reddito di cittadinanza 2019

Obiettivo: evitare che il reddito di cittadinanza 2019 diventi un mero sussidio assistenziale in mano a fannulloni. Con questo presupposto la Lega strappa di mano la misura-bandiera del Movimento 5 stelle lanciando una personale proposta, per bocca del sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri.

Questo perché in realtà la modalità con cui la misura di contrasto verrà erogata non è affatto stata definita, e men che meno è chiara. Tutto pare essere ancora in gioco, tanto che salgono sul piedistallo proposte alternative dei compari leghisti del Governo.

La Lega propone di spostare il baricentro del reddito dai Centri per l’impiego alle imprese.

Tutte le novità sul Reddito di cittadinanza 

Reddito di cittadinanza 2019: la proposta della Lega

Armando Siri, che già a inizio novembre dichiarava che “la cornice della misura va ancora definita”, aggiungendo: “Non vedo perché non dovrebbe esserci la disponibilità del M5s a creare un provvedimento che sia il più possibile condiviso e che non crei fratture nel Paese. È evidente che sul reddito di cittadinanza, così come viene presentato, c’è una frattura tra Nord e Sud”.

E così ha rilanciato nelle ultime ore “Dobbiamo coinvolgere di più il mondo produttivo ed evitare che il sussidio si possa tramutare in una misura assistenziale”.

La sua proposta è “erogare il reddito di cittadinanza direttamente all’azienda che si occuperà di formare e riqualificare il disoccupato. Sostanzialmente, l’impresa agirà da “sostituto d’imposta”, versando l’equivalente all’interessato. Che, al termine del periodo di formazione-lavoro, potrà essere assunto dalla stessa impresa, oppure mettersi sul mercato con un bagaglio di competenze aggiornato”.

L’obiettivo è quello di “rendere più appetibile la misura agli imprenditori e ai cittadini che, soprattutto nel Nord, temono venga incoraggiato l’assistenzialismo.

Difficile capire come applicare in concreto anche questa nuova proposta. Il sistema centri per l’impiego in Italia non funziona, e ancor di meno funziona il dialogo tra aziende e centri, tanto che oggi è davvero molto raro che arrivino offerte aziendali di lavoro, che possano facilitare il Centro per l’impiego di riferimento della persona disoccupata nel compito di rioccupazione.

Reddito di cittadinanza 2019: le risorse stanziate

Le risorse stanziate in Legge di bilancio 2019 per attuare il Reddito di cittadinanza ammontano a 7,1 miliardi all’anno. Inoltre 2 miliardi l’anno, per due anni, dovranno essere impiegati per la riforma dei Centri per l’impiego. Ci sono poi 900 milioni per l’erogazione della pensione di cittadinanza, che dovrebbe portare tutte le pensioni alla soglia minima di 780 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COMMENTO

  1. Buongiorno MI CHIAMO FRANCO BERNARDI ED HO COMPIUTI 64 ANNI AD APRILE ,SONO DISOCCUPATO DAL 2014 PER UN INTERVENTO ALLA PROSTATA PERCEPISCO LA PENSIONE D’INVALIDITà AVEVO UN ‘IMPRESA EDILE E FACEVO FARE TUTTI I PAGAMENTI DAL COMMERCIALISTA NEL MOMENTO DELLA PENSIONE SONO ANDATO AL(,I M P S),E MI ANNO FATTO I CALCOLI ,E MI ANNO DETTO CHE GLI ANNI CONTRIBUTIVI NON ERANO SUFFICENTI XCH’E MANCAVANO PARECCHI ANNI ,COSA ,MI CONSIGLIATE ,X QUESTO BASTARDO CHE NON MI A VERSATO I MIEI CONTRIBUTI .(DOMANDA) HO IL DIRITTO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA ,CON SOLO 10 ANNI DI CONTRIBUTI? VORREI ANCHE SAPERE,SE RIENTRO AL REDDITO DI CITTADINANZA E COME FARE X AVERLO.GRAZIE .

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome