Home Lavoro Proroga Naspi e Dis-coll 2020: come funziona, decorrenza, scadenze, esclusioni

Proroga Naspi e Dis-coll 2020: come funziona, decorrenza, scadenze, esclusioni

Daniele Bonaddio
proroga naspi e dis coll

Nuova proroga di due mesi per gli ammortizzatori sociali di sostegno al reddito (ossia NASpI e DIS-COLL 2020). Infatti, la vecchia proroga – sempre di due mesi – da parte del Decreto Rilancio (D.L. n. 34/2020) è stata nuovamente differita dal recente Decreto Agosto (D.L. n. 104/2020), a causa del protrarsi della pandemia e del contagio da Coronavirus in Italia. Ma chi sono i soggetti che possono beneficiarne?

Ebbene, l’art. 5 del menzionato decreto legge dispone espressamente che, i soggetti per i quali il periodo ordinario dell’indennità NASpI e DIS-COLL sia scaduto tra il 1° maggio ed il 30 giugno 2020, possono beneficiare della proroga di 2 mesi. Lo stesso vale per i lavoratori con scadenza del periodo tra il 1° marzo ed il 30 aprile. In sintesi, spettano:

  • due mensilità in più ai beneficiari di Naspi e DIS-COLL scadute tra il 1° maggio ed il 30 giugno 2020;
  • due mesi in più (per complessivi quattro) anche per l’ammortizzatore sociale scaduto tra il 1° marzo ed il 30 aprile 2020.

L’importo riconosciuto per ciascuna mensilità aggiuntiva è pari all’importo dell’ultima mensilità spettante per la prestazione originaria. A tal fine, per il 2020 sono previsti oneri per 1.318,5 milioni di euro. Ma vediamo nel dettaglio come funziona il differimento degli ammortizzatori sociali in commento.

>> Decreto Agosto: tutte le misure approvate su lavoro e assunzioni

Naspi e Dis-coll 2020: novità Decreto Agosto

Con l’intento dichiarato del Governo di venire incontro alle categorie di lavoratori che si trovano in difficoltà economica, come i percettori di sostegno al reddito, l’Esecutivo ha pensato bene di allungare il periodo di NASpI e DIS-COLL a coloro che cessano tale periodo durante la pandemia. Infatti, un soggetto che verrebbe a trovarsi senza lavoro in una situazione economica di disagio, avrebbe maggiori difficoltà a reinserirsi nel mercato del lavoro, anche perché molte imprese sono state costrette a abbassare la serranda del negozio.

Tutto ciò ha portato il Governo Conte a prorogare le predette indennità, dapprima con il “Decreto Rilancio”, (D.L. n. 34/2020) per un periodo di 2 mesi, per chi cessava la disoccupazione tra il 1° marzo ed il 30 aprile 2020, e successivamente con il “Decreto “Agosto” (D.L. n. 104/2020), sempre per un periodo di 2 mesi.

In particolare, la norma che prevede la predetta novità è l’art. 5 del D.L. n. 104/2020, entrato in vigore nel giorno di Ferragosto, meglio conosciuto come “Decreto Agosto”. Nello specifico, esso afferma che:

  • Le prestazioni previste dagli articoli 1 e 15 del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, il cui periodo di fruizione termini nel periodo compreso tra il 1° maggio 2020 e il 30 giugno 2020, sono prorogate per ulteriori due mesi a decorrere dal giorno di scadenza, alle medesime condizioni di cui all’articolo 92 del decreto-legge 19 maggio 2020 n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77”.

La norma, inoltre, specifica che:

  • la suddetta proroga è estesa anche ai soggetti beneficiari delle medesime prestazioni di cui al citato art. 92 del D.L. n. 34/2020 (cd. “Decreto Rilancio”);
  • l’importo riconosciuto per ciascuna mensilità aggiuntiva è pari all’importo dell’ultima mensilità spettante per la prestazione originaria.

Naspi e Dis-coll 2020: chi resta escluso dalla proroga

Poiché il “Decreto Agosto” specifica che la proroga spetta alle medesime condizioni dell’art. 93 del D.L. n. 34/2020, si ritiene che il differimento è valevole “a condizione che il percettore non sia beneficiario delle indennità di cui agli articoli 27, 28, 29, 30, 38 e 44 del decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, né di quelle di cui agli articoli 84, 85 e 98 del decreto (Rilancio)”.

Stiamo parlando, in particolare, di coloro che hanno percepito il “bonus 600 euro”, ossia:

  • lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Artigiani o Commercianti;
  • lavoratori stagionali del settore turismo e degli stabilimenti balneari;
  • lavoratori dello spettacolo;
  • per lavoratori co.co.co. e professionisti titolari di partita IVA iscritti alla Gestione Separata.

Quindi il lavoratore interessato non deve aver beneficiato di tali prestazioni per poter beneficiare delle mensilità aggiuntive di Naspi o Dis-Coll.

>> Blocco licenziamenti: ok Naspi con risoluzione consensuale del contratto

Naspi e Dis-coll 2020: da quando decorre la proroga

La decorrenza delle mensilità aggiuntive parte dal giorno di scadenza dell’originaria NASpI o DIS-COLL. Quindi, se ad esempio la NASpI terminava il 15 maggio 2020, l’indennità spettava fino al 15 luglio 2020. Diversamente, per coloro la cui NASpI terminava, ad esempio, il 15 marzo 2020, la proroga è di 4 mesi e non due, in quanto si cumulano le due proroghe. In quest’ultimo caso, quindi, la NASpI dura ugualmente fino al 15 luglio 2020, e non solamente fino al 15 maggio 2020.

Inoltre, il requisito del termine del periodo di fruizione, nel periodo tra il 1° marzo e il 30 aprile 2020 o tra il 1° maggio e il 30 giugno 2020, è da considerarsi solo per il diritto alle ulteriori due mensilità aggiuntive, non per il calcolo dei periodi di fruizione, che quindi decorrono dal giorno dopo all’ultimo giorno di Naspi o Dis-coll, secondo l’originaria scadenza della prestazione.

>> Decreto Agosto: tasse sospese, acconti rinviati, nuove date

Naspi e Dis-coll 2020: come controllare la scadenza

Infine, se non si è a conoscenza della scadenza NASpI o della DIS-COLL, il lavoratore può accedere nella propria area personale al “Fascicolo previdenziale del cittadino” e nell’area “Prestazioni”, e verificare così la propria NASpI o DIS-COLL nelle sezioni “Richieste presentate” e “Pagamenti”.

In questa sezione è possibile leggere il dettaglio:

  • di ogni mese di NASpI o DIS-COLL percepita;
  • della tassazione applicata;
  • delle detrazioni;
  • del calcolo.

In alternativa, il lavoratore può comunque conteggiare i giorni della prestazione nella lettera di accoglimento ricevuta dall’INPS ed individuare la data di scadenza della prestazione.

Decreto Agosto: scopri l’Ebook con tutte le misure spiegate punto per punto



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome