Home PrimoPiano Assegno di divorzio, novità in vista: ecco come cambia

Assegno di divorzio, novità in vista: ecco come cambia

assegno di divorzio

Che ne sarà del tanto bramato e conteso assegno di divorzio? I tempi stanno cambiando. Cambiano le leggi e cambiano soprattutto gli orientamenti dei giudici, che tendono a tutelare sempre meno la logica del matrimonio interessato, dell’ex coniuge che si fa mantenere e della fine di un matrimonio vista esclusivamente come fondo di tesoreria per l’ex moglie o ex marito.

È stata approvata, con 386 sì, 19 astensioni e nessun contrario, alla Camera, la proposta di legge sull’assegno di divorzio presentata dalla deputata pd Alessia Morani. Oltre a M5s e Lega hanno votato a favore anche Pd, Forza Italia e Leu. Unici ad astenersi i deputati di FdI.

Tutto ora passa all’esame del Senato. L’assegno di divorzio, secondo le nuove norme, non sarà più legato solo al reddito ma anche al patrimonio, all’età e alla condizione lavorativa del richiedente, e sarà cancellato in caso di nuovo matrimonio.

Insomma l’assegno divorzile all’ex coniuge cambia veste. Le previsioni sono quelle di un assegno temporaneo, legato non solo al reddito ma anche al patrimonio, e soprattutto cancellato in caso di nuovo matrimonio, unione civile o convivenza.

Vediamo un po’ più in dettaglio com’è e come sarà l’assegno di divorzio, sulla base delle recenti sentenze e della riforma in vista.

Assegno di divorzio: cos’è 

L’assegno di divorzio è una contributo economica con funzione sostanzialmente assistenziale, versato periodicamente a uno dei due coniugi, nel momento del divorzio, dall’altro ex coniuge. Il diritto alla percezione dell’assegno di divorzio deve essere accertato dal Giudice, dopo che egli ha verificato la sussistenza di specifici requisiti, centrali anche nel determinare l’importo di questo assegno.

L’assegno di divorzio non è l’assegno di mantenimento. C’è una differenza tra i due:

  • L’assegno di mantenimento è quello che viene stabilito (di comune accordo o dal giudice) quando la coppia si separa,
  • L’assegno di divorzio viene determinato, (di comune accordo o dal giudice) con la sentenza di divorzio e si sostituisce all’assegno di mantenimento.

L’obiettivo del contributo è quello di garantire al coniuge più debole economicamente, una sorta di autosufficienza, per mantenersi e non cadere in uno stato di indigenza.

==>> “Assegno di divorzio: no della Cassazione se l’ex può mantenersi sola”

Assegno di divorzio: le novità in vista

L’Assegno divorzile ha vissuto diverse epoche e diversi cambiamenti:

  • Dal 1990 al 2017 serviva e doveva garantire il mantenimento del tenore di vita dell’ex coniuge;
  • Dal 2017 al 2018 un cambiamento di rotta ha introdotto un assegno volto a permettere all’ex coniuge di essere perlomeno autosufficiente economicamente
  • Salvo poi cambiare ancora per arrivare a oggi. Un nuovo cambio di rotta che vede l’assegno di divorzio come un contributo che serve a compensare i sacrifici fatti dall’ex coniuge durante il matrimonio. Va quindi in base al contributo che il partner ha dato alla coppia quando era sposata.

Il percorso evoluzionistico non è però finito qui. L’assegno di divorzio cambierà nuovamente. La Commissione Giustizia della Camera dei deputati ha infatti approvato una legge di riforma della legge sul divorzio.

Un emendamento ha modificato l’originaria proposta firmata dall’onorevole Morani, che voleva introdurre un assegno teso a riequilibrare la disparità tra i coniugi. L’introduzione dell’emendamento porta, qualora la riforma dovesse essere approvata ed entrare in vigore, i giudici a dover tenere presente un importante fattore: non il contributo dato dall’ex coniuge durante il matrimonio, ma la situazione concreto e attuale in cui l’ex viene a trovarsi nel momento in cui subentra il divorzio. Cosa si intende per situazione?

  • Il reddito
  • Il patrimonio
  • L’età
  • La formazione
  • Le possibilità di reinserirsi nel mondo del lavoro

Il contributo dato quando il matrimonio era in vita decadrà come fattore da considerare.

Altra novità importante: l’assegno di divorzio non spetta in caso di nuovo matrimonio, unione civile o convivenza stabile. Chi in pratica decide di rifarsi una vita e un nuovo progetto di famiglia perde gli alimenti versati dall’ex coniuge.

Assegno di divorzio: conta il tenore di vita

Il principio del tenore di vita è già stato superato. Non vale più e non si tiene più in considerazione nella decisione dell’attribuzione e del calcolo dell’assegno. Subentrano però le condizioni in cui l’ex coniuge viene a trovarsi, non solo in termini di reddito, ma anche di patrimonio.

Come riportato da Il Sole 24 ore: “il richiamo attuale alle ragioni che hanno motivato la cessazione del matrimonio è sostituito con il parametro del comportamento tenuto dai coniugi per il venir meno della comunione spirituale e materiale; la valutazione della situazione economica non è più circoscritta al solo reddito ma è estesa anche al patrimonio dei coniugi”.

Assegno di divorzio temporaneo

Un’altra clamorosa novità sta nella provvisorietà dell’assegno, secondo quanto previsto da questa riforma (non ancora approvata e in vigore, ricordiamolo).

Si parla in pratica di riconoscimento dell’assegno per un periodo provvisorio e limitato ad una situazione di momentanea difficoltà di uno dei coniugi: ad esempio non avere lavoro o la perdita del lavoro. Aspetti però tutti da valutare e incastrare: ad esempio se l’ex coniuge non è più in età da lavoro l’assegno potrebbe diventare definitivo.

Sull’argomento potrebbe interessarti:

Assegno divorzile: i parametri dopo le Sezioni Unite n. 18287 dell’11 luglio 2018

Assegno divorzile: i parametri dopo le Sezioni Unite n. 18287 dell’11 luglio 2018

Manuela Rinaldi, 2018, Maggioli Editore

Corredata delle più utili formule di riferimento, l’opera esamina, con taglio pratico e forma accessibile, le questioni maggiormente dibattute relative all’assegno divorzile, fino all’analisi della recente sentenza della Cassazione civile a Sezioni Unite n. 18287 dell’11 luglio...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome