Home Abilitazioni Come diventare insegnante di Scuola Secondaria di I e II grado, una...

Come diventare insegnante di Scuola Secondaria di I e II grado, una guida completa e aggiornata

Alice Lottici
concorso-scuola-2019-classe-di-concorso-a46

La normativa scolastica in Italia è molto severa e in continuo aggiornamento. E’ difficile comprendere come diventare insegnante e soprattutto riuscire ad ottenere una cattedra per coloro che già lavorano come supplenti, visti i requisiti richiesti ad ogni nuovo decreto.

Questo articolo intende essere una guida pratica e dettagliata per aspiranti docenti.

In arrivo il Concorso Scuola, tutte le informazioni

Come diventare insegnante: l’abilitazione

L’abilitazione all’insegnamento è il requisito fondamentale per accedere alla professione di insegnante.

La normativa in materia è cambiata notevolmente negli ultimi anni: dall’ammissione con titoli di studio abilitanti come il Tirocinio Formativo Attivo (TFA), alla Formazione Iniziale Tirocinio (FIT) fino all’attuale Concorso abilitante.

Vediamoli assieme uno per uno:

  • Tirocinio Formativo Attivo (TFA) previsto dal 2010 al 2016 e consistente in un percorso universitario annuale post laurea magistrale con accesso a numero programmato. Al termine del corso si otteneva l’abilitazione per una specifica classe di concorso;
  • Formazione Iniziale Tirocinio (FIT), dal 2017 al 2018 il percorso triennale previsto dalla legge “La buona scuola” con esame finale per ottenere l’abilitazione;
  • Concorso abilitante, introdotto dalla Legge di bilancio 2019 che prevede un percorso annuale di formazione iniziale e prova previo superamento del Concorso a cattedra.

Come diventare insegnante: il Concorso a cattedra

Il decreto legislativo n.59 del 2017, a seguito delle modifiche apportate alla legge n.145 del 2018, prevede che si possa diventare insegnanti previo superamento del concorso pubblico.

Il cosiddetto Concorso a cattedra è bandito ogni due anni solamente nelle regioni e per le classi di concorso con vuoti di organico, a cui possono partecipare sia docenti abilitati per ottenere la cattedra che docenti non abilitati in possesso dei seguenti requisiti:

  • laurea magistrale o a ciclo unico coerente con le classi di concorso per le quali si concorre;
  • 24 Cfu nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

Per verificare se si posseggono tutti i requisiti per insegnare le discipline delle nuove classi di concorso, consigliamo di consultare la tabella A.

Tabella A – Nuove classi di concorso

L’abilitazione per la classe di concorso, diversamente dalla vecchia normativa, si ottiene al superamento di tutte le prove concorsuali e non al termine del percorso di specializzazione.

Per quanto riguarda i titoli esteri, non esiste un riconoscimento “automatico”. In questo senso la Direttiva 2013/55/CE, recepita in Italia con il decreto legislativo n.15 del 2016, prevede un’analisi comparata dei percorsi formativi dei due Stati Membri coinvolti.

Consulta il decreto

Come diventare insegnante: la riforma delle classi di concorso

Le classi di concorso sono requisiti accademici che consentono l’accesso all’abilitazione.

La legge 107/2015, la cosiddetta Buona Scuola, oltre alla riforma del percorso di formazione e reclutamento prevede la riorganizzazione delle classi di concorso, espletata con il Decreto del Presidente della Repubblica del 14 febbraio 2016 n.19 e l’integrazione successiva con il Decreto Ministeriale 9 Maggio 2017 n.259.

Scarica gli allegati

Il Decreto ha portato a 3 importanti cambiamenti:

  • Aggiornamento delle classi di concorso, tenendo conto delle modifiche ordinamentali sugli insegnamenti e sulle lauree di accesso;
  • Accorpamento di alcune classi di concorso, riducendole da 168 a 114;
  • Creazione di 11 nuove classi di concorso.

Le nuove classi di concorso sono frutto dell’adeguamento alle recenti modifiche ordinamentali, per la nascita di nuove tipologie di corsi di studio liceali e tecnici e per ragioni sociali. Infatti sono focalizzate sullo studio della musica, della moda e della comunicazione, visti gli strumenti digitali sempre più pervasivi nel lavoro di tutti i giorni. Troviamo:

  • A-23 Lingua italiana per discenti di lingua straniera
  • A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda
  • A-36 Scienze e tecnologia della logistica
  • A-53 Storia della musica
  • A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado
  • A-57 Tecnica della danza classica
  • A-58 Tecnica della danza contemporanea
  • A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza
  • A-63 Tecnologie musicali
  • A-64 Teoria, analisi e composizione
  • A-65 Teoria e tecnica della comunicazione

Per comprendere al meglio come diventare insegnante occorre fare riferimento al Regolamento sulle classi di concorso e ai seguenti allegati:

  • tabella A, con il dettaglio completo delle classi di concorso e di abilitazione per le scuole secondarie di I e II grado;
  • tabella A1, con le rilevazioni sull’omogeneità degli esami del piano studi delle lauree di vecchio ordinamento;
  • tabella B, con le classi di concorso per i posti di insegnante tecnico-pratico.

 

Tra luglio e settembre è prevista la pubblicazione del bando del Concorso Scuola secondaria 2019 per ottenere l’abilitazione e la successiva immissione in ruolo.

Per la preparazione consigliamo il seguente volume:

Avvertenze generali per tutte le classi di concorso

Avvertenze generali per tutte le classi di concorso

Rosanna Calvino - Andrea Gradini, 2018,

Il manuale è un supporto di sicura utilità per la preparazione ai concorsi a cattedra 2018 nelle scuole di ogni ordine e grado: concorso riservato agli abilitati; concorso per docenti non abilitati; concorso per accedere al FIT. L’opera infatti affronta in forma sintetica, semplice e...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. Buongiorno Francesca,
    per la sua situazione particolare dovrebbe chiedere a sindacati o Uffici competenti del Miur. Attualmente c’è una classe di concorso affine al suo ruolo, dovrà verificare in base ai requisiti posseduti e al suo inquadramento contrattuale il possibile riconoscimento.
    Saluti

  2. Lavoro in qualità di insegnante di lingua italiana a stranieri presso l’Università per stranieri Dante Alighieri con contratto a prestazione. Desidero sapere se per la mia laurea la mia classe di concorso questi anni valgono come pre ruolo.
    Grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome