Home Fisco Bonus Affitto negozi e botteghe 2020: ecco il nuovo modello da utilizzare...

Bonus Affitto negozi e botteghe 2020: ecco il nuovo modello da utilizzare per la cessione

Il nuovo modello sostituisce quello precedente rilasciato a luglio

bonus affitto negozi nuovo modello

Approvato il nuovo modello per comunicare la cessione del credito di imposta per i canoni di locazione di botteghe e negozi o di immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda, riconosciuti per fronteggiare l’emergenza Covid-19: il famoso bonus affitto negozi e botteghe 2020. 

Questo nuovo modulo pubblicato e reso noto dall’Agenzia delle entrate, con provvedimento del 14 dicembre, può essere utilizzato in sostituzione del precedente modello allegato al provvedimento del 1° luglio scorso, a partire proprio dal 14 dicembre.

Riepiloghiamo in breve cos’è il bonus affitto e credito d’imposta per negozi e botteghe e forniamo modello e istruzioni per comunicarne la cessione.

Bonus affitti negozi 2020 esteso

Il Bonus affitto negozi 2020 è stato esteso sia dal Decreto Ristori sia dal Decreto Ristori Bis, che ha di fatto introdotto un ampliamento del credito d’imposta per alcune categorie. La lista delle attività beneficiarie segue quello delle attività chiuse dal Dpcm novembre, sulla scia di quanto fatto per gli aiuti a fondo perduto.

In sostanza, per le imprese che svolgono le attività che danno titolo al riconoscimento del nuovo contributo a fondo perduto e operano nelle aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto individuate ai sensi dell’ultimo DPCM viene esteso quanto previsto dal primo decreto Ristori, prevedendo un credito d’imposta cedibile al proprietario dell’immobile locato pari al 60% dell’affitto per ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Nel primo Decreto Ristori era stato prorogato per alcune partite IVA fino al mese di dicembre 2020.

Bonus affitto negozi 2020: cos’è

Come anticipato nel precedente paragrafo, si tratta di bonus concesso durante il periodo della pandemia, per aiutare le attività commerciali. Consiste in un credito d’imposta del 60 per cento dell’affitto del negozio o bottega. Questo credito è cedibile al proprietario dell’immobile.

L’agevolazione viene introdotta inizialmente dal decreto Cura Italia e poi prograta. Inizialmente la proroga c’è stata con il Decreto Rilancio e poi nei successivi decreti Ristori.

La cessione ovviamente deve essere comunicata. In questo articolo specifichiamo come e il nuovo modello da utilizzare per farlo, secondo le istruzioni fornite dall’Agenzia delle entrate.

>> Bonus affitto negozi 60% esteso: proroga, beneficiari, requisiti, domanda

Bonus affitto negozi 2020: comunicare della cessione

Come stabilito dalle Entrate, la comunicazione dell’avvenuta cessione dei crediti d’imposta può essere inviata anche avvalendosi di un intermediario abilitato, utilizzando i servizi dell’amministrazione finanziaria.

Comunicare la cessione del credito d’imposta è obbligatorio, per chi decide di scegliere questa opzione messa a disposizione nell’ambito del bonus affitto per negozi e botteghe.

Con provvedimento del 14 dicembre 2020 l’Agenzia mette a disposizione di chi intende utilizzare la cessione del credito, del nuovo modello. Questo sostituisce il precedente (che era stato rilasciato a luglio 2020).

Sempre a luglio erano state definite e modalità di comunicazione delle cessioni dei crediti
d’imposta per:

  • botteghe e negozi,
  • canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda.

In particolare la comunicazione dell’avvenuta cessione di questi due tipi crediti d’imposta, redatta secondo il modello allegato al provvedimento medesimo, è inviata dal 13 luglio 2020 al 31 dicembre 2021, direttamente dai soggetti cedenti che hanno maturato i crediti stessi, utilizzando esclusivamente le funzionalità rese disponibili nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.

Dopodiché, un successivo provvedimento ha esteso la possibilità di comunicazione anche agli intermediari abilitati. 

Bonus affitto negozi 2020: chi invia la comunicazione cessione del credito

La comunicazione deve essere presentata all’Agenzia delle entrate, esclusivamente in via telematica, utilizzando il nuovo modello (scaricalo in fondo all’articolo), direttamente dal beneficiario, oppure avvalendosi di un intermediario.

Il modello è scaribile anche direttamente sul sito dell’Agenzia entrate.

Bonus affitto negozi 2020: scadenza comunicazione cessione del credito

La comunicazione della cessione del credito d’imposta può essere presentata dal 13 luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Bonus affitto negozi 2020: come si compila la comunicazione di cessione del credito

Nel riquadro “DATI DEL CEDENTE” deve essere indicato il codice fiscale del soggetto beneficiario del credito d’imposta (persona fisica ovvero soggetto diverso da persona fisica, es. società di persone, società di capitali ecc.) che comunica la cessione del credito stesso a soggetti terzi.

Nel riquadro “DATI RELATIVI AL RAPPRESENTANTE” va indicato il codice fiscale dell’eventuale rappresentante del soggetto cedente. Nel campo “codice carica” deve essere indicato il codice 1, nel caso di rappresentante legale e il codice 2, nel caso di rappresentante di minore, inabilitato o interdetto. Per l’elenco completo dei codici di carica si rinvia alle istruzioni per la compilazione dei modelli di dichiarazione dei redditi, pubblicate sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it. Questo riquadro deve essere compilato solo se il firmatario della comunicazione è un soggetto diverso dal cedente.

Nel riquadro “TIPOLOGIA DI CREDITO CEDUTO” deve essere anzitutto individuata la “tipologia di credito ceduto” e barrare la corrispondente casella. Si precisa che una singola comunicazione può riguardare solo uno dei due crediti d’imposta cedibili e pertanto, nel caso in cui fosse necessario comunica re la cessione di entrambi i crediti d’imposta (es. la cessione del credito relativo al canone del mese di marzo 2020 e la cessione dei crediti relativi ai canoni dei mesi di aprile e maggio 2020), dovranno essere compilate e presentate due distinte comunicazioni.

Solo per la cessione del credito di cui all’articolo 28 del decreto-legge n. 34 del 2020 (n. 2) devono essere altresì indicati:

• il “tipo di contratto” a cui si riferisce il canone, barrando la relativa casella (A – Locazione/Affitto; B – Leasing; C – Concessione; D – Contratto di servizi a prestazioni complesse; E – Affitto d’azienda);
• i “mesi a cui si riferisce il credito d’imposta e il relativo importo maturato”.

Per entrambe le tipologie di credito d’imposta ceduto, deve essere indicato il relativo ammontare complessivo maturato (nel campo “Importo complessivo del credito d’imposta maturato”).

Infine, deve essere indicato l’ammontare del credito d’imposta ceduto, nell’omonimo campo, che non deve essere superiore all’importo indicato nel campo precedente. Infatti, è possibile anche cedere solo una parte del credito d’imposta maturato.

Bonus affitto negozi 2020: ecco il nuovo modello di comunicazione cessione del credito d’imposta 

>> Scarica qui il nuovo Modello cessione credito d’imposta <<

(Fonte Agenzia delle entrate)

Libri utili:

Manuale delle  locazioni commerciali e abitative

Manuale delle locazioni commerciali e abitative

Silvio Rezzonico, Matteo Rezzonico, Luca Rezzonico, 2020, Maggioli Editore

Il Manuale offre il quadro complessivo della normativa vigente in materia di locazioni abitative, affrontandone tutte le tipologie (locazioni libere, convenzionate, transitorie, locazioni di immobili acquistati per futura locazione), analizzando la relativa disciplina contrattuale e tenendo...



 

(Foto copertina: Pixabay)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome