Home Economia Società Appropriazione indebita: reato, sanzioni, detenzione, prescrizione

Appropriazione indebita: reato, sanzioni, detenzione, prescrizione

Luisa Camboni
reato di appropriazione indebita

L’ art. 646 del codice penale punisce il reato di appropriazione indebita: 1. Chiunque, per procurare a sè o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da euro 1.000 a euro 3.000.

Se il fatto è commesso su cose possedute a titolo di deposito necessario, la pena è aumentata.”

Il reato di appropriazione indebita è oggi, a seguito delle modifiche apportate dalla nuova legge anticorruzione 2018, punito con:

  • la reclusione da due a cinque anni;
  • la multa da euro 1.000 a euro 3.000.

Al comma secondo si precisa che nel caso in cui il fatto sia stato commesso da chi possedeva il bene a titolo di deposito necessario è previsto un aumento di pena.

Appropriazione indebita: quando si ha deposito necessario?

Si ha deposito necessario nel caso in cui il depositario non sia stato scelto con in modo scrupoloso e, in particolare, quando il deposito sia determinato da qualche imprevisto, come un incendio, una rovina, un saccheggio, un naufragio o un altro accadimento non previsto.

Appropriazione indebita: quando si prescrive il reato?

Il normale termine di prescrizione del reato di appropriazione indebita è di sei anni.

Infatti, l’articolo 157 c.p. stabilisce che “la prescrizione estingue il reato decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge e comunque un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto e a quattro anni se si tratta di contravvenzione”.

Appropriazione indebita: procedibilità a querela

Il reato di appropriazione indebita è procedibile solamente a querela della persona offesa. A tal proposito va ricordato che il diritto di querela va necessariamente esercitato nel termine massimo di tre mesi decorrenti dal giorno della notizia del fatto che costituisce il reato.

Appropriazione indebita: bene giuridico tutelato

Vista la collocazione del delitto nel capo II Titolo XII, Delitti contro il patrimonio mediante frode, si apprende che il bene giuridico tutelato dall’ art. 646 c.p. è il patrimonio e, quindi, la proprietà. Pertanto, la vera essenza del reato consiste nell’abuso del possessore, il quale, a un certo punto, dispone della cosa come se ne fosse proprietario, ovvero uti dominus.

Appropriazione indebita: consumazione ed elemento soggettivo

Il reato di appropriazione indebita si intende consumato quando il soggetto che ha la disponibilità della cosa pone in essere un comportamento idoneo a esprimere la volontà di appropriarsene in via definitiva.

Elemento soggettivo del reato è il “dolo specifico”, che si manifesta nella coscienza e nella volontà di appropriarsi definitivamente della cosa mobile altrui con lo scopo di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto. Si noti bene: non è necessario che l’ingiusto profitto sia effettivamente conseguito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


3 COMMENTI

  1. buongiorno,
    nel 1961 alla morte di mio padre uno zio si impossessò di un fucile di proprietà di mio padre, che aveva avuto in eredità da suo padre, adducendo il fatto che era un fucile di famiglia e quindi spettava al maggiore dei figli del “nonno”. premetto che non ci sono documenti relativi alla successione del nonno e quindi che comprovino che l’arma spettava a mio papà, ma lui l’aveva dalla morte del suo papà e nessuno aveva mai detto niente (il nonno morì nel 1929 circa). ora l’arma è in possesso del figlio dello zio che se ne appropriò alla morte di mio padre e questo mio cugino dice che l’arma è passata da suo padre a lui essendo lui, alla morte di suo padre, il cugino di maggiore età. ma al tempo era in vita anche un fratello di mio papà e di suo papà al quale, se l’arma era da considerare di famiglia, l’arma stessa doveva passare.
    ora chiedo se è possibile fare una azione volta a dimostrare l’appropriazione indebita fatta nel 1961 o se, come penso sono ampiamente scaduti i termini di legge.
    grazie e cordiali saluti

  2. Buongiorno,
    Se una persona si rifiuta di restituirti degli effetti personali, rientra nel reato di appropriazione indebita? Mi spiego meglio con un esempio accaduto: Una persona ha convissuto in casa con l’ormai ex partener (no matrimonio o coppia di fatto), questi non stanno più insieme, le utenze, il locale e altre spese accessorie sono intestate ad una sola persona mentre l’altro era solo ospite in quanto non dichiarato nel contratto di locazione dell’immobile. Ora il locatario minaccia l’ex partener di non volergli restituire gli effetti personali (lo dimostra con un sms) in quanto esige che egli debba pagare i consumi delle utenze della casa quando era ospite ( il quale comunque non ne sarebbe autorizzato in quanto non dichiarato nel contratto).
    Entrambi si sentono parte offese, ma chi tra i due ha ragione? Vi è il reato di appropriazione indebita di beni altrui se l’ex partner palesa con un messaggio vocale l’intenzione di non restituire gli effetti del ex?

  3. Mia sorella ha venduto la mia moto a un privato senza dirmi niente perciò io non ho firmato nessun passaggio di proprietà. Che cosa rischia mia sorella se io dovessi denunciarla?
    Grazie per la risposta se potete.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome