Home PrimoPiano Reddito di cittadinanza: come comunicare modifiche a reddito e nucleo familiare

Reddito di cittadinanza: come comunicare modifiche a reddito e nucleo familiare

Daniele Bonaddio
rdc comunicare variazioni

Durante la percezione del Reddito di cittadinanza (Rdc), così come anche per la Pensione di cittadinanza (Pdc) può capitare che il richiedente subisce delle variazioni dei requisiti e delle condizioni che danno diritto al sostegno economico. Come noto, infatti, per poter accedere alla misura prevista dal Decreto legge n. 4/2019, convertito in Legge il 27 marzo 2019, è necessario rispettare determinate condizioni, sia familiari che reddituali, nonché patrimoniali. Pertanto, qualora si producono degli eventi tali da modificare uno dei predetti requisiti, è di primaria importanza comunicarlo all’INPS. Variazioni del nucleo familiare, acquisto di un automobile, nuova occupazione lavorativa: sono numerose le circostanze da considerare e da rendere noto all’Istituto Previdenziale, entro i termini previsti dalla norma.

Tali fattispecie sono state attentamente chiarite dall’INPS nella prima Circolare esplicativa del Reddito di cittadinanza (la n. 43 del 20 marzo 2019). È dunque fondamentale riepilogare nel dettaglio, come e quando comunicare le variazioni durante il godimento del beneficio.

Reddito di cittadinanza: come comunicare variazioni familiari 

Il primo requisito da rispettare riguarda il nucleo familiare. Il richiedente, in particolare, deve essere in possesso, congiuntamente, dei seguenti due requisiti:

  • essere in possesso della cittadinanza italiana o di paesi facenti parte dell’Unione europea oppure, in alternativa, essere familiare di un cittadino italiano o dell’Unione Europea e titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • residenza in Italia per almeno 10 anni, al momento della presentazione della domanda, di cui gli ultimi due anni in modo continuativo.

Quindi, in caso di variazione del nucleo familiare rispetto a quanto dichiarato ai fini ISEE, i nuclei stessi sono tenuti a presentare una DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) aggiornata, entro due mesi dalla variazione, pena la decadenza dal beneficio.

Nelle sole ipotesi di variazione del nucleo diversa da nascita o decesso di un componente è necessario presentare una nuova domanda di Rdc/Pdc, affinché il nucleo modificato (o ciascun nucleo formatosi a seguito della variazione) possa continuare a beneficiare della prestazione. Tale domanda può essere presentata senza la necessità di un intervallo temporale minimo.

Altri eventi che devono essere comunicati sono:

  • eventuale sopravvenienza nel nucleo familiare di membri in stato detentivo o ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o in altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica;
  • eventuale cessazione dello stato detentivo o del ricovero;
  • ipotesi di dimissioni volontarie dal lavoro di uno o più membri del nucleo, fatte salve quelle per giusta causa.

Queste ultime comunicazioni devono avvenire mediante il modello “Rdc/Pdc-Com” c.d. esteso, entro 30 giorni dall’evento, pena la decadenza dal beneficio.

Reddito di cittadinanza: come comunicare modifiche al patrimonio 

Il beneficiario è, inoltre, obbligato a comunicare all’INPS, sempre mediante il modello “Rdc/Pdc – Com Esteso”, nel termine di 15 giorni dall’evento, pena la decadenza dal beneficio, ogni variazione patrimoniale relativa ai beni immobili che comporti la perdita dei requisiti patrimoniali, nonché di quelli riferiti al godimento di beni durevoli, di cui all’art. 2, co. 1, lett. b) e c), del decreto istitutivo del Rdc.

Reddito di cittadinanza: come comunicare cambiamenti di reddito

Come chiarito più volte dal ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, il Rdc è assolutamente compatibile – entro certi limiti – con lo svolgimento dell’attività di lavoro dipendente, di impresa e di lavoro autonomo.

Quindi, i redditi derivanti dallo svolgimento di attività di lavoro dipendente devono essere comunicati all’INPS entro 30 giorni dall’inizio dell’attività stessa, mediante il modello “Rdc/Pdc – Com Esteso”. Restano, invece, esclusi dall’obbligo di comunicazione comunicati i redditi derivanti da:

  • attività socialmente utili;
  • tirocini;
  • servizio civile;
  • nonché da contratto di prestazione occasionale (CPO) e libretto di famiglia (LF).

Da notare che il maggior reddito da lavoro dipendente concorre alla determinazione del beneficio nella misura dell’80%, a decorrere dal mese successivo a quello della variazione e fino a quando il maggior reddito non è ordinariamente recepito nell’ISEE per l’intera annualità.

Attenzione: il reddito da lavoro dipendente è desunto dalle comunicazioni obbligatorie (modello UNILAV), che, a decorrere dal mese di aprile 2019, devono contenere l’informazione relativa alla retribuzione o al compenso.

Per quanto concerne l’avvio di un’attività d’impresa o di lavoro autonomo, svolte sia in forma individuale che di partecipazione, da parte di uno o più componenti il nucleo familiare nel corso dell’erogazione del Rdc, sussiste ugualmente l’obbligo di comunicazione all’INPS tramite il CAF, mediante presentazione del predetto modello “Rdc/Pdc – Com Esteso”, entro 30 giorni dall’inizio dell’attività, pena la decadenza dal beneficio.

In tali casi il reddito è individuato secondo il principio di cassa, come differenza tra i ricavi e i compensi percepiti e le spese sostenute nell’esercizio dell’attività.

La comunicazione del reddito mediante presentazione del predetto modello è effettuata entro il 15esimo giorno successivo al termine di ciascun trimestre dell’anno solare, prendendo a riferimento il trimestre precedente (gennaio – marzo, aprile – giugno, luglio – settembre, ottobre – dicembre), fino a quando il maggior reddito non sia correntemente valorizzato nella dichiarazione ISEE per l’intera annualità. Il modello dovrà essere compilato, con le tempistiche e modalità sopra indicate, anche laddove l’attività sia stata comunicata contestualmente alla presentazione della domanda tramite il modello “Rdc/Pdc – Com Ridotto”.

Scarica i Modelli di comunicazione qui sotto:

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


24 COMMENTI

  1. Buongiorno, le richieste di variazione del nucleo familiare, reddito o patrimonio devono essere comunicate all’Inps utilizzando i modelli indicati. Per la sua situazione particolare le consigliamo di rivolgersi agli sportelli Inps o presso un ente di patronato. Cordiali saluti.

  2. Mia moglie fino all’anno scorso lavorava nei braccianti agricoli ora non piu’ come devo fare visto che per questo motivo mi hanno dato l’ integrazione vi ptego fi rispondermi grazie

  3. Salve,io ho fatto domanda per il reddito di cittadinanza ed è stata accolta. Nel frattempo ho avuto un lavoro come collaboratore scolastico di pochi giorni che comunque non fa variare il mio isee che zero era e zero resta. È necessario effettuare comunicazione? nel qual caso necessiterei di sapere la procedura e, se possibile, anche di sapere come comportarmi quando il lavoro fra pochi giorni cesserà, se anche in questo caso andrà presentata variazione e, sempre nel qual caso, come questa ulteriore variazione vada comunicata. Vi ringrazio

  4. O un minore in casa e o preso 110euro con u reddito di 4900 manca mio figlio e nessuno mi da spiegazioni

  5. Ho già ricevuto il RdC e anche la card, ma la mia situazione reddituale è peggiorata a confronto dell’Isee 2019 che fa riferimento all’anno 2017. ho fatto l’Isee Corrente , come suggerito telefonicamente dall’Inps , il mio problema e sapere se si deve presentare a chi e come, visto che ne alI’INPS ne al CAF mi hanno saputo rispondere. Da l’INPS è stato detto che se ho fatto Isee Corrente la medesima verrà incamerata in modo automatico. Mi sapreste suggerire il modo giusto per inoltrare la pratica ??

  6. Buongiorno o fatto domanda del reddito di cittadinanza ERRONEAMENTE mi anno sbagliato la residenza nella domanda la mia Caf. Inps al momento dice che non può fare nulla la mia Caf ha fatto di tutto per modificare ma niente il fatto che.dovrei fare il patto di servizio se qualcuno mi potrebbe dare qualche soluzione grazie

  7. Buonasera, il modello esteso di comunicazione variazioni si deve presentare agli sportello INPS oppure é possibile trasmetterli on line? Grazie

  8. Come posso fare per sostituire il numero di telefono inserito all’atto dell’invio de RdC e ricevere le comunicazioni già inviatemi.

  9. Buonaseara le poste compilando la domanda per il rdc mi hanno fatto un errore perciò non è né ammessa né respinta dovrei fare una modifica come posso fare ???
    Perché inps mi manda dal.patronato e patronato alle poste e le poste mi dicono che loro possono solo fare le le richieste per il.rdc ma non modifiche e che solo il.diretto.interessatto potrebbe andare online e fare la modifica mi sapete dire qualcosa ?

  10. Salve, LeggiOggi è solo un sito informativo. Per avere chiarimenti dettagliati deve contattare gli sportelli Inps oppure recarsi in un ente di patronato. Presso queste sedi troverà operatori pronti a rispondere alle sue domande. Cordiali saluti.

  11. Salve,come posso comunicare con un responsabile del reddito di cittadinaza?vorrei essere informato su alcuni punti della carta grazie.

  12. Buongiorno …ho avuto nel mese di aprile la prima ricarica rdc..adesso mio marito e stato accettato alla pensione d invalidità…dv comunicare e modificare l isee? Grazie!

  13. Ho consegnato la domanda di reddito di cittadinanza,la pratica è stata accettata ma non posso ritirare la carta del reddito alle poste perchè sulla domanda hanno sbagliato una cifra del numero di telefono come posso fare? Grazie

  14. Salve si. Può integrare isee corrente al. Rds? Siccome dal. 2017 nn lavoro, ma isee corrente fa fede al reddito 2017 e quindi mi hanno riconosciuto solo. 72 € di Rds. Con isee corrente avrei un ricalcolo?

  15. Buongiorno, volevo chiedere siccome nel. Isee presentato per il reddito di cittadinanza hanno calcolato reddito 2017,di cui stesso anno sono stato licenziato. E dal settembre 2017 che non percepisco reddito.. Come posso fare per comunicare la. Mia situazione? Ad oggi mi Riconoscono solo 79€ di Reddito di cittadinanza perché fa fede reddito di 2 anni fa!! Potete darmi un consiglio? Posso presenterei isee corrente??

  16. Se la situazione è peggiorata basta fare isee corrente. Unica cosa che è da aggiornare ogni 2 mesi fino a gennaio 2020. Ciao.

  17. Buongiorno, per la sua situazione le consigliamo di rivolgersi agli sporteelli Inps oppure ad un ente di patronato. Sapranno rispondere con esattezza e consigliarle il da farsi. Cordiali saluti.

  18. Come posso comunicare all’Inps che la mia situazione reddituale è peggiorata? Questo non si può fare con il modello rdc/pdc com esteso…
    Per esempio, se nel 2017 avevo un’attività ora chiusa e quando ho fatto l’ISEE ho presentato i redditi 2017 e invece ad oggi ho chiuso l’attività e non ho redditi, come lo comunico? Posso fare un’ISEE corrente ma nella circolare dell’inps non è indicato come comunicare gli eventi che peggiorano la mia situazione economica!!! Cosa mi consigliate di fare?

  19. buongiorno dovrei presentare il rdc com esteso per variazione ma tramite caf non si puo perche la domanda e stata gia acquisita e protocollata…l inps non me lo fa…dal sito rdc non lo posso fare come faccio?

  20. In posta mi hanno inserito per errore,un familiare,che lavora fuori isee,ma il non ne ho di persona che lavorano fuori idee e quindi non posso presentare rdc ridotto come faccio a modificare grazie di un eventuale risposta.

  21. Sonno rumena, noi dobiamo prezentare documenti che riguarda il patrimonio e il redito dell mio paeze?Deve essere tradotto e apostilatto?

  22. Buongiorno, devo integrare alla domanda il Modello RDC/PDC ridotto entro il 15 aprile, ho visto dei tutorial che senza recarsi al CAF si piuo’ integrare anche online sul sito INPS, ma il tutto dopo aver ricevuto il protocollo INPS della domanda che tutt’oggi ancora non mi e’ stato assegnato! Volevo chiedervi dopo quanto tempo dalla domanda si riceve il protocollo INPS?
    Devo ancora aspettare oppure mi reco subito al CAF per allegare il modello RDC/pdc ridotto?
    Grazie per le info.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome