Home Economia Coronavirus, l’Italia intera è chiusa: tutte le restrizioni imposte dal Decreto Io...

Coronavirus, l’Italia intera è chiusa: tutte le restrizioni imposte dal Decreto Io Resto a casa

Conte ha annunciato il nuovo Decreto "Io resto a casa". In tutta Italia niente spostamenti immotivati, scuole e Università chiuse alla didattica, stop al campionato di calcio, divieto di assembramento e locali chiusi. Ecco le regole imposte a tutti i cittadini. Scarica il Decreto

Chiara Arroi
Coronavirus regole decreto Io resto a casa

L’atteso momento è arrivato: il premier Giuseppe Conte ha annunciato che tutta l’Italia è sottoposta ai divieti e agli obblighi che fino ad oggi erano stati decisi per il Nord del Paese. L’Italia intera è diventata una grande zona arancione, in cui sono vietati gli spostamenti non necessari, verranno interrotte manifestazioni e vietati assembramenti nei locali aperti al pubblico. Per ora fino al 3 aprile.

Conte ha così annunciato la firma del nuovo Decreto “Io resto a casa”, che ha trasformato l’Italia in una grande area protetta. Si tratta del Dcpm 9 marzo 2020 pubblicato ieri sera, 9 marzo, e in vigore già da oggi 10 marzo 2020. 

> Leggi qui il Decreto Io Resto a casa <

L’annuncio di Conte: tutta l’Italia sarà zona protetta 

Il premier ha annunciato in conferenza stampa ieri sera, 9 marzo, di aver preso una “Nuova decisione come governo. Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare tutte le nostre abitudini. Tempo non ce n’è. I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante dei contagi, dei ricoverati in terapia intensiva e delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora. Dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste nuove misure”.

“Ho deciso di adottare misure ancora più forti e stringenti per contenere l’avanzata del coronavirus – ha continuato il premier. Per questo sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione “io resto a casa”. Non ci sarà più una zona rossa, una zona 1 e 2, ci sarà l’Italia come zona protetta”.

> Lo Speciale Coronavirus con tutte le news <

Coronavirus Le regole valide in tutta Italia 

Sempre il Premier, nell’annunciare il nuovo Dcpm, operativo da questa mattina 10 marzo, ha ricordato i divieti e le imposizioni valide per tutti, in tutto il Paese:

“Sono costretto a intervenire in modo più deciso per proteggere tutti noi e le persone più fragili e vulnerabili. La decisione giusta oggi è di restare a casa. ognuno deve fare la propria forte. Per questo da oggi su tutto il territorio della penisola varranno le misure già disposte su tutto il territorio nazionale”.

In breve ecco i divieti e le regole, che fino al 9 marzo erano validi perlopiù in Lombardia e nelle 14 province, e che dal 10 marzo sono estesi a tutta Italia:

  • Evitare gli spostamenti, a meno che non ci siano queste circostanze: lavoro, necessità, motivi di salute. E’ prevista l’autocertificazione per giustificare lo spostamento
  • divieto assembramenti all’aperto in locali aperti al pubblico
  • “Abbiamo anche adottato anche un’altra misura per le manifestazioni sportive, ha spiegato Conte: non c’è ragione per cui proseguano, compreso il campionato di calcio, le palestre”
  • locali e ristoranti aperti dalle 6 alle 18, con tutte le restrizioni imposte sul rispetto delle distanze di sicurezza
  • non uscire con più di 37 e mezzo di febbre
  • chiusi cinema, discoteche, musei e luoghi della cultura
  • stop a matrimoni e funerali

Quando entrano in vigore le norme

Queste misure sono contenute nel nuovo Decreto di contenimento del Coronavirus – Dcpm 9 marzo 2020 – pubblicato in Gazzetta ufficiale il 9 marzo, ed entrano in vigore oggi 10 marzo 2020. Saranno valide fino al 3 aprile 2020.

Le misure previste del Decreto Io Resto a casa

Veniamo ora in dettaglio ai contenuti del Decreto Io resto a casa, e le misure prese in tutto il Paese, con tanto di obblighi e divieti validi per tutti i cittadini italiani, allo scopo di fermare i contagi da Covid-19 e uscire da questa emergenza sanitaria.

REGOLE IMPOSTE A TUTTO IL PAESE

Al’articolo 1 viene stabilito che allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, le misure contenute nell’articolo del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 sono estese all’intero territorio nazionale fino al 3 aprile 2020.

Significa che tutto ciò che valeva per le precedenti zone arancioni (Lombardia e 14 province), ora vale per tutta l’Italia.

I divieti validi ora per tutta l’Italia sono in particolare i seguenti:

  • Stop a spostamenti non necessari, a meno che non ci siano queste circostanze: lavoro, necessità, motivi di salute. Si utilizza l’autocertificazione per giustificare lo spostamento
  • divieto assembramenti all’aperto in locali aperti al pubblico e all’aperto nei locali aperti al pubblico
  • “Abbiamo anche adottato anche un’altra misura per le manifestazioni sportive, ha spiegato Conte: non c’è ragione per cui proseguano, compreso il campionato di calcio, le palestre”
  • locali e ristoranti aperti dalle 6 alle 18, con tutte le restrizioni imposte sul rispetto delle distanze di sicurezza di almeno 1 metro. Questi locali dovranno invece restare chiusi dalle ore 18 alle 6 del mattino. ATTENZIONE: la spesa nei supermercati è garantita
  • a chi ha più di 37 e mezzo di febbre, con sintomi respiratori, è fortemente consigliato stare e casa e limitare i contatti sociali.
  • Chi è in quarantena o è positivo al tampone Coronavirus non può in alcun modo uscire di casa
  • chiusi cinema, discoteche, musei e luoghi della cultura
  • stop a manifestazioni ed eventi sociali e ludici, religiosi e fieristici
  • stop a matrimoni e funerali
  • ai datori di lavoro si raccomanda di facilitare l’utilizzo per i dipendenti del congedo ordinario e delle ferie, oppure l’utilizzo dello smart working
  • stop alle attività didattiche di tutte le scuole fino al 3 aprile
  • sospesi i concorsi pubblici secondo specifiche modalità
  • sospesi i congedi ordinari per il personale sanitario
  • centri commerciali e attività di vendita chiusi nei festivi e prefestivi
  • palestre, centri termali, impianti di scii sono chiusi

STOP AD ASSEMBRAMENTI IN TUTTA ITALIA

Sull’intero territorio nazionale è vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

STOP ALLO SPORT IN TUTTA ITALIA

Sarà costretto a fermarsi anche lo sport, campionato di calcio compreso. Sono infatti sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali; resta consentito esclusivamente lo svolgimento degli eventi e delle competizioni sportive organizzati da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse.

Potrebbe interessarti l’e-book: 

CORONAVIRUS 2019-nCoV

CORONAVIRUS 2019-nCoV

Walter Pasini, 2020, Maggioli Editore

La storia ci insegna che da sempre le società umane combattono, ciclicamente, la loro guerra contro le epidemie, questo nemico astuto, insidioso, implacabile, e soprattutto, privo di emozioni e scrupoli. Eppure, le società umane hanno sempre vinto. Oggi il progresso scientifico e...



 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome