Home Welfare Disabili Congedo straordinario disabili: cos’è, a chi spetta e come funziona

Congedo straordinario disabili: cos’è, a chi spetta e come funziona

Paolo Ballanti
congedo straordinario disabili

Il nostro ordinamento prevede accanto ai più noti permessi 104 altre tipologie di assenze retribuite per coloro che devono assistere familiari disabili: in particolare, il Dlgs. n. 151/2001 ha introdotto un congedo straordinario disabili per i dipendenti che siano familiari di persona con handicap grave.

Gli aventi diritto possono assentarsi dal lavoro per un massimo di due anni nell’arco dell’intera vita lavorativa, durante i quali la retribuzione è carico dell’INPS.

Vediamo nel dettaglio a chi spetta il congedo e come funziona.

Lo Speciale Legge 104

Congedo straordinario disabili: chi ne ha diritto

A differenza dei permessi 104, il congedo straordinario spetta secondo un preciso ordine di priorità a:

  • Coniuge (o parte dell’unione civile) convivente;
  • Genitori naturali, adottivi o affidatari se manca il coniuge, è deceduto o colpito da patologie invalidanti;
  • Figlio convivente se i genitori mancano, sono deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • Fratelli o sorelle se i figli mancano, sono deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • Parenti o affini entro il 3° grado conviventi se fratelli o sorelle mancano, sono deceduti o affetti da patologie invalidanti.

Il congedo spetta a un unico lavoratore dipendente per l’assistenza alla stessa persona disabile (cosiddetto “referente unico”).

Congedo straordinario disabili: la convivenza

Per “convivenza” si intende la residenza nello stesso luogo del familiare da assistere e non semplicemente il domicilio.

Congedo straordinario disabili: rapporto di lavoro

Condizione essenziale per poter aver diritto al congedo è lo svolgimento di attività lavorativa. Per questo il congedo non spetta se il dipendente è in cassa integrazione a zero ore. Invece ne ha diritto se ha inoltrato richiesta prima che l’azienda ricorresse all’ammortizzatore sociale.

Congedo straordinario disabili: genitori

Nel caso dei genitori il congedo spetta anche se l’altro non ne ha diritto perché non lavoratore dipendente. Se invece entrambi sono dipendenti, il congedo spetta in via alternativa al padre o alla madre. Ammessa anche la possibilità di fruire per un genitore della maternità obbligatoria o facoltativa mentre l’altro è in congedo straordinario.

“Legge 104: handicap e invalidità. Con quali requisiti si può chiedere”

Congedo straordinario disabili: richiesta

Come avviene per i permessi 104, la domanda di congedo straordinario dev’essere inoltrata all’INPS:

  • In via telematica e in autonomia collegandosi al portale inps.it (necessario il PIN INPS o le credenziali SPID);
  • Chiamando il contact center al 803 164 (rete fissa) o lo 06 164 164 da rete mobile;
  • Avvalendosi di CAF e patronati.

Per opportuna conoscenza è consigliabile inviare al datore di lavoro copia della domanda inoltrata e della risposta dell’INPS.

La legge non impone un preavviso per l’azienda ma nell’ottica di una programmazione dell’attività produttiva, si raccomanda di informare il datore non appena l’INPS fornisce risposta alla richiesta di congedo.

Congedo straordinario disabili: durata

Il congedo ha una durata massima di due anni nell’arco dell’intera vita lavorativa. Lo stesso limite vale anche per tutti coloro che prestano assistenza allo stesso familiare disabile.

Questo significa che se il padre ha goduto di un anno e cinque mesi per assistere il figlio disabile, la madre potrà richiedere il congedo per il residuo (sette mesi) solo se non ha usufruito di altri periodi o ne ha usufruito per meno di sette mesi.

Se i genitori hanno più figli disabili, il congedo spetta per ciascuno di essi a meno che dagli accertamenti sanitari non emerga la possibilità di assistere entrambi i figli sfruttando un unico congedo.

Congedo straordinario disabili: condizioni

Il congedo spetta se il familiare disabile non è ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati a meno che:

  • Il personale sanitario non richieda la presenza e l’assistenza di un genitore o di un familiare;
  • Il disabile è in stato vegetativo persistente e / o con prognosi infausta a breve termine.

Il congedo spetta altresì se l’assistito deve recarsi al di fuori del luogo di ricovero per sostenere esami o visite specialistiche.

Gli assistiti devono essere affetti da handicap grave da intendersi come la minorazione fisica, psichica o sensoriale stabilizzata o progressiva con le caratteristiche della gravità. Condizione questa che si realizza quando la disabilità ha ridotto l’autonomia personale della persona tale da rendere necessaria un’assistenza continuativa e permanente.

Lo stato di gravità dev’essere accertato dalle Commissioni ASL competenti.

Congedo straordinario disabili: trattamento economico

Durante i periodi di congedo è l’INPS a farsi carico della retribuzione, nonostante questa venga anticipata in busta paga dall’azienda (che poi la recupera sui contributi previdenziali da versare all’Istituto), eccezion fatta per i casi di pagamento diretto.

Il trattamento economico è pari alla retribuzione percepita nell’ultimo mese lavorato prima di quello in cui il dipendente è in congedo.

A meno che non vi siano condizioni di miglior favore da parte di accordi / contratti individuali o aziendali, nei periodi di congedo non maturano ferie, permessi, mensilità aggiuntive e TFR.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


15 COMMENTI

  1. Buonasera. Mio marito ha un’invalidita’ al 100% e percepisce una pensione piu’ assegno di accompagno.Sono una dipendente del miur ed usufruisco per lo stesso della l. 104 e della legge 151.
    Vorrei sapere se mio marito, pur essendo invalido al !00% , essendo in situalzione di malattia psichiatrica, puo’ uscire da solo per una passeggiata o andare in farmacia…insomma piccole mansioni che la volte sembrano giovargli un minimo.Ci sono controindicazioni se esce da solo senza che io lo accompagni? Oppure debbo essere sempre con lui se vuole andare al parco a fare una passseggiata’?
    Non riesco a capire cosa fare quando smania e vuole uscire da solo e magari io in quel momento essendo a casa con lui sto rassettando la stanza o cucinando…
    Vi ringraxzio per la risposta.
    P. S.
    Anch’io sono sono invalida al 100% e usufruisco dei 3 gg mensili di sospensione dal lavoro.

  2. ho richiesto telematicamente il congedo straordinario legge 151, su mia moglie disabilità grave comma 3,nel momento della richiesta telematica da me fatta , non ho letto da nessuna parte la voce dell’obbligo di residenza. io convivo con mia moglie avendo lo stesso domicilio ma la mia residenza è nel comune di roma non a roma dove mia moglie risiede. il giorno dopo averla inoltrata mi sono recato agli uffici INPS per consegnare la copia originale dell’handicap di mia moglie, e la copia della domanda telematica inoltrata il giorno prima; sulla residenza non mi hanno detto nulla, aggiungendo che a L’INPS occorrono quei 60 giorni, e che io mi dovevo comunque ritenermi in congedo dal periodo scelto. lo stesso giorno della richiesta ho inoltrato alla mia azienda copia della domanda telematica da me fatta, chiedendo se era corretto il ritenermi in congedo, avendo come risposta, si. ora leggendovi mi chiedo: che succede adesso per la residenza che non ho? posso fare la temporanea anche in un secondo tempo inoltrandola ? rimango in attesa ringraziandovi anticipatamente .
    cordialmente Marcello

  3. presso la nostra abitazione abita mia mamma disabile 104 art.3 comma 3. La predetta mamma ha la dimora temporanea presso la nostra abitazione essendo lei residente in sardegna. Posso chiede il congedo straordinario per assistere la mamma.

  4. Salve. Lavoro per una ditta di pulizia. Da Settembre al 26 novembre ho fatto malattia, ho linfoma e leucemia, però ho dovuto interrompere la malattia per rientrare al lavoro tan solo per firmare il nuovo contrato con la ditta, che ha vinto la gara di appalto. Già che non posso svolgere la mia mansione . Nel frattempo mi ha arrivato il verbale di invalidità totale e permanente inabilità lavorativa 100%,e con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani, anche ho la 104.. Posso adesso continuare in malattia o questo verbale vuole dire che possono licenziarmi??.

  5. Mia suocera ha disabilitá grave con legge 104, mio suocero non può assisterla perché ha una patologia invalidante. Mia moglie è in maternità fino a febbraio, posso chiedere io che sono il genero il congedo straordinario fino alla fine della maternità?

  6. Salve scrivo per mia sorella la quale nel mese di luglio ha scoperto di avere un tumore al pancreas con metastasi al fegato. Tumore non operabile è in fase di cicli di chemioterapia mia sorella lavora presso un albergo di 4 stelle in campania in questo momento sta facendo malattia è ha fatto circa 120 giorni. Da contratto alberghiero può fare 180 giorni dopo cosa succede? Ha fatto domanda di accompagnamento, invalidità, legge 104 piu ss3 assegno ordinario tutte accettate per non perdere il posto di lavoro cosa deve fare dopo i 180 giorni?.attendo risposta grazie.

    • Salve Giovanni, il personale con CCNL Turismo Confcommercio-Aziende Alberghiere ha diritto alla conservazione del posto di lavoro per un periodo di 180 giorni per anno, intendendosi per tale il periodo compreso tra il 1º gennaio e il 31 dicembre.
      La conservazione del posto sarà prolungata, a richiesta del lavoratore, per un ulteriore “periodo di aspettativa” senza retribuzione, non superiore a giorni 120, utile ai fini dell’anzianità di servizio in caso di prosecuzione del rapporto.
      A tale periodo di aspettativa possono essere attaccate eventuali ferie e permessi da usufruire per allungare il periodo di malattia
      Qualora, allo scadere del periodo di conservazione del posto o di aspettativa, comprese ferie e permessi, il personale non potesse riprendere servizio per il protrarsi della malattia, il rapporto di lavoro si intenderà risolto con diritto all’intero trattamento di fine rapporto ed a quanto altro dovuto, esclusa l’indennità sostitutiva di preavviso.

  7. Buongiorno ! Sono un dipendente del comune di Palermo usufruisco già della legge 104 per mio fratello. Lui no abita con me posso usufruire del congedo straordinario di due anni frazionabile in mesi

  8. Desidero sapere se, quando uno dei due genitori è in pensione, l’altro può beneficiare dei due anni di congedo previsto in caso di assistenza al figlio (L 104 con comma di gravità). Grazie
    Elisabetta

  9. Per fruire dei due anni di congedo per assistere un figlio minore di 16 anni, al quale è stato riconosciuto lo stato di gravità (104 art3, 3), è necessaria la convivenza?

    • Salve Fulvio, relativamente al requisito richiesto della convivenza del beneficiario-lavoratore con il familiare portatore di handicap va tenuta presente la sentenza della Cassazione n. 27232 del 22.12.2014, secondo la quale il requisito in questione va interpretato in maniera elastica e più rispondente alla ratio della norma relativa all’art. 33 della L. n. 104, per cui il beneficio al lavoratore spetta anche se non convive con il familiare portatore di handicap, e quindi anche se si ha domicilio/residenza in una città distante e, addirittura, se è presente con il disabile una badante.

  10. Salve, sono una dipendente statale e fino all’anno scorso mia sorella, anche lei dipendente, ha usufruito della 104 di mio padre. Adesso vorrebbe che ne usufruissi io. Posso usufruire di un congedo straordinario per un anno scolastico non avendo la residenza con lui?
    Grazie anticipatamente per Vs risposta

  11. Assisto mia suocera da due anni con disabilità grave e con legge 104 per l’assistenza, viviamo nello stesso numero civico in due appartamenti attigui. Mio marito è vivo e presente, con il quale condividiamo gli oneri dell’assistenza. In agosto compio 63 anni e ho maturato 35 anni di contributi. Vorrei andare in pensione con l’APE sociale ne ho diritto, quando la domanda?

    • Salve Agnese, all’Ape sociale possono accedere i lavoratori residenti in Italia iscritti all’AGO, alle forme sostitutive ed esclusive della stessa nonché alla Gestione Separata, che alla data di accesso al trattamento si trovano in questi condizioni: 63 anni di età compiuti; hanno cessato l’attività lavorativa; non sono titolari di una pensione diretta; maturano entro il 31 dicembre 2019 almeno 30 anni di contributi (elevati a 36 per le mansioni gravose), con un massimo di 2 anni di sconto per le madri.
      Devono inoltre trovarsi in una delle seguenti condizioni: disoccupati; assistenza a un familiare disabile; invalidi civili; addetti a mansioni gravose.
      La domanda va inoltrata direttamente all’Inps. Cordiali saluti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome