Home Welfare Disabili Pensione di invalidità: chi la percepisce può richiedere il bonus Covid 600...

Pensione di invalidità: chi la percepisce può richiedere il bonus Covid 600 euro?

Daniele Bonaddio
pensione di invalidità bonus 600 euro

Il bonus Covid 600 euro rischia di creare una discriminazione tra lavoratori autonomi e liberi professionisti “malati”. Infatti, i soggetti che per il solo fatto di essere titolari dell’assegno ordinario di invalidità (AOI), che spetta in funzione dei contributi versati e della condizione di disabilità, non possono presentare domanda per ricevere il bonus di 600 euro.

Diversamente, gli autonomi e liberi professionisti che presentano particolari patologie per cui rientrano tra i cd. “invalidi civili”, è esclusa ogni incompatibilità con il predetto bonus. Quindi, l’una tantum è prevista per i lavoratori autonomi e per i liberi professionisti “sani” che hanno subito un danno economico e a quelli invalidi civili che già percepiscono una prestazione assistenziale dall’Inps.

Rimangono fuori dall’agevolazione i malati e invalidi che percepiscono un assegno di invalidità grazie ai contributi versati.

> Lo speciale Legge 104 <

La discriminazione rilevata è stata denunciata in una lettera aperta al Governo dalle principali associazioni che rappresentano i malati oncologici e i disabili (Favo, Fish e Ail, Fand e Uniamo). Dunque, migliaia di lavoratori disabili e malati oncologici, nonostante abbiano subito una contrazione del reddito professionale, si vedono negato l’accesso al bonus di 600 euro. Le ragioni che stanno alla base di tale scelta avverrebbe per due ordini di motivi:

  • essere titolari di “pensione/assegno” di invalidità cui si ha diritto in virtù dei contributi versati;
  • la condizione di grave disabilità compatibile con la prosecuzione dell’attività lavorativa seppur in forma ridotta.

Le associazioni di malati oncologi e dei disabili hanno immediatamente chiesto al Governo una corretta interpretazione dei combinati disposti delle norme che hanno istituito il reddito di ultima istanza che chiarisca che ad essere esclusi dal bonus sono i lavoratori “titolari di pensione di anzianità o di vecchiaia” e non di altre prestazioni.

> Pensione di invalidità: esempi patologie e importi spettanti <

Bonus Covid 600 euro: cos’è e a chi spetta?

Per i lavoratori autonomi e professionisti il D.L. n. 18/2020 (cd. “Decreto Cura Italia) all’art. 44 ha istituito il “Fondo per il reddito di ultima istanza”.  Il Fondo, in particolare, riguarda coloro che hanno cessato, ridotto o sospeso l’attività lavorativa a causa dell’epidemia da Covid-19. Trattasi, in altre parole, di:

  • soggetti che svolgono attività autonoma di libera professione senza vincolo di subordinazione, il cui esercizio è condizionato all’iscrizione in appositi albi o elenchi;
  • soggetti che esercitano attività libero-professionale, ancorché contemporaneamente svolgano attività di lavoro dipendente.

L’indennità, pari a 600 euro per il mese di marzo, è riconosciuta ai seguenti soggetti:

  • lavoratori che abbiamo percepito, nell’anno di imposta 2018, un reddito complessivo, assunto al lordo dei canoni di locazione assoggettati a tassazione ai sensi dell’art. 3 del D.Lgs. n. 23/2011 e dell’art. 4 del D.L. n. 50/2017, non superiore a 35.000 euro la cui attività sia stata limitata dai provvedimenti restrittivi emanati in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19;
  • lavoratori che abbiano percepito, nell’anno di imposta 2018, un reddito complessivo, assunto al lordo dei canoni di locazione assoggettati a tassazione ai sensi dell’art. 3 del D.Lgs. n. 23/2011, e dell’art. 4 del D.L. n. 50/2017, convertito con modificazioni in L. n. 96/2017, compreso tra 35.000 euro e 50.000 euro e abbiano cessato o ridotto o sospeso la loro attività autonoma o libero-professionale in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

> Bonus 600 euro autonomi: la Guida completa al sussidio < 

Bonus Covid 600 euro: le modalità di presentazione delle istanze

Le domande per l’indennità Covid-19 da 600 euro devono essere presentate, dal 1° al 30 aprile 2020, agli enti di previdenza cui sono obbligatoriamente iscritti i professionisti che ne verificano la regolarità ai fini dell’attribuzione del beneficio, provvedendo ad erogarlo all’interessato. L’indennità deve essere richiesta ad un solo ente previdenziale e per una sola forma di previdenza obbligatoria.

Bonus Covid 600 euro: le condizioni

L’istanza, deve essere presentata secondo lo schema predisposto dai singoli enti previdenziali e deve essere corredata dalla dichiarazione del lavoratore interessato, rilasciata ai sensi del Dpr. n. 445/2000, sotto la propria responsabilità:

  • di essere lavoratore autonomo/libero professionista, non titolare di pensione;
  • di non essere già percettore delle indennità previste dagli articoli 19, 20, 21, 22, 27, 28, 29, 30, 38 e 96 del D.L. n.18/2020, né del Reddito di Cittadinanza;
  • di non aver presentato per il medesimo fine istanza ad altra forma di previdenza obbligatoria;
  • di aver percepito nell’anno di imposta 2018 un reddito non superiore agli importi massimi su illustrati;
  • di aver chiuso la partita IVA, nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020 ovvero di aver subito una riduzione di almeno il 33% del reddito relativo al primo trimestre 2020 rispetto al reddito del primo trimestre 2019, ovvero per i titolari di redditi inferiori a 35.000 euro, di aver subito una contrazione dell’attività a causa dai provvedimenti restrittivi emanati in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Bonus 600 euro autonomi e Partite Iva: calcola qui se hai i requisiti per ottenerlo

Bonus Covid 600 euro: iscrizione esclusiva alle Casse private

Altra condizione fondamentale, inserita successivamente all’art. 34 del D.L. n. 23/2020 (cd. “Decreto Liquidità”), che ha causato anche il temporaneo blocco del pagamento dei 600 euro, riguarda l’iscrizione esclusiva all’ente di previdenza. Dunque, affinché si possa avanzare domanda è necessario che i professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria devono intendersi:

  • non titolari di trattamento pensionistico;
  • iscritti in via esclusiva ai predetti enti.

Bonus Covid 600 euro: casi di incompatibilità

Inoltre, l’art. 31 del “Decreto Cura Italia” ha previsto che il bonus di 600 euro non è cumulabile con:

  • il Reddito di Cittadinanza;
  • le pensioni dirette a carico, anche pro quota, dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) e delle forme esclusive, sostitutive ed esonerative della stessa;
  • l’Ape sociale.

Tra i casi di incompatibilità, inoltre, rientra anche con l’assegno ordinario di invalidità di cui alla L. n. 222/1984.

Sul punto, le associazioni che rappresentano i malati oncologici e i disabili ritengono che sia necessario intervenire sul disposto normativo, al fine di chiarire che ad essere esclusi dal bonus siano soltanto i lavoratori “titolari di pensione di anzianità o di vecchiaia”.

Foto: istock/demaerre

 

Per le misure di sostegno a imprese e famiglie scarica qui l’e-book gratuito

E-book consigliato: Coronavirus. Misure per imprese lavoro e professionisti 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


20 COMMENTI

  1. buona sera,la mia mamma 83 invalidità 100%….con accompagnamento di circa 506 euro circa adesso non ricordo bene ,più o meno questa e la cifra…ma può avere un bonus dall’INPS? perchè leggo ma alla fine non ci capisco più nulla.. io usufruisco della legge 104 i 3 giorni al mese per assistere a casa ,e se fosse che può aderire al bonus come devo fare
    grazie mille per l vostra attenzione

  2. Buongiorno, sono titolare di pensione di invalidità dipendente da causa di servizio con riconoscimento della privilegiata calcolata sulla basa degli anni effettuati da militare. Posso accedere per la richiesta del bonus 600 euro per covid19 ? Grazie

    • Buongiorno Raffaele, se è titolare di una pensione in funzione dei contributi versati e della condizione di disabilità, non può fare domanda per ricevere il bonus 600 euro.

  3. conte con la 68/99 che i medici corrotti del asl rilasciano a tutti anche i menomati e inabili a lavoro fateci una cosa al coverno ok

    CI SI PULISCA IL CULO LEI E TUTTA QUELLA MERDA CHE E’ AL GOVERNO

    MI RACCOMANDO TANTO NE SIAMO TANTI ISCRITTI AL CENTRO PER L’IMPIEGO COME ABILI AL LAVORO QUINDI CACATE QUANTO VOLETE CHE DI CARTA CE’ NE QUANTA NE VOLETE COSI’ ALMENO A QUALCOSA SERVE LA 68/99

    • Buongiorno Pasquale,
      gli invalidi civili, che siano autonomi e liberi professionisti, e che presentano particolari tipologie, possono richiedere il bonus 600 euro. L’incompatibilità sussiste per chi percepisce l’assegno ordinario di invalidità (AOI), ossia l’assegno liquidato in funzione dei contributi versati e della condizione di disabilità.

  4. Sono invalida al 75% e fino a febbraio 2020 prendevo una pensione di circa €1000.
    Ora vedo che qui viene dato un bonus di €600 agli autonomi….
    Da marzo ho iniziato a prendere di pensione solo €480,00 circa. Mi sono fermata per il Coronavirus
    Ma settimana prossima farò sicuramente ricorso.
    Volevo capire perché a me non spettano le €600
    Speri in una vostra cortese risposta
    Grazie

  5. Esistono anche disabili che non hanno una famiglia o vicino soli ,a loro non spetterebbe il bonus di 600 euro,i single sembrano discriminati

  6. Il governo non pensa di dare un contributo economico agli invalidi 100% pensionati assistenziali e previdenziali? UNICI ESCLUSI DAL PRESIDENTE CONTE.E’ INCREDIBILE.

  7. Sono invalido civile e svolgo attività autonoma con partita Iva, ho presentato domanda per il bonus dei 600 euro dal 11 aprile 2020, fino adesso nessuna comunicazione, debbo ritenermi escluso perché percepisco l’assegno ordinario di invalidità?

  8. Sono un invalido civile con partita Iva e percepisco la IO, ho fatto richiesta del bonus, ma ancora niente, debbo ritenermi escluso perché percepisco la pensione ordinaria di invalidità?

  9. salve o presentatata domanda di indennita per covid-19 il 02/04/2020 per circa un mese lo stato della domanda era “in attesa di esito” due giorni fa esattamente il 05/05/2020 , stato ..( RESPINTA) la motivazione e questa LA SUA DOMANDA NON PUO ESSERE ACCOLTA POICHE LEI RISULTA TITOLARE DI PENSIONE “ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITA’. ( qualifica lavoratore autonomo iscritto alla gestione COMMERCIANTI.) O una attivita commerciale “caffetteria bar ” sono chiuso dall’11,marzo senza una fonte di reddito a parte quel poco della pensione, le spese sono tante o non riesco piu a far fronte a tutte quelle scadenze dei mesi scorsi . vorrei sapere se la mia categoria e esclusa dal BONUS DI 600 EURO GRAZIE.

  10. iL GOVERNO NON PENSA AI PENSIONATI INABILI 100%,PENSIONE PAGATA CON I CONTRIBUTI ,NON HANNO RICEVUTO NULLA DI AIUTI ECONOMICI, QUAND’è CHE SI SVEGLIANO? E SI DANNO UNA MOSSA CON IL REDDITO DI EMERGENZA.

  11. sono un nonno vorrei avere informazioni, quali sono le modalità per richiedere l’indennità di 600 euro per covid.19 a mia nipote invalida civile. grazie.

    • Buongiorno Antonio, il bonus 600 euro, nell’articolo in questione, fa riferimento a lavoratori autonomi o liberi professionisti che presentano particolari patologie per cui rientrano tra i cd. “invalidi civili”. Se Vostra nipote rientra in questa categoria di lavoratori, potrà farne richiesta al proprio Ente previdenziale di appartenenza in maniera telematica. Per maggiori dettagli si consiglia di controllare il sito dell’Albo di apprtenenza.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome