Home Lavoro Retribuzioni Inail infortunio 2019: i nuovi importi in vigore e per quali...

Retribuzioni Inail infortunio 2019: i nuovi importi in vigore e per quali prestazioni

Cosa sono le prestazioni economiche Inail, i nuovi importi in vigore e da quando

Chiara Arroi
nuove retribuzioni inail

Incorrere in un infortunio sul lavoro significa attivare tutta una serie di procedure in capo all’Inail, l’ente incaricato di tutelare i lavoratori che si fanno male mentre lavorano o che contraggono una malattia professionale: nel novero dei servizi erogati dall’ente, rientrano le prestazioni economiche o Retribuzioni Inail per infortunio, volte a indennizzare la persona con tutele assicurative economiche e sanitarie.

In questo articolo ci concentriamo sulle tutele economiche, le retribuzioni Inail, che a partire dal 1° luglio 2019 sono state rivalutate, dando il via a nuovi importi degli indennizzi, per ogni categoria di lavoratore.

A riguardo sono stati pubblicati lo scorso 6 settembre, nella Gazzetta ufficiale (la bibbia delle leggi italiane), i decreti del Ministero del lavoro, n.  93, 94 e 95del 2 agosto 2019, relativi a questa rivalutazione delle prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale, per i settori agricoltura, medici radiologi e industria, compreso il settore marittimo.

Ecco di seguito a quanto ammontano queste rivalutazioni e i nuovi importi in vigore.

> Retribuzioni minime Inail: importi, calcolo, regole <

Quali sono le prestazioni economiche Inail

Sono diverse le prestazioni a carattere economico che l’Inail corrisponde ai lavoratori vittime di infortuni e malattie professionali. Ecco un elenco:

  • l’indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta, che viene corrisposta dal quarto giorno successivo alla data dell’evento fino alla cessazione del periodo di inabilità temporanea assoluta. L’inabilità temporanea assoluta impedisce totalmente e di fatto di attendere al lavoro;
  • la rendita diretta per inabilità permanente, corrisposta per eventi fino al 24 luglio 2000;
  • l’indennizzo per la lesione dell’integrità psicofisica, danno biologico, corrisposto per eventi a decorrere dal 25 luglio 2000. Per postumi compresi tra il 6 e il 15% è previsto l’indennizzo in capitale. Dal 16% in poi, viene erogato un indennizzo in rendita;
  • l’integrazione della rendita diretta, dovuta per il periodo nel quale il lavoratore si sottopone a cure utili per il recupero della capacità lavorativa;
  • prestazioni per infortunio in ambito domestico;
  • la rendita di passaggio per silicosi e asbestosi – calcolata secondo le Tabelle allegate al Testo Unico – per inabilità non superiore all’80% corrisposta per un anno al lavoratore che abbandoni la lavorazione nociva e, per le malattie denunciate a decorrere dal 1° gennaio 2007, per le menomazioni dell’integrità psicofisica non superiori al 60%;
  • la rendita ai superstiti di lavoratori vittime di infortunio o malattia professionale, se in possesso dei requisiti di legge;
  • la prestazione una tantum ai superstiti di lavoratori vittime di infortunio mortale verificatosi a decorrere dal 1° gennaio 2007, se in possesso dei medesimi requisiti previsti per la rendita ai superstiti;
  • l’assegno funerario;
  • l’assegno per assistenza personale continuativa, corrisposto per inabilità permanente assoluta del 100% e, per gli eventi a decorrere dal 1° gennaio 2007, per le menomazioni elencate nelle Tabelle;
  • lo speciale assegno continuativo mensile, erogato ai superstiti di lavoratori titolari di rendita deceduti per cause non dipendenti da infortunio o malattia professionale, se in possesso degli specifici requisiti previsti;
  • la prestazione ai marittimi dichiarati temporaneamente inidonei alla navigazione in seguito a infortunio sul lavoro o malattia professionale riconosciuti dall’Inail;
  • la prestazione aggiuntiva alla rendita per le vittime dell’amianto o, in caso di morte, per gli eredi titolari di rendita a superstiti;
  • la prestazione una tantum per le vittime dell’amianto a favore dei malati di mesotelioma per esposizione non professionale o in caso di morte per gli eredi;
  • la prestazione per le vittime dell’amianto a favore degli eredi dei lavoratori portuali;
  • il rimborso per cure idrofangotermali e il pagamento diretto per soggiorni climatici;
  • il rimborso spese per l’acquisto di farmaci necessari al reinserimento sociolavorativo e al miglioramento dello stato psicofisico;

Esistono anche le prestazioni integrative, chiamate anche assistenziali. Tra queste:

  • l’assegno di incollocabilità, erogato per impossibilità di collocazione in qualsiasi settore lavorativo;
  • l’erogazione integrativa di fine anno, dovuta ai grandi invalidi con inabilità compresa tra l’80% e il 100% e per gli eventi a decorrere dal 1° gennaio 2007 con grado di menomazione dell’integrità psicofisica compreso tra il 60% e il 100%;
  • il brevetto e distintivo d’onore, di natura onorifica ed economica, fornita per una sola volta ai Grandi Invalidi o Mutilati del Lavoro.

> Malattie professionali Inail: patologie e gradi di invalidità <

Prestazioni economiche Inail a chi spettano

Hanno diritto all’indennità di malattia i lavoratori dipendenti da datori di lavoro privati, dell’industria, dell’artigianato e dell’agricoltura, con qualifica di operai, apprendisti, salariati (dall’anno 2009 anche se dipendenti apprendisti delle imprese dello Stato, degli Enti Pubblici e degli enti locali, privatizzate e a capitale misto).

Retribuzioni Inail agricoltura: i nuovi importi

Come stabilito dal Decreto del ministero del Lavoro settore agricoltura, la retribuzione annua convenzionale per la liquidazione delle rendite per inabilità permanente e per morte è fissata, in 24.981,61 euro.

la retribuzione annua Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali convenzionale per la liquidazione delle rendite dirette e a superstiti costituite con decorrenza 1° giugno 1993, in favore dei lavoratori autonomi o loro superstiti è di 16.554,30 euro pari al minimale di legge previsto per i lavoratori dell’industria.

Retribuzioni Inail medici radiologi: i nuovi importi

La retribuzione annua da assumersi a base per la liquidazione delle rendite a favore dei medici colpiti da malattie e da lesioni causate dall’azione dei raggi X e delle sostanze radioattive, e dei loro superstiti, nonché delle prestazioni a queste collegate, è fissata in € 61.385,

Retribuzioni Inail industria: i nuovi importi

Come stabilito dal decreto del ministero del lavoro nel Decreto sul settore industria, la retribuzione media giornaliera è fissata in 78,83 euro ai fini della determinazione del minimale e del massimale della retribuzione annua, i quali, di conseguenza, sono stabiliti nella misura di 16.554,30 e di € 30.743,70 euro.

Retribuzioni Inail marittimi: i nuovi importi

Per i componenti lo stato maggiore della navigazione marittima e della pesca marittima, il massimale della retribuzione annua risulta stabilito, rispettivamente, in

  • € 44.270,93 per i comandanti e i capi macchinisti,
  • € 37.507,31 per i primi ufficiali di coperta e di macchina e
  • € 34.125,51 per gli altri ufficiali.

Prestazioni economiche Inail: da quando sono in vigore

Tutti questi nuovi importi, per effetto dei decreti, firmati dall’allora ministro del Lavoro Luigi Di Maio (ora ministro degli Esteri), sono entrate in vigore a partire dal 1° luglio 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome