.

La gestione commerciale dei propri spazi deve essere comunque organizzata in un’offerta degna e ponderata, magari considerando anche come agiscono i competitor per avere un raffronto.

Vendita link/pubbliredazionali

La fetta su cui si sono lanciati tutti negli ultimi anni di editoria digitale. Sottoforma di native adversting, interviste pagate e quante altre etichette per giustificare – anche eticamente – questa tipologia di guadagno di un giornale online, ormai praticamente qualsiasi testate vende dei contenuti con un link all’interno.

Quest’ultimo, per chi mastica SEO, sa che si tratta di un “voto” molto importante nell’economia del posizionamento sui motori di ricerca della propria azienda e, se fino a qualche anno fa, era possibile ottenere una menzione gratuita da un giornale; oggi qualsiasi attività editoriale online vende questo ipertesto; talvolta condendolo con un contenuto ad hoc.

Sebbene può aprire più di un interrogativo circa il contenuto, il quale non sempre è segnalato come sponsorizzato nonostante il Testo unico dei doveri del giornalista; oggi questo sistema in piedi più di una testata.

Affiliazioni

Le affiliazioni hanno creato negli ultimi anni un vero e proprio ramo del marketing, legato per l’appunto agli affiliate content, ovvero redatti per inserire al loro interno un link a un prodotto presente su un sito esterno; la cui vendita tramite il percorso di navigazione dell’utente permette di guadagnare una percentuale sul prodotto stesso.

In pratica, il guadagno del giornale online sta in quanto utenti comprano il prodotto passando attraverso il link sul proprio contenuto.

Al di là delle affiliazioni dirette concordate, ci sono sistemi automatizzati di affiliazione dei più grandi e-commerce (Amazon su tutti) che permettono di mettere nel paniere del ritorno dell’investimento anche questa opportunità.

I metodi per guadagnare con un giornale online qui esposti e altri approfondimenti sono affrontati nel libro “Prontuario di Comunicazione digitale” edito per Maggioli.

Per approfondire l’argomento consigliamo: 

Prontuario di comunicazione digitale

Prontuario di comunicazione digitale

Benedetto Motisi, 2020, Maggioli Editore

Questo libro si propone come un prontuario, un manuale di rapida consultazione dedicato alla comunicazione digitale. Si rivolge in primo luogo a giornalisti, addetti stampa e, in generale, a tutti i professionisti della comunicazione; in particolare a quelli tra loro che, formatisi in un...



 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome