Home Lavoro Anticipo TFR e TFS statali: simulazione, quantificazione importo e come fare domanda

Anticipo TFR e TFS statali: simulazione, quantificazione importo e come fare domanda

Il servizio online Inps per la domanda di anticipo finanziario TFR e Tfs, simulazione e quantificazione

Simulazione quantificazione TFR e TFS

Qualche giorno fa è stato sbloccato l’anticipo TFR e TFS statali. Dal 18 novembre in particolare è stato dato il via, dopo immenso ritardo, alla domanda di anticipo per TFR/TFS dipendenti pubblici. Viene data la possibilità di chiedere un finanziamento fino a 45 mila euro. Per farlo occorre presentare apposita istanza.

Per fornire indicazioni operative su come chiedere l’anticipo, Inps ha pubblicato il messaggio 17 novembre 2020, n. 4315. Questo provvedimento specifica in dettaglio le modalità di presentazione della domanda di quantificazione online dell’anticipo TFS (finanziario del trattamento di fine servizio) e anticipo TFR (trattamento fine rapporto).

Chi non volesse usufruire dell’accesso online diretto, può sempre rivolgersi a un patronato. In questo articolo però focalizziamo l’attenzione e spighiamo all’utente come agire direttamente sul sito, con le proprie credenziali, per fare una simulazione, una quantificazione e la domanda di anticipo per entrambe le prestazioni.

>> Anticipo TFR-TFS dipendenti pubblici: domande al via il 18 novembre

Simulazione TFS: come fare

Chi è in possesso delle credenziali di accesso al sito Inps (MyInps), tra i tanti servizi e prestazioni a cui può accedere, c’è anche quello per fare una simulazione dell’importo che spetterà ai dipendenti pubblici a titolo di TFS, cioè di trattamento di fine servizio.

Per farlo è sufficiente seguire questi passi:

  • entrare nell’area riservata sul sito Inps – MyInps
  • accedere con le proprie credenziali Pin dispositivo, Cie, Cns o Spid
  • accedere al servizio Simulazione TFS
  • scegliere nella sottosezione “calcolo trattamento fine servizio”
  • compilare tutti i campi richiesti (data cessazione, dipendente, maggiorazione per benefici, mesi riscatto convenzionali, stipendio alla data della cessazione con 13°, periodo servizio, periodo di riscatto, rimborsi, recuperi),
  • compilato tutto, cliccare su “calcola”

Domanda di quantificazione TFS

Oltre alla simulazione, è possibile anche inviare domanda di quantificazione TFS. Lo si fa accedendo sempre alla stessa sezione Servizi Online TFS dell’area riservata MyInps. Ecco i passi da compiere al pc:

  • entrare nell’area riservata sul sito Inps – MyInps
  • accedere con le proprie credenziali Pin dispositivo, Cie, Cns o Spid
  • cliccare su “Quantificazione TFS”
  • per inviare una domanda di quantificazione, cliccare su “invia nuova domanda”
  • per consultare una domanda già inviata, cliccare su “consultazione domande”
  • se si clicca “invia nuova domanda” il primo passo è scegliere se si chiede un “anticipo finanziario” o la “cessazione ordinaria”
  • proseguire poi con la compilazione.

Come specificato bene da Inps, per l’anticipo finanziario di cui al D.L. n. 4/2019:

  • la banca prescelta per l’operazione di finanziamento dovrà essere selezionata dall’elenco delle banche presente nel sistema informatico dell’INPS e acquisito dal portale www.lavoropubblico.gov.it/anticipo-tfs-tfr del Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri;
  • all’atto della presentazione di domanda di anticipo finanziario è necessario dichiarare di avere avuto accesso o di avere accesso a pensione con i requisiti di quota 100 o ai sensi dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 (c.d. Monti – Fornero);
  • la certificazione prodotta dalla competente Struttura territoriale INPS sarà resa disponibile nell’Area riservata del cittadino;
  • il richiedente potrà visualizzare, accedendo al “Cassetto previdenziale”, il prospetto sulla base del quale è stata predisposta la relativa certificazione;
  • la Struttura territoriale INPS competente alla produzione della certificazione non potrà procedere alla lavorazione di una successiva domanda di quantificazione (sia che si tratti di domanda relativa all’anticipo finanziario D.L. n. 4/2019 sia in caso di domanda relativa alla cessione ordinaria) fino alla definizione della precedente.

Domanda di quantificazione TFR

Per tutto quallo che riguarda il trattamento di fine rapporto si deve invece accedere ai servizi online TFR sul sito Inps. Da quì si può anzitutto scegliere di effettuare una richiesta di quantificazione TFR per dipendenti pubblici e la dichiarazione per liquidazione beneficiari/eredi.

Ecco gli step:

  • entrare nell’area riservata sul sito Inps – MyInps – servizi online TFR
  • accedere con le proprie credenziali Pin dispositivo, Cie, Cns o Spid
  • a quanto punto scegliere il servizio “quantificazione TFR”
  • si può scegliere tra “inserimento nuova domanda”, “consultazione domande”, “certificazioni”
  • per inserire una domanda di quantificazione cliccare su “inserimento nuova domanda
  • anche qui si può optare per “anticipo finanziario” oppure “cessazione ordinaria
  • dopodiché procedere con la compilazione

Liquidazione TFR: dichiarazione beneficiari/eredi 

Oltre alla quantificazione TFR, accedendo ai servizi online TFR si potrà anche procedere con la comunicazione beneficiari/eredi per la liquidazione del TFR.

Qui si dovrà:

  • entrare nell’area riservata sul sito Inps – MyInps – servizi online TFR
  • accedere con le proprie credenziali Pin dispositivo, Cie, Cns o Spid
  • cliccare su “comunicazione beneficiari/eredi”
  • cliccare su “inserimento nuova domanda”
  • procedere con la compilazione richiesta

Ecco i link ai rispettivi servizi online:

>> Scarica qui il Messaggio Inps 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome