Home Economia Consumatori RC auto familiare 2020: da quando e come funziona, ecco la guida...

RC auto familiare 2020: da quando e come funziona, ecco la guida completa

Il 2020 si apre con una grande novità nel settore dell’assicurazione auto: l’RC auto diventa infatti familiare. La nuova norma, contenuta nel Decreto di Legge 124, entrato in vigore il 25 dicembre 2019, introduce la possibilità di poter assicurare tutti i veicoli presenti in famiglia con la stessa classe di merito, indipendentemente dal tipo di mezzo.

Quali sono i risparmi stimati per le famiglie italiane? Quanti gli italiani che potranno trarre beneficio dall’applicazione della nuova norma sulla RC auto familiare? Quali le possibili conseguenze sul fronte dei costi delle polizze? Ecco l’analisi relativa all’assicurazione RC auto e ai cambiamenti previsti per le famiglie che potranno usufruire della possibilità in arrivo elaborata dal comparatore di assicurazioni online SosTariffe.it.

RC auto familiare: da quando sarà in vigore

Il decreto Milleproroghe, che è stato approvato dal Consiglio dei Ministri, ha portato l’entrata in vigore della nuova norma sull’RC auto familiare a essere rinviata al 16 febbraio 2020. La giustificazione alla base della decisione presa si lega al fatto che la maggior parte dei processi di vendita dei servizi assicurativi legati all’auto si svolgono online, attraverso procedure che sono del tutto informatizzate.

Pertanto, è stato ritenuto necessario voler dare alle compagnie assicurative un periodo di tempo consono per poter adeguare le proprie piattaforme tecnologiche alla novità rappresentata dalla RC auto familiare. Tutto ciò che riguarda i cambiamenti relativi all’assegnazione delle classi di merito è contenuto nell’articolo 55-bis del decreto fiscale, che ha portato a una modifica del comma 4-bis dell’articolo 134 del codice delle assicurazioni.

RC auto familiare: come funziona

La nuova RC auto familiare prevede che tutti i veicoli di proprietà di una famiglia, sia auto sia moto, indipendentemente da chi sia l’intestatario o la persona che utilizza il mezzo con maggiore frequenza, avranno la stessa classe di merito: quest’ultima corrisponderà alla più vantaggiosa presente in famiglia, dunque alla più bassa tra tutti i veicoli che si possiedono.

Nel caso in cui in famiglia, per esempio, si comprasse una nuova macchina per il figlio che ha appena compiuto 18 anni, la propria compagnia assicurativa sarebbe tenuta ad assegnare la classe di merito relativa a un veicolo precedentemente assicurato. Lo stesso principio dovrà essere applicato qualora venga acquistata una moto.

L’applicazione della classe di merito più favorevole, che risulta dal certificato di rischio relativo al veicolo già assicurato, è valida anche per tutti i contratti assicurativi in scadenza, che dovranno essere rinnovati. La nuova RC auto familiare si pone come una delle norme più importanti fra quelle introdotte negli ultimi anni nel settore delle assicurazioni auto, che porta nella pratica a un ampliamento del raggio di azione della legge Bersani.

È bene ricordare a questo proposito che fino ad oggi la legge Bersani è stata uno degli strumenti più significativi per contenere il costo dell’RC auto, in quanto prevedeva la possibilità, in caso di acquisto di un nuovo veicolo in famiglia, di poter ereditare la classe di merito del veicolo già assicurato presente nel proprio nucleo familiare.

Se la legge Bersani operava sui veicoli della stessa tipologia e soltanto sulle nuove assicurazione, l’RC auto familiare permette a tutte le tipologie di mezzo e anche alle vecchie assicurazioni in rinnovo di poter usufruire della medesima classe di merito. L’unico requisito che deve essere rispettato consiste nel fatto che la persona che vorrebbe sfruttare la classe di merito più vantaggiosa non abbia registrato sinistri con “responsabilità esclusiva, principale o paritaria” nel corso degli ultimi 5 anni.

RC auto familiare: quanto si risparmia

Secondo le prime stime, la nuova RC auto dovrebbe portare a un risparmio compreso fra il 30% e il 40% sulle polizze RC auto, che rappresentano una spesa non indifferente tra quelle che devono essere sostenute ogni mese dalle famiglie italiane. Il risparmio possibile con la nuova RC auto familiare dovrebbe riguardare circa 2 milioni di polizze.

FAI UN PREVENTIVO RC AUTO E RISPARMIA

Una domanda che molti si sono posti riguarda le conseguenze della nuova RC auto per le compagnie assicurative, che vedranno ridurre una parte degli introiti derivanti dall’attivazione delle polizze, nuove o da rinnovare. Chi pagherà, dunque, il costo della nuova RC auto familiare? Gli effetti potrebbero riversarsi in modo diretto sugli altri clienti.

Una delle conseguenze più plausibili potrebbe essere il rincaro dei costi dell’assicurazione RC auto, derivante dalla necessità da parte delle compagnie assicurative di coprire le cifre che saranno destinate a perdere, o possibili aumenti a cascata su altre polizze assicurative non obbligatorie. Potrebbe verificarsi una riduzione degli sconti esistenti, applicati su prodotti quali le scatole nere, o una penalizzazione per le aree più a rischio, ovvero il Sud, che è già costretto a pagare di più in relazione allo stato in cui versano le strade.

RC auto familiare: come difendersi dai possibili aumenti

Le compagnie assicurative hanno fortemente criticato la nuova polizza RC auto familiare: una riduzione degli introiti provenienti dalla sottoscrizione delle polizze si potrebbe tradurre nei fatti in un aumento dei prezzi delle assicurazioni. Per le famiglie italiane, invece, da sempre abituate e possedere più di un veicolo in casa, l’assicurazione RC auto familiare garantirà un’opportunità di risparmio senza precedenti, arrivando a superare i vantaggi dei quali le famiglie potevano già godere grazie alla legge Bersani.

Una soluzione per riuscire comunque a contenere il costo dell’assicurazione auto e risparmiare in partenza, prima del 16 febbraio e dunque dell’effettività della nuova RC auto familiare, è quello di ricorrere a uno strumento estremamente efficace: quello della comparazione online. Utilizzando un comparatore, come quello di SosTariffe.it, è possibile avere accesso, direttamente dalla propria abitazione, a una panoramica delle offerte più economiche per assicurare i vari veicoli presenti in casa.

La comparazione online è una pratica gratuita, che mette a disposizione un gran numero di preventivi di compagnie assicurative, tramite l’inserimento dei propri dati anagrafici, di quelli assicurativi e del modello di veicolo che si vorrebbe assicurare. In questo modo si potranno valutare da un lato i costi dell’assicurazione auto di base, dall’altro eventuali garanzie accessorie che si vorrebbero integrare al fine di sottoscrivere una copertura assicurativa completa.

Il confronto online permette non solo di risparmiare tempo e denaro, ma soprattutto la certezza di attivare la copertura assicurativa più vantaggiosa e che si adatta meglio alle proprie esigenze: la comodità del servizio è data dal fatto che, in seguito alla valutazione dei vari presentivi disponibili, la polizza può essere attivata direttamente online.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome